Afflussi da record in fondi azionari

[ad_1]

Gli investitori si stanno riversando nei fondi azionari globali con un entusiasmo senza precedenti.

Secondo i dati del fornitore di dati EPFR, entro la prima metà del 2021, il settore è aumentato di circa 580 miliardi di dollari, facendo sì che questa categoria raggiunga un livello record.

Gli strateghi di Bank of America stimano che se il tasso di afflussi rimane lo stesso per il resto di quest’anno, i fondi azionari assorbiranno più fondi nel 2021 rispetto alla somma degli ultimi 20 anni.

I fondi azionari hanno iniettato questi fondi nel mercato azionario in crescita e, mentre l’economia ha guadagnato slancio dalla pandemia, i principali indici azionari sono saliti a una serie di massimi record nell’ultima settimana. L’indice S&P 500 è aumentato di oltre il 15% quest’anno, mentre l’indice FTSE Global è aumentato di oltre il 12%.

Il fatto che rendimenti obbligazionari relativamente bassi – e più di 12 trilioni di dollari in obbligazioni scambiate a rendimenti sotto lo zero – ha amplificato l’attrattiva del mercato azionario globale di 117 trilioni di dollari.

Diane Jaffee, gestore di portafoglio presso la società di gestione patrimoniale TCW, ha dichiarato: “La fonte della crescita economica e dei profitti ha subito un vero terremoto.” “Anche con le stime più prudenti dell’inflazione, il rendimento effettivo delle tue obbligazioni è un numero negativo. “

Gli afflussi di azioni nel primo semestre del 2021 superano quelli degli ultimi 20 anni

Gli afflussi di fondi sono ampi, con ampi afflussi da fondi globali e fondi che acquistano azioni statunitensi, giapponesi o europee.Nelle ultime settimane, gli investitori hanno anche mostrato una preferenza per i titoli di crescita e i titoli tecnologici statunitensi mentre discutono per quanto tempo l’inflazione rimarrà alta e se il cosiddetto commercio di reinflazione sarà Continua a tremare.

I dati EPFR mostrano che, al contrario, l’aumento dei fondi obbligazionari sovrani quest’anno è relativamente contenuto, a 33 miliardi di dollari USA.

Jaffee ha affermato che si aspetta che gli investitori continuino a essere rialzisti sulle azioni quest’anno, in particolare quelle azioni statunitensi che hanno lanciato il vaccino contro il Covid-19 negli Stati Uniti a un ritmo più rapido rispetto alla maggior parte dei mercati sviluppati. Ma lei e altri hanno avvertito che gli shock nei rendimenti obbligazionari, come gli errori di politica della banca centrale degli Stati Uniti, rimangono il rischio maggiore.

Il co-fondatore di DataTrek Nicholas Colas (Nicholas Colas) ha dichiarato: “Anche se è improbabile che ora stringiamo troppo, il problema della scarsa comunicazione politica è molto importante”.

Colas ha sottolineato che anche dopo che il panico è stato ridotto nel 2013, il mercato azionario statunitense ha registrato buoni risultati, quando il presidente della Fed ha dichiarato che la banca centrale avrebbe ridotto il suo programma di acquisto di obbligazioni a un certo punto, innescando la volatilità del mercato.

Ma Colas ha aggiunto: “Sebbene il periodo di panico ridotto nel 2013 sia positivo per le azioni, non possiamo escludere completamente la possibilità che questa volta possa essere diverso”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *