Ad Haiti, nella crisi politica infuria la nuova epidemia di polmonite da corona Reuters

[ad_1]

5/5

© Reuters. Il 16 luglio 2021, un uomo cammina attraverso la bombola di ossigeno dell’ospedale haitiano della Fondazione Saint Luke a Port-au-Prince, ad Haiti. REUTERS/Ricardo Arduengo

2/5

David Ariel Garcia

Port-au-Prince (Reuters)-Un paziente anziano che indossa un abito senza maniche color pesca, geme mentre respira l’aria in una delle poche unità mediche della capitale di Haiti, attrezzate per prendersi cura delle persone più colpite dal coronavirus Persone pandemia.

L’uomo di 81 anni indossa una maschera di plastica trasparente sul viso, che è collegata a un serbatoio di metallo e può fornire 21 litri di ossigeno al minuto, che è riservata al caso più grave di COVID-19 al St. Luke’s Hospital di il sobborgo di Port-au-Prince Max-Prince.

“Ogni volta che respira, ogni esercizio di respirazione è molto doloroso”, ha detto la dottoressa Nathalie Colas, direttore medico dell’ospedale, durante la visita al reparto, dove le stanze sono separate da tende sottili che seguono la brezza e il ronzio del Mar dei Caraibi. il ronzio del soffitto muoveva dolcemente i ventilatori.

Mentre Haiti è sprofondato nel tumulto politico questo mese a causa dell’assassinio del presidente Jovenel Moise, il paese più povero delle Americhe, nel contesto della mancanza di risorse mediche, della mancanza di vaccini e dell’aumento della violenza di strada Lotta contro un’epidemia.

Circa 40 pazienti COVID-19 stanno ricevendo cure al St. Luke’s, in calo rispetto ai circa 100 degli ultimi mesi. Ciò potrebbe indicare che l’epidemia in questo paese colpito dalla crisi si sta attenuando e il paese porta ancora le cicatrici del devastante terremoto del 2010.

Ma secondo padre Rick Frechette, fondatore e presidente di St. Luke, è quasi impossibile esserne sicuri. “Non riesco nemmeno a indovinare”, ha detto.

Frechette ha affermato che ci sono molti altri fattori in gioco, tra cui quasi nessun test e vaccino, e la dilagante violenza delle bande impedisce a molti haitiani infetti di accedere ai servizi medici.

In un enorme magazzino, con le provviste accatastate accanto a un generatore di ossigeno industriale che può riempire 40 lattine al giorno, Frechette si è fermata dove la bara è stata assemblata con trucioli di legno.

“Abbiamo bisogno di loro tutto il tempo”, ha detto. Frechette ha affermato che il tasso di mortalità dei circa 800 pazienti COVID-19 trattati finora in ospedale è di circa il 10%.

Il governo di Haiti, già con risorse insufficienti, è stato gettato nel caos dalla morte di Moise, e il governo ha dato la colpa a un gruppo di mercenari principalmente colombiani. Un primo ministro di nuova nomina ha dichiarato questa settimana che cercherà di indire le elezioni il prima possibile.

Il Ministero della Salute haitiano ha riportato quasi 19.400 infezioni totali il 6 luglio, con solo 487 decessi. Tuttavia, queste cifre non sono state aggiornate da allora e molti esperti sono scettici.

“I numeri sono sbagliati”, ha affermato il dottor Ronald Laroche, che gestisce la rete di cliniche private senza scopo di lucro DASH ad Haiti, che fornisce servizi medici completi a circa 40.000 pazienti al prezzo di $ 10 al mese.

Indicando l’affollamento dei trasporti pubblici e le condizioni di vita affollate in questo povero paese, ha affermato: “Il nostro tasso di infezione deve essere superiore a quello del mondo intero”.

Il tasso di vaccinazione è il più basso al mondo.

Dopo che il governo degli Stati Uniti ha donato 500.000 dosi attraverso il COVAX Global Vaccine Program, il St. Luke’s Hospital prevede di iniziare a gestire i primi vaccini contro il coronavirus distribuiti pubblicamente ad Haiti, un programma progettato per promuovere la vaccinazione nei paesi poveri.

Ma La Roche ha affermato che le persone sono molto più resistenti al virus a causa del forte sistema immunitario che è stato costruito dall’esposizione a molti altri bug nel corso degli anni.

Secondo le statistiche dell’agenzia statistica Haiti IHSI, l’età media di quasi 12 milioni di persone ad Haiti è di circa 23 anni e l’aspettativa di vita media è di soli 64. Questo è un altro fattore che può ridurre il numero di decessi per epidemia in questa ex colonia francese.

Nel reparto COVID-19 di St. Luke, il lieto fine è l’esito più comune.

“Ho sofferto così tanto, ma in due settimane posso quasi tornare a casa”, ha detto Vil Aublard, un artista di 54 anni e padre di due figli, con un sorriso mentre si sedeva in posizione eretta nel suo letto.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *