A causa dell’aggressivo Elliott in agguato, GlaxoSmithKline incontra difficoltà nel persuadere gli investitori

[ad_1]

Secondo i principali investitori, il CEO di GlaxoSmithKline Emma Walmsley sta affrontando una lotta per conquistare i principali azionisti dopo che Elliott Management ha attirato una trasformazione radicale del gruppo farmaceutico.

Prima del GlaxoSmithKline Investor Day della prossima settimana, l’investitore attivista Elliott ha espresso dubbi sul fatto che Wormsley debba restare e andare avanti. Trasformazione Dopo lo spin-off, il gruppo pianifica Salute del consumatore I punti dello scorso anno.

Uno dei primi 20 azionisti ha affermato che, dopo aver discusso con Elliott, alcuni investitori sono stati attratti dai cambi di gestione. Miliardi di sterline in azioni Alla GlaxoSmithKline all’inizio di quest’anno. “Il suo background è il consumatore piuttosto che l’assistenza sanitaria, che potrebbe essere la ragione”, ha detto.

Un altro importante azionista ha affermato che Elliott non sembra volere che Walmsley guidi il business farmaceutico e potrebbe anche spingere la divisione vaccini GlaxoSmithKline a condurre un’offerta pubblica iniziale separata, che farà crollare la società ancora più del previsto. Elliott ha rifiutato di commentare.

All’evento di mercoledì, gli azionisti potrebbero chiedersi se GlaxoSmithKline dovrebbe investire così tanti soldi in farmaci antitumorali per recuperare il ritardo e se dovrebbe cercare di rafforzare la sua recente pipeline per compensare la sua perdita esclusiva su alcuni farmaci per l’HIV dieci anni dopo, o concentrarsi sulle terapie di nuova generazione da cinque a dieci anni dopo.

Anche gli azionisti che non hanno ancora deciso se sostenere gli sforzi di Elliott stanno prestando molta attenzione all’investor day. Una grande società di gestione patrimoniale ha affermato di “aspettare con impazienza il Capital Market Day” e di ascoltare le opinioni di Walmsley.

Il CEO di GlaxoSmithKline concentrerà il suo discorso, avviando un roadshow di diversi giorni per gli investitori, sulla promessa di “New GlaxoSmithKline”, cercando di dimostrare che se c’è tempo, ha l’opportunità di aggiornare la pipeline dei farmaci.

Luke Miels, presidente di GlaxoSmithKline (GSK), che gestisce un’attività commerciale, ha confrontato l’azienda con AstraZeneca, dove lavorava, anche quest’ultimo in ritardo in oncologia, ma ora è Lead rapidamente.

“Penso che queste cose richiederanno tempo prima di poter ricordare gli investitori che hanno incontrato Astra e sono stati sfidati in termini di progressi in campo oncologico”, ha affermato. “Penso che si tratti di scegliere le risorse giuste e andare avanti. Abbiamo molte opportunità che stanno arrivando”.

Walmsley fornirà alla società la sua prima previsione finanziaria a lungo termine, descrivendo in dettaglio il futuro della sua politica dei dividendi, e deciderà se scindere la divisione della sanità dei consumatori e condurre un’offerta pubblica iniziale, o semplicemente scorporarla.

È difficile accontentare tutti gli azionisti, dagli investitori desiderosi di vedere IPO di beni di consumo per finanziare investimenti in farmaci innovativi, agli investitori che temono che la quotazione significhi solo che devono acquistare di nuovo azioni.

“Voglio sapere cosa è successo alla promessa in cantiere, e [have] Conferma che il business consumer sarà diviso, non un’IPO, perché lo possiedo già e non voglio acquistarlo per sostenere il loro bilancio”, ha affermato il secondo azionista.

Il consiglio di amministrazione e il team esecutivo di GSK si sono incontrati con i primi 40 azionisti.

La società ha dichiarato: “Gli azionisti ci hanno detto che sono molto favorevoli alla nostra strategia e vogliono che continuiamo ad attuare la strategia senza essere distratti”.

Rapporto aggiuntivo di Arash Massoudi

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *