500.000 partner britannici e lavoratori autonomi dovranno affrontare maggiori tasse nel 2022

[ad_1]

Aggiornamento delle tasse nel Regno Unito

Dopo che il governo britannico ha proposto di modificare le date in cui alcune società dichiarano i propri profitti, l’anno prossimo più di 500.000 lavoratori autonomi e partner di studi legali e gruppi contabili dovranno affrontare tasse più alte del previsto.

Gli esperti dicono che questa mossa porterà miliardi di sterline di entrate al Ministero delle Finanze, altrimenti riceverà i soldi per diversi anni e ridurrà l’importo del capitale circolante per i partner e i lavoratori autonomi fino a cinque anni.

Consultazione e progetto di legge Pubblicare Il mese scorso, ha rivelato un piano per modificare il periodo di 12 mesi che i partner e i lavoratori autonomi utilizzano per calcolare i profitti in modo che tutti si allineino con il 31 marzo o il 5 aprile, la fine dell’anno fiscale.

Questa modifica significa che le aziende e i loro partner possono ora posticipare i loro obblighi fiscali posticipando la fine dell’anno fiscale a una data successiva.

Secondo le dichiarazioni dei redditi per il 2019/20, la misura dovrebbe riguardare circa 250.000 soci e 280.000 lavoratori autonomi.

Anita Monteith, consulente politico senior presso l’Institute of Chartered Accountants in Inghilterra e Galles, ha affermato che non sarebbe sorpresa se la misura raccogliesse “miliardi di dollari”.

“Grazie a queste grandi partnership hai fatto un sacco di soldi… Puoi ottenere un sacco di soldi sani che fluiscono nella tesoreria nazionale, che ti aiuterà a ripagare alcuni enormi debiti nazionali”, ha detto.

Attualmente, le aziende possono scegliere una data per la preparazione dei loro conti annuali. L’onere fiscale di loro e dei loro partner è diminuito alla fine dell’anno fiscale in cui è terminato il periodo contabile.

Per i partner il cui anno fiscale termina il 30 aprile, molti scelgono di massimizzare il tempo tra il loro profitto e il pagamento delle tasse in questa data, quindi i pagamenti possono essere ritardati di 11 mesi rispetto ad altri contribuenti.

Ma dal 2023, il governo propone di richiedere alle aziende e ai loro partner di allineare i loro utili imponibili con il resto del Paese, anche se preparano i loro conti in una data diversa.

Per le aziende che attualmente non utilizzano alcuna data, l’anno di transizione inizierà nell’aprile 2022. Durante questo periodo, le società interessate dovranno pagare le tasse sugli utili per più di un anno – 23 mesi nel peggiore dei casi – per prepararsi al lancio del nuovo sistema nell’aprile 2023.

Guy Sterling, un partner fiscale della società di contabilità Moore Kingston Smith, ha affermato che si aspetta che la misura generi almeno 1 miliardo di sterline di entrate solo dalle più grandi società di contabilità e studi legali.

“Oltre a complicare la rendicontazione degli utili, ciò accelererà anche il pagamento delle tasse di molti partner professionali e colpirà il flusso di cassa dei dipartimenti che sono considerati obiettivi deboli dalle entrate e dalle dogane del Regno Unito”, ha aggiunto.

Il governo non ha annunciato l’impatto fiscale della proposta, ma prevede di annunciarlo al termine della consultazione il 31 agosto. Attualmente, quando le persone lasciano il partenariato (di solito quando vanno in pensione o il lavoratore autonomo chiude l’attività), il governo riceve pagamenti differiti.

Il governo raccomanda che i contribuenti possano dilazionare il pagamento su cinque anni, ma alcune persone affermano che la misura danneggerà comunque il flusso di cassa dei partner e delle società di servizi professionali.

Giles Murphy, direttore della pratica professionale presso il consulente finanziario Smith & Williamson, ha affermato che se la capacità di differire le tasse scompare, “le riserve di liquidità della società avranno un vuoto e potrebbe essere molto grave”.

Philip Hall, presidente dell’Income Committee della City of London Lawyers Association, ha dichiarato: “Penso che questo sarà un incubo per i grandi studi legali”.

Un partner della società di revisione dei Big Four ha accusato il Ministero delle finanze di non aver fornito una consulenza sufficientemente ampia, né di aver tenuto conto delle diverse esigenze di una serie di aziende. La persona a conoscenza della questione ha affermato che l’esclusione dei partenariati dalle misure dovrebbe essere presa in considerazione dal Ministero delle finanze.

Tuttavia, il governo ha dichiarato di aver condotto consultazioni informali con grandi e piccole imprese su questi cambiamenti prima di avviare la consultazione.

Parte del cambiamento è semplificare il sistema fiscale Archiviazione digitale E iniziare a dichiarare l’imposta sul reddito nell’aprile 2023.

Le persone colpite beneficeranno dell’eliminazione di una stranezza delle regole attuali, che di fatto obbliga i nuovi soci di alcune società a pagare due anni di tasse quando vengono promosse, e li costringe ad aspettare fino alla pensione per annullare il pagamento in eccesso.

Il ministero delle Finanze ha dichiarato: “Semplificare le regole del periodo di base consentirà ai lavoratori autonomi di dedicare meno tempo all’amministrazione fiscale e contribuirà anche a ridurre gli errori e gli errori nelle dichiarazioni”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *