100 leader aziendali hanno avvertito del piano di Johnson per riformare gli obiettivi verdi rischiosi

[ad_1]

Più di 100 dirigenti d’azienda hanno avvertito Boris Johnson che il suo piano per smantellare il sistema di pianificazione inglese potrebbe aprire terreni protetti allo sviluppo e potrebbe indurre la Gran Bretagna a violare obiettivi ambientali legalmente vincolanti.

In una lettera inviata venerdì al Primo Ministro, i capi, gli accademici e gli esperti di sostenibilità dell’indice FTSE 100 hanno affermato che queste proposte non sono sufficienti per garantire il raggiungimento degli obiettivi ambientali.

Il Regno Unito si è impegnato a diventare un emettitore di carbonio “a zero” entro il 2050 e ha fissato un obiettivo vincolante nella legge per ridurre le emissioni del 78% entro il 2035 rispetto ai livelli del 1990.

Tuttavia, secondo Julie Hirigoyen, CEO del Green Building Council del Regno Unito, a causa dell’approccio “isolato” del governo alle sue tre aree politiche principali: costruzione di alloggi, sviluppo delle infrastrutture e raggiungimento degli obiettivi ambientali, questo obiettivo potrebbe essere mancato. Scrivi a Aldersgate Group Aldersgate Group è un’alleanza verde di leader aziendali e civici.

“Sembra che non abbiamo raggiunto un piano di alto livello per lo zero netto. Il sistema di pianificazione deve essere una parte fondamentale di esso”, ha affermato Hirigoyen.

“L’attuale sistema di pianificazione non può certamente soddisfare il ritmo del cambiamento di cui abbiamo bisogno per raggiungere lo zero netto e gli obiettivi di sostenibilità”, ha aggiunto. Ha detto che sebbene le ambizioni e le iniziative di riforma del governo siano ben accette, raramente menziona la sostenibilità nel suo white paper di 84 pagine.

“Molto importante per accelerare la pianificazione. Ma è importante notare che questo può andare a scapito dello zero netto, della biodiversità o della partecipazione della comunità”.

Queste proposte annunciate nell’agosto dello scorso anno sono state definite dal governo le più importanti riforme del sistema di pianificazione degli ultimi 70 anni.

“Non si tratta di giocherellare con i bordi, non si tratta semplicemente di dipingere su zone bagnate, si tratta di livellare le fondamenta e gli edifici, partendo da zero e stabilendo un nuovo sistema di pianificazione per l’Inghilterra”, ha descritto Johnson il piano l’anno scorso.

Ma gli elementi chiave della proposta potrebbero essere accantonati prima che diventi legge, perché ha incontrato una ferma resistenza da parte di attivisti e legislatori del Partito Conservatore.

Una delle proposte di riforma più controverse è il progetto di abolizione dell’attuale processo decisionale di pianificazione, in cui le domande vengono decise caso per caso a livello locale. Secondo i piani del governo, questo sarà sostituito da un sistema di “zonizzazione”, in cui ampi tratti di terra saranno destinati allo sviluppo o alla protezione.

C’è il rischio di “sviluppo improprio” nell’apertura del terreno senza un’adeguata protezione.I firmatari della lettera includono le società immobiliari British Land, Berkeley Group e Jones Lang LaSalle, le società di ingegneria Arcadis e Buro Happold e gli investitori istituzionali includono Legal & General Gestione degli investimenti e Thames Water, società di servizi pubblici.

Nick Molho, CEO di Aldersgate Group, ha dichiarato che queste società “desiderano una chiara prospettiva di investimento basata su elevati standard ambientali”. “Non vuoi investire in un grande progetto infrastrutturale e poi scoprire che le regole sono cambiate in cinque anni”, ha aggiunto.

In un rapporto separato pubblicato giovedì, la Commissione speciale per gli alloggi, le comunità e il governo locale della Camera dei Comuni ha dichiarato che la proposta per il sistema di zonizzazione mancava di “dettagli necessari” e dovrebbe essere riconsiderata.

Clive Betts, deputato laburista e presidente del comitato, ha dichiarato: “L’obiettivo del sistema di pianificazione del governo è sviluppare un sistema di pianificazione in grado di costruire edifici più velocemente e ottenere più input dalle comunità locali, ma non è ancora chiaro. Come l’attuale proposta raggiungerà questo obiettivo».

Capitale del clima

Dove il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Esplora il rapporto “Financial Times” del Regno Unito qui.

Sei curioso di conoscere l’impegno di sostenibilità ambientale del Financial Times? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza qui

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *