8 campagne pubblicitarie di grande successo

[ad_1]

Gli slogan più accattivanti non restano solo nella tua mente, ma possono anche cambiare la tua percezione del prodotto pubblicizzato. Una buona pubblicità ti convincerà ad acquistare il prodotto o il servizio pubblicizzato. Ma una campagna pubblicitaria di grande successo ha consolidato una nuova parola d’ordine ed è diventata un riferimento culturale.

Questo è l’obiettivo finale dei professionisti del marketing quando formulano campagne pubblicitarie.Le seguenti otto campagne pubblicitarie di successo mostrano slogan intelligenti che sono indispensabili per l’azienda Consapevolezza del marchio.

Punti chiave

  • Campagne pubblicitarie di successo cercano di collegare i prodotti venduti con slogan accattivanti.
  • La campagna pubblicitaria di maggior successo consolida un nuovo slogan e diventa un punto di riferimento culturale.
  • Famose campagne pubblicitarie di Apple, McDonald’s, De Beers, “Is there milk?”, American Express, Nike, barrette di cioccolato Kit Kat e Volkswagen sono diventate parte della cultura popolare.

1. “Fallo”

Nike (di) Ha adottato questo slogan nel 1988 quando l’azienda era in difficoltà finanziarie. Questa semplice frase è ora inseparabile dall’attrezzatura sportiva di marca. Si può dire che “Just Do It” è una parola perfetta per le aziende che vendono abbigliamento sportivo e merchandising, perché ispira un senso di audacia e incoraggia i consumatori a lavorare di più. Il successo di questo slogan è ormai considerato una parte fondamentale del successo di Nike negli anni dal suo lancio.

2. “Pensa al piccolo”

Volkswagen (VLKAF) Nel corso degli anni sono stati prodotti molti ingegnosi slogan e attività pubblicitarie, ma forse il loro slogan più ammirato risale al 1959: “Think Small”. La campagna è stata creata dalla società pubblicitaria Doyle Dane Bernbach (DDB) ed è stata nominata la migliore campagna pubblicitaria del XX secolo da “Ad Age” nel North American Advertising Survey.

A quel tempo, gli americani erano desiderosi di auto di grandi dimensioni con molte caratteristiche di lusso, mentre la Volkswagen stava cercando di vendere i suoi piccoli modelli di Maggiolino. Per gli americani ossessionati dalle auto di lusso e dalle muscle car, promuovere il fascino di auto piccole e durevoli è una sfida. La loro pubblicità di basso profilo include una piccola immagine di un’auto circondata da una grande quantità di spazio bianco con funzioni pratiche dell’auto.

3. “Hai riposato oggi?”

Nel 1995, McDonald’s (MCD) Nella loro pubblicità, hanno posto ai consumatori una semplice domanda: “Hai fatto una pausa oggi?” Questo slogan è un’evoluzione del loro slogan precedente: “Oggi ti meriti una pausa”.

Lo slogan “Ti meriti un riposo oggi” è apparso per la prima volta in uno spot televisivo nel 1971. È apparso in pubblicità stampate e televisive negli anni ’70 e ’80. La versione rivista dello slogan – “Hai riposato oggi?” – è stata nominata la più grande pubblicità del secolo da “Advertising Times” nel 1999. Quando McDonald’s ha lanciato il suo slogan “Stai riposando oggi?” nel 1995, era almeno il trentesimo slogan dell’azienda in 30 anni.

4. “Eternità del diamante”

De Beers ha introdotto questo semplice slogan nel 1947 ed è ancora utilizzato oggi, rendendola una delle campagne pubblicitarie più lunghe di sempre. Lo slogan “A Diamond Is Forever” è stato scritto da Frances Gerety di NW Ayer, un’agenzia pubblicitaria di Filadelfia. Durante la Grande Depressione, le vendite di diamanti sono diminuite. Lo slogan di De Beers ha cambiato gran parte del rapporto tra gli Stati Uniti ei diamanti. Prima dell’avvento degli slogan, non era comune proporre matrimoni con anelli di fidanzamento con diamanti.

Il quarto romanzo di Ian Fleming con protagonista James Bond è stato pubblicato nel 1956, intitolato “I diamanti sono eterni”, consolidando ulteriormente lo slogan di De Beers nello spirito del tempo culturale. (Il libro è stato infine trasformato in un film nel 1971.) Per vendere i loro costosi diamanti, De Beers ha continuato a fare affidamento su semplici pubblicità in bianco e nero per trasmettere un senso di atemporalità.

5. “Dammi una pausa”

Lo slogan di Kit Kat Candy Bar faceva parte di una pubblicità più attraente lanciata nel 1986. “Gimme a Break” è una variazione dello slogan del 1957 di Kit Kat “Have a Break… Have a Kit Kat”. Lo spot televisivo con la canzone “Gimme a Break” include immagini del posto di lavoro che rompe le caramelle KitKat mentre canta.

Sebbene lo slogan nel 1957 sia stato creato da Donald Gilles della J. Walter Thompson Advertising Agency, lo slogan pubblicitario è stato scritto da Ken Suldman e Michale A. Levine. La mossa per collegare la barra Kit Kat alla lunga pausa lavorativa ha risuonato tra i consumatori.

Tuttavia, nel 2004, il produttore di Kit Kat decise di “prendersi una pausa” e lo sostituì con un nuovo slogan, “Sfrutta al massimo il tuo tempo di riposo”. Secondo un portavoce dell’azienda, lo slogan aggiornato mira a riflettere il cambiamento culturale dai luoghi di lavoro formali.

6. “Pensieri diversi”

Sebbene lo slogan pubblicitario di Apple sia stato criticato per errori grammaticali, è comunque entrato con successo nella mente dei consumatori. Mela. (AAPL) Ha lanciato questo slogan sotto forma di pubblicità stampata e pubblicità commerciale nel 1997. Il motto richiede ai consumatori di agire in modo ribelle e ignorare le aspettative per raggiungere l’eccellenza. Poiché questa è una storia stimolante della fondazione dell’azienda da parte di Steve Jobs (e del suo successo), ha avuto risonanza con molti consumatori.

Alcune delle pubblicità dell’evento combinavano immagini in bianco e nero di altri personaggi storici ritenuti visionari con la serie “Think Different”.

7. “C’è del latte?”

Lo slogan “C’è del latte?” è stato introdotto per la prima volta nel 1993 per incoraggiare i consumatori a bere più latte. Il California Milk Processors Council ha assunto l’agenzia pubblicitaria Goodby, Silverstein & Partners per aumentare le vendite. La campagna “Have Milk?” era originariamente una pubblicità ed è diventata rapidamente una parte indelebile della cultura popolare.

Molte pubblicità presentano celebrità con baffi di latte. Dalla modella Naomi Campbell al ruolo dei Simpson fino a Dennis Rodman, le figure all’apice della cultura delle celebrità negli anni ’90 sono diventate parte di “Is there milk?” marca. Nei 20 anni più attivi del movimento, 70 pubblicità sono state mostrate in televisione nella sola California e più di 350 sono state mostrate sulla stampa nazionale e sulla televisione.

8. “Non uscire di casa senza”

American Express (AXP). Nel 1975, ai consumatori è stato consigliato di non uscire di casa per la prima volta. Questo slogan è stato originariamente utilizzato per promuovere i travellers’ cheque dell’American Express e il protagonista della pubblicità è l’attore premio Oscar Karl Malden (Karl Malden).

Lo slogan si è evoluto da “Non uscire di casa senza di loro” a “Non uscire di casa senza uscire”, riferendosi alle carte di credito American Express. Sebbene Malden sia stato l’ambasciatore del marchio per più di due decenni, anche altre celebrità come Stephen King e Jerry Seinfeld sono apparse di recente nelle pubblicità di American Express.

Garantire un posto nella psicologia del consumatore

L’obiettivo finale degli inserzionisti è quello di avere un posto nella psicologia dei consumatori; ogni pubblicità è per l’attenzione dei consumatori. Le campagne pubblicitarie di maggior successo cercano di collegare i prodotti venduti con slogan accattivanti. Che si tratti di frasi brevi e dolci che si adattano alla logica del prodotto o di una strana affermazione che i consumatori riesaminano, questo non è un compito facile per gli inserzionisti.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *