A causa delle basse aspettative, gli investitori non prestano più attenzione al gas naturale

[ad_1]

Dopo che l’S&P 500 è rimbalzato del 100% dal minimo di marzo 2020, gli investitori al dettaglio stanno abbandonando gli acceleratori perché si aspettano rendimenti bassi per il resto dell’anno. Inoltre, molte persone hanno ridotto la loro propensione al rischio per azioni e criptovalute. Tuttavia, la loro principale fonte di preoccupazione è più legata alle politiche fiscali e monetarie rispetto alla variante delta COVID-19 diffusa di recente, che potrebbe rallentare la ripresa economica. Questi sono gli ultimi risultati del nostro ultimo sondaggio su 1,5 milioni di lettori della newsletter quotidiana.

Aspettativa silenziosa

La maggior parte degli intervistati ritiene che i guadagni del mercato azionario rallenteranno per il resto del 2021, il che indica che l’entusiasmo è rallentato all’inizio di quest’anno. A marzo 2021, il 48% degli investitori prevede un tasso di rendimento del 5% o più nei prossimi 12 anni. Tuttavia, ad agosto, solo il 30% delle persone continua ad aspettarsi lo stesso livello di rendimento. Un altro 30% crede che il mercato inizierà a scendere o rimarrà piatto da qui. Rispetto a qualsiasi sondaggio che abbiamo condotto quest’anno, questo ottimismo non è così ottimista.


In considerazione dell’allentamento di queste aspettative, la maggior parte degli intervistati ha indicato di non avere intenzione di aumentare l’importo dell’investimento. Sebbene il 54% abbia dichiarato di non avere intenzione di modificare il proprio contributo, più di un terzo degli intervistati ha dichiarato di voler ridurre gli investimenti e solo il 19% ha dichiarato di voler ridurre gli investimenti rispetto al 24% di maggio.

Le scelte di investimento sono cambiate

I progetti in cui i nostri lettori scelgono di investire cambiano anche con la loro propensione al rischio.


Questioni di politica monetaria e fiscale

Sebbene gli investitori non fossero così preoccupati per il mercato azionario come a maggio e marzo, e circa il 43% si dichiarava “un po’ preoccupato”, la spesa pubblica e l’inflazione sono diventate le loro principali preoccupazioni ad agosto. Nonostante l’aumento di nuovi casi in tutto il mondo e la reimplementazione dei regolamenti sulle maschere e delle restrizioni di viaggio, le preoccupazioni sull’impatto economico della rinascita di COVID-19 sono diminuite. Preoccupazioni per gli attacchi informatici aziendali e governativi sono emerse anche prima del COVID-19. Il 39% delle persone riteneva che ciò potesse influire sulle prestazioni degli investimenti nei prossimi 12 mesi. Allo stesso tempo, erano preoccupati che la Fed riducesse i suoi acquisti mensili di obbligazioni degli Stati Uniti. $ 120 miliardi. .


Dov’è la bolla?

I principali indici azionari statunitensi hanno raggiunto livelli record di recente e l’impennata dei prezzi delle materie prime non ha attirato l’attenzione dei lettori quando si considerano i prezzi delle attività eccessivamente gonfiati. Al contrario, più lettori ritengono che il mercato immobiliare statunitense possa essere in una bolla. Sebbene il 60% pensi che il mercato azionario sia sopravvalutato, solo il 29% pensa che sia una bolla e il 38% pensa che i prezzi delle case negli Stati Uniti siano troppo alti.

Un altro 35% crede che Bitcoin sia in una bolla. Finora quest’anno, il prezzo di Bitcoin è aumentato del 54%, mentre l’S&P 500 è aumentato del 18% quest’anno. Anche i prezzi delle case negli Stati Uniti sono aumentati in media del 13,2%. Associazione nazionale degli agenti immobiliari (NAR).


Attenersi alle scorte

I nostri lettori americani sono per lo più investitori azionari e non hanno quasi cambiato idea negli ultimi 16 mesi della nostra indagine. I titoli tecnologici a grande capitalizzazione, i titoli blue chip che pagano dividendi e i titoli meme occasionali sono ancora i più popolari. I risultati del nostro sondaggio di agosto mostrano che i lettori fondamentalmente si attengono ai loro preferiti e Apple, Amazon e Microsoft sono ancora le loro migliori scelte. Tesla è uno dei titoli più popolari detenuti dai nostri lettori ed è uscito dalla top 10 ad agosto con Exxon Mobil. Tuttavia, i produttori di chip Nvidia e Facebook sono entrati nella top 10.


Sebbene la propensione al rischio dei nostri lettori possa essersi indebolita negli ultimi due mesi, la maggior parte degli intervistati ha affermato che se avesse avuto $ 10.000 in più, li investirebbe prima di risparmiare, ripagare il debito o acquistare più azioni o ETF di criptovalute.

Pertanto, sebbene possano essere più cauti in futuro, la maggior parte delle persone crede ancora che le azioni siano le migliori possibilità di ottenere rendimenti dagli investimenti.


Dati Amanda Morelli/Adrian Nesta.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *