500 poliziotti della sicurezza nazionale hanno fatto irruzione nella redazione “Apple Daily” del magnate di Hong Kong Li Zhiying Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 17 maggio 2021, una copia del quotidiano Apple Daily di Next Digital può essere vista in edicola a Hong Kong, in Cina. REUTERS/Lam Yik

Autori: Sharon Tam e Sharon Abratique

Hong Kong (Reuters)-Giovedì 500 agenti di polizia di Hong Kong hanno controllato i computer e i laptop dei giornalisti sul tabloid della democrazia Apple (NASDAQ:) Daily. Questo è stato il primo caso in cui le autorità hanno citato articoli dei media che potrebbero violare la legge sulla sicurezza nazionale .

All’alba la polizia ha arrestato cinque dirigenti del giornale, poi qualcuno ha visto il poliziotto entrare nel computer della redazione con un mandato di cattura e sequestrato materiale informativo.

Il raid è l’ultimo attacco al magnate dei media Li Zhiying, proprietario del tabloid e fedele commentatore di Pechino i cui beni sono stati confiscati in conformità con la legge sulla sicurezza nazionale e sta scontando una condanna per aver partecipato a un’assemblea illegale.

La polizia ha affermato che il mandato di arresto è stato progettato per raccogliere prove, comprese prove dai telefoni cellulari e dai computer dei giornalisti, per mettere in guardia la libertà dei media.

Ha affermato che il tabloid ha pubblicato dozzine di segnalazioni di possibili violazioni della sicurezza risalenti al 2019, ma non ha specificato quando fosse l’articolo correlato più recente. La legislazione non ha effetto retroattivo, ma il pubblico ministero può utilizzare le sue azioni precedenti come prova.

“La natura dell’articolo è semplice: incitare e chiedere sanzioni straniere contro Hong Kong e la Repubblica popolare cinese. È molto semplice”, ha detto il sovrintendente senior Li Guihua ai giornalisti fuori dalla sede del giornale.

Li ha affermato che la polizia ha anche congelato 18 milioni di dollari di Hong Kong (2,32 milioni di dollari) in beni di proprietà di tre società associate ad Apple Daily e che il raid non era rivolto all’intera industria dei media.

“Questo è un attacco sfacciato agli editori di Apple Daily”, ha detto a Reuters Max Simon, un consulente con sede fuori Hong Kong. “Stanno arrestando i migliori editori.”

Questa è la seconda volta che la polizia fa irruzione nel quartier generale dell’Apple Daily; l’anno scorso, 200 ufficiali militari hanno arrestato Lai con l’accusa di collusione con forze straniere.

Lai è detenuto dal dicembre dello scorso anno, gli è stata negata la libertà su cauzione ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale e ha scontato più volte la pena detentiva per aver partecipato ad alcuni raduni non autorizzati, anche durante le massicce proteste democratiche nel centro finanziario globale nel 2019.

La legge sulla sicurezza nazionale è la prima grande mossa di Pechino per mettere la città più turbolenta della Cina sulla strada dell’autocrazia. Punisce tutto ciò che Pechino considera sovversione, separatismo, terrorismo e collusione con forze straniere, con la pena massima dell’ergastolo.

La polizia di sicurezza nazionale ha dichiarato in un comunicato che cinque direttori di una società sono stati arrestati con l’accusa di collusione con paesi stranieri o con estranei. La polizia di Hong Kong non ha rivelato il nome della persona arrestata.

“Apple Daily” ha dichiarato che il caporedattore Ron, l’amministratore delegato Zhang Jianxiong, il direttore operativo Zhou Daquan, il vicedirettore Chen Peiman e il caporedattore Zhang Zhiwei sono stati tutti arrestati nel raid mattutino.

L’immagine pubblicata da Apple Daily mostra agenti di polizia seduti alle scrivanie dei giornalisti e che usano i loro computer. Una persona che ha trasmesso in diretta per la pagina Facebook (NASDAQ:) di Apple Daily ha affermato che ai giornalisti è vietato entrare in determinati piani o ottenere le loro apparecchiature o laptop.

Qualcuno ha visto il caporedattore Luo camminare in manette, con la polizia su entrambi i lati. La principale stazione di notizie di Apple Daily ha detto ai giornalisti in un messaggio di testo visto da Reuters che stavano temporaneamente continuando la loro missione fuori dall’edificio.

Questa mossa è l’ultimo colpo all'”Apple Daily”, dopo che le autorità hanno disposto il congelamento delle azioni dell’editore del quotidiano Next Digital, il magnate condannato al carcere.

Quando gli è stato chiesto per quanto tempo pensa che il giornale sopravviverà, Simon ha detto: “Non dipende da noi. Dipende da loro. La nostra redazione ha 100 agenti di polizia. Decidono loro, non noi”.

“Apple Daily” è un tabloid impenitente che mescola la retorica democratica con i pettegolezzi delle celebrità e le indagini su chi è al potere. È molto popolare a Hong Kong.

Nel maggio di quest’anno, Reuters ha riferito che il Segretario per la sicurezza di Hong Kong ha scritto alle filiali di Lai He HSBC e Citibank minacciando di rischiare fino a sette anni di carcere per qualsiasi transazione con il conto di Hong Kong del miliardario.

Secondo la stessa legge, anche i beni di Lai sono stati congelati.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *