Alla ricerca di Super Shots per il Coronavirus

[ad_1]

Mentre la campagna di vaccinazione globale si affanna per stare al passo con le nuove varianti di Covid-19, scienziati pionieri hanno deciso di prevenire i coronavirus passati, presenti e futuri sviluppando un vaccino per alleviare le preoccupazioni su un’altra pandemia.

Melanie Saville, capo della ricerca e sviluppo sui vaccini dell’Alleanza per l’innovazione nella prevenzione delle epidemie, è stata una delle persone a capo della carica e ha chiesto lo sviluppo di un vaccino che prevenga ampiamente tutti i beta coronavirus e qualsiasi “possibile” nuovo ceppo. In futuro, passeremo dagli animali agli umani”.

“[The] La strategia per andare avanti ruota attorno a due questioni chiave”, ha detto al Financial Times. “Cosa dobbiamo fare per porre fine a questa pandemia, e quindi cosa dobbiamo fare per prevenire la prossima pandemia? “

Negli ultimi 18 mesi, Sars-Cov-2 ha causato quasi 4 milioni di morti, ed è almeno il terzo cosiddetto beta coronavirus che si è diffuso tra gli esseri umani negli ultimi 20 anni. Le famiglie di virus comuni nei pipistrelli e nei roditori includono anche SARS-Cov-1, che ha ucciso più di 700 persone nel 2003, principalmente in Cina e Hong Kong, e Mers-Cov, che è stato scoperto per la prima volta in Arabia Saudita e causato Dal 2012, più di 850 persone sono morte.

Dato che è improbabile che Covid-19 sia l’ultimo coronavirus a infettare l’uomo, lo sviluppo di un vaccino in grado di prevenire tutte queste malattie è diventato un obiettivo centrale di alcuni scienziati. Poiché il Covid-19 continua a mutare più velocemente di quanto originariamente previsto, e di recente con la rapida diffusione della variante Delta scoperta per la prima volta in India, l’interesse delle persone per il loro lavoro è aumentato.

Gli scienziati dell’OSE Immunotherapeutics di Nantes, in Francia, utilizzano l’intelligenza artificiale per identificare gli epitopi virali presi di mira dal loro vaccino multivalente © Loic Venance/AFP via Getty Images

L’ufficiale medico capo dell’Inghilterra, il professor Chris Whitty, ha dichiarato questo mese agli operatori sanitari britannici che entro cinque anni, “vaccini multivalenti” contro diversi coronavirus “si difenderanno in gran parte dalle nuove varianti”.

Ma la strada per i cosiddetti vaccini multivalenti o multivalenti è piena di sfide. Per decenni, i ricercatori non sono riusciti a trovare un vaccino contro l’HIV, una malattia che spesso produce nuovi ceppi, e il vaccino antinfluenzale deve ancora essere aggiornato ogni anno.

L’attuale vaccino contro il Covid-19 si è dimostrato molto efficace contro il ceppo originale Sars-Cov-2 e le sue successive varianti, concentrandosi sulla generazione di anticorpi per neutralizzare la proteina spike utilizzata dal virus per entrare nelle cellule umane. Saville ha spiegato che la difficoltà con questo approccio è che “il virus si evolve per eludere questa risposta immunitaria… è necessario aggiornare costantemente il vaccino”.

Al contrario, i vaccini multivalenti di solito prendono di mira frammenti proteici nel virus che stimolano il sistema immunitario, chiamati epitopi, e in particolare attaccano epitopi che non sono mutati in parti del virus, anche sotto “pressione evolutiva”, ha detto Saville. Molte di queste iniezioni tentano anche di stimolare la produzione di cellule T – oltre agli anticorpi – le cellule T sono emerse gradualmente e sono una parte importante della risposta immunitaria al Covid-19.

Paul Higham, CEO di Valo Therapeutics, ha affermato che prendendo di mira epitopi con un tasso di mutazione “molto, molto basso”, il suo vaccino multivalente può generare una risposta delle cellule T, che può essere utilizzata per Covid-19, Sars, Mers e “Future Coronavirus”. “. Hiram spera che la società con sede a Helsinki e Oxford sarà in grado di preparare il vaccino per gli studi clinici entro la fine dell’anno, aggiungendo che potrà essere reso disponibile al pubblico “nel 2022”.

Tuttavia, è estremamente difficile sviluppare vaccini contro più agenti patogeni. “Più è lontana la composizione e la sequenza del virus, più è difficile trovare anticorpi in grado di combattere il virus. [them],” Dennis Burton dello Scripps Research Institute in California ha spiegato di essere alla ricerca di un vaccino per l’HIV da molti anni.

Infografica che spiega come gli epitopi sono fondamentali per i vaccini multivalenti contro il coronavirus

“Ad esempio, Sars-1 e Sars-2 sono molto simili e abbiamo scoperto che molti anticorpi possono combattere contro questi due virus”. menzionare i coronavirus più diversi in futuro.La difficoltà è molto maggiore.

Saville di CEPI ritiene che la ricerca di epitopi che forniscano protezione contro più coronavirus richiederà l’uso dell’intelligenza artificiale, che viene sempre più utilizzata nella scoperta di farmaci per accelerare la ricerca e lo sviluppo.

John Lewis, CEO di Entos Pharmaceuticals, ha affermato che la sua azienda ha adottato un “approccio di apprendimento automatico” ai suoi vaccini multivalenti. Collabora con un’azienda di intelligenza artificiale professionale e il suo software gli consente di riconoscere “34 epitopi diversi da diverse proteine ​​del coronavirus” per generare la risposta delle cellule T umane più efficace.

“I frammenti proteici che abbiamo usato hanno una somiglianza superiore al 90% tra Sars-1 e Sars-2, e sono stati trovati anche in altri tipi di coronavirus e sembrano conferire un’ampia immunità”, ha affermato. “Potrebbero non fornire una protezione completa, ma dovrebbero fornire una protezione parziale per molte specie diverse.” Entos ha sede a Edmonton, in Canada, e spera di iniziare la sperimentazione umana entro i prossimi due mesi.

La società biotecnologica francese OSE Immunotherapeutics utilizza un algoritmo di intelligenza artificiale che è stato precedentemente utilizzato per sviluppare vaccini contro il cancro. Questa tecnologia consente di identificare 12 epitopi per 11 proteine, la maggior parte delle quali si trova nel virus piuttosto che sulla superficie del virus. Il CEO Alexis Peyroles ha spiegato: “Poiché sono nel virus, non subiranno mutazioni o mutano molto poco”, aggiungendo che possono essere utilizzate sia in Sars-1 che in Mers. Trova lo stesso tipo di proteina.

La prima fase del jab è già iniziata su soggetti umani e i risultati dovrebbero essere disponibili a settembre. Con il sostegno finanziario della banca francese per l’innovazione BPI France e il possibile aiuto della terza fase dell’esperimento nel 2022, OSE sta già “pianificando liberamente” la seconda fase.

Peyroles ha affermato che il vaccino potrebbe essere particolarmente efficace per le persone con un sistema immunitario soppresso che non hanno prodotto anticorpi protettivi contro i vaccini attualmente disponibili. Ma il suo uso più ampio è come un booster pan-coronavirus per tutti ed è facile adattarsi a nuove forme di malattia. Ha detto: “Avrai una base che puoi mantenere e quindi aggiungere o eliminare nuovi epitopi basati sul nuovo coronavirus”.

Tabellone informativo Covid-19 a Blackburn, nel nord-ovest dell'Inghilterra
Mentre il Covid-19 continua a mutare più velocemente di quanto inizialmente previsto, l’interesse per il potenziale futuro dei vaccini multivalenti è aumentato e la variante Delta, scoperta per la prima volta in India di recente, si è diffusa rapidamente © Oli Scarff/AFP via Getty Images

VBI Vaccines, con sede a Cambridge, nel Massachusetts, ha adottato un approccio diverso. Come l’attuale vaccino contro il Covid-19, il JAB di VBI prende di mira la proteina spike, ma è stato in grado di generare una risposta immunitaria più ampia. “Quando abbiamo vaccinato gli animali, abbiamo prodotto anticorpi in grado di proteggere da Covid-19, Sars e Mers, è come produrre anticorpi che possono vedere il rosso, il giallo e il blu”, afferma il direttore scientifico David Anderson.

“Ma il sistema immunitario è molto flessibile. Puoi insegnargli a vedere alcune “proteine ​​a punta” tra il rosso e il giallo o il giallo e il blu. Quindi ora vedono sfumature arancioni o verdi, il che dimostra che hai sostanzialmente una risposta immunitaria allargata “, ha continuato. “L’idea è che questi anticorpi possano ora tracciare varianti che continueranno a mutare ed emergere nel tempo”.

L'”approccio ad ampio spettro” dell’azienda non ha precedenti, ma Anderson è ottimista. Il vaccino ha ricevuto un sostegno finanziario dalla CEPI e dal governo canadese e si prevede che i test sull’uomo inizino nella seconda metà di quest’anno.

Jeff Baxter, amministratore delegato di VBI, ha affermato che potrebbe essere preso in considerazione con i regolatori entro 12-14 mesi. “La scienza non è sempre quello che vuoi, continuerà ad evolversi man mano che impareremo di più”, ha detto. “Ma è davvero emozionante pensare che in due anni tutti possano ottenere un vaccino multivalente pan-coronavirus”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *