Afgani che lavorano per gli Stati Uniti in operazioni militari a lungo termine iniziano il trasporto aereo Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto d’archivio: il 25 giugno 2021, un ex interprete afghano che aveva lavorato con l’esercito americano in Afghanistan ha manifestato davanti all’ambasciata degli Stati Uniti a Kabul.REUTERS/Stringer/Foto d’archivio

Jonathan Randy

Washington (Reuters)-Venerdì, circa 200 afgani inizieranno una nuova vita negli Stati Uniti mentre lavoravano per il governo degli Stati Uniti durante i 20 anni di guerra afghana in Afghanistan, per i traduttori e altri che hanno rischiato ritorsioni da parte del trasporto aereo dei talebani, Funzionari statunitensi hanno detto.

L’evacuazione degli afgani e dei familiari associati agli Stati Uniti è avvenuta in un momento in cui l’evacuazione delle truppe statunitensi stava per essere completata e le forze governative stavano facendo progressi nel respingere i talebani.

Il primo gruppo di 200 sfollati è arrivato a Fort Lee, una base militare in Virginia, per le ultime scartoffie e gli esami medici.

Gli afgani stanno ottenendo speciali visti di immigrazione (SIV), che danno loro il diritto di portare le loro famiglie. Fino a 50.000 persone o più potrebbero essere evacuate nell'”Operazione Rifugio degli Alleati”.

“Questi arrivi sono solo i primi di molti arrivi, perché stiamo lavorando rapidamente per trasferire gli afgani idonei al SIV negli Stati Uniti, nelle strutture degli Stati Uniti all’estero o in un paese terzo in modo che possano aspettare in sicurezza quando completano le loro missioni. Visto domanda”, ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in una nota.

Il segretario di Stato Anthony Brinken ha dichiarato in una dichiarazione separata che gli Stati Uniti continueranno a utilizzare “tutta la potenza del nostro strumento diplomatico, economico e di sviluppo” per sostenere il popolo afghano.

Il vice consigliere per la sicurezza interna di Biden, Ras Travers, ha affermato che il primo gruppo di arrivi erano circa 2.500 richiedenti SIV e familiari, che avevano quasi completato il processo ed erano pronti per l’evacuazione.

Si prevede che gli afgani rimarranno a Fort Lee per un massimo di 7 giorni prima di potersi riunire con i parenti o le famiglie ospitanti in tutto il paese.

Travers ha aggiunto che gli sfollati sono stati sottoposti a “rigorosi controlli dei precedenti” e test COVID-19. Alcune persone sono già state vaccinate e il resto sarà vaccinato a Fort Li.

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che circa 300 soldati americani provenienti da più strutture forniranno logistica, alloggi temporanei e supporto medico a Fort Lee.

Ha detto in una dichiarazione che nell’ultimo decennio, circa 75.000 altri afgani si sono reinsediati negli Stati Uniti, aggiungendo che il paese ha un “obbligo morale” di “aiutare coloro che ci hanno aiutato”.

L’escalation di violenza in Afghanistan ha causato seri problemi a molti richiedenti SIV, i cui documenti sono in preparazione perché ci sono rapporti secondo cui alcune persone sono state uccise da insorti vendicatori, cosa negata dai talebani.

Alcuni richiedenti non sono stati in grado di raggiungere la capitale Kabul per completare i passaggi richiesti presso l’ambasciata degli Stati Uniti o arrivare con il loro volo.

Il programma SIV è stato afflitto da lunghi tempi di elaborazione e burocrazia – l’amministrazione Biden e il Congresso stanno lavorando per risolvere questi problemi – con un arretrato di circa 20.000 domande. Il Dipartimento di Stato ha aumentato il proprio personale per gestirli.

Adam Bates, consulente politico per l’International Refugee Assistance Project, che fornisce assistenza legale ai rifugiati, ha dichiarato: “Gli Stati Uniti hanno avuto 20 anni per prevedere come sarà il ritiro”. “Siamo in ritardo. Questo è irragionevole”.

Kim Staffieri, il co-fondatore della War Allies Association che ha aiutato i richiedenti SIV, ha affermato che un sondaggio condotto tramite Facebook (NASDAQ:) ha mostrato che circa la metà dei richiedenti SIV non è stata in grado di raggiungere Kabul, compresi molti che sono stati autorizzati a evacuare. .

Il Congresso ha formulato nel 2006 il piano SIV per gli interpreti iracheni e afgani, che rischiano ritorsioni a causa del lavoro del governo statunitense.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *