All’ombra della Cina, Europa e Stati Uniti sono vicini a raggiungere un accordo di sovvenzione per gli aerei Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 15 giugno 2015, durante il 51° Paris Air Show tenutosi all’aeroporto Le Bourget vicino a Parigi, un aereo di linea Airbus A350 ha sorvolato la bandiera Boeing mentre atterrava dopo la visualizzazione del volo. Reuters/Pascal Rossignol

Autori: Andrea Shalal, Philip Blenkinsop e Tim Hepher

(Reuters)-Le persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che gli Stati Uniti e l’Europa stanno per raggiungere un accordo per porre fine a una controversia sulle sovvenzioni e sulle tariffe degli aerei di 17 anni, mentre cercano di raggiungere un consenso sfuggente su come affrontare la concorrenza da Cina lunedì.

Il raggiungimento di un accordo eliminerà la minaccia di una rinnovata guerra commerciale tra le due parti, che si è diffusa in settori che vanno dall’agricoltura ai beni di lusso e ha danneggiato le relazioni transatlantiche.

Persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che i negoziati si stanno muovendo verso due trattati separati ma ampiamente unanimi: uno è un trattato tra le parti contraenti originarie degli Stati Uniti e dell’Unione europea e l’altro è un trattato tra Washington e Londra dopo il Regno Unito si ritira dall’Unione Europea.

Il rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai (Katherine Tai) ha discusso la controversia nel primo incontro faccia a faccia con il rappresentante per il commercio dell’UE Valdis Dombrovskis lunedì prima del vertice USA-Europa di martedì. Mercoledì è andata in Inghilterra.

La Commissione europea, che sovrintende alla politica commerciale dell’UE, è ansiosa di trovare una soluzione prima dell’11 luglio, quando sta per scadere la moratoria tariffaria transatlantica raggiunta a marzo.

Dopo anni di dichiarazioni da entrambe le parti, i diplomatici non erano disposti a prevedere il calendario, ma uno ha sottolineato che il vertice potrebbe formare uno slancio unico, e l’altro non ha escluso il profilo di un accordo inaspettato dopo la diplomazia di questa settimana.

Altri sono più cauti, notando più false partenze.

Dal 2019, gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno imposto tariffe su 11,5 miliardi di dollari di merci dopo che l’Organizzazione mondiale del commercio ha ottenuto una vittoria parziale sulle richieste di aiuti ingiuste dei produttori di aeromobili Boeing (NYSE:) e Airbus.

Da quando gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo di sovvenzione per gli aerei del 1992 e hanno portato l’Unione europea nell’OMC nel 2004, la controversia è stata ritardata, sostenendo che Airbus è riuscita a eguagliare la quota di mercato dei jet di Boeing, in parte a causa dei sussidi sui prestiti governativi.

L’UE ha riconvenzionato il suo cosiddetto sostegno iniquo alla ricerca e sviluppo e le sovvenzioni fiscali preferenziali a Boeing.

Le persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che in una potenziale svolta chiave, gli Stati Uniti hanno minimizzato la propria opposizione ai futuri principi di prestito pubblico di Airbus, ma hanno insistito sul fatto che devono essere chiaramente basati sul mercato e notificati in anticipo.

Ma hanno aggiunto che ci sono ancora ostacoli alla misura in cui queste condizioni possono effettivamente consentire agli Stati Uniti di approvare o bloccare progetti europei. L’UE si oppone fermamente a qualsiasi veto degli Stati Uniti.

Più importante è il benchmark utilizzato per decidere se gli interessi su eventuali prestiti futuri sono compatibili con il mercato.

Secondo l’accordo di sovvenzione del 1992, un terzo di un progetto può essere finanziato con il sostegno diretto del governo, come prestiti e sostegno indiretto a R&S per la liquidazione, fino al 4% delle entrate della società.

Un’opzione è riesaminare il quadro e sostituire le quote di sovvenzione e i nuovi limiti al sostegno indiretto alla R&S con regole di mercato.

Una fonte ha detto che c’era un “accordo equestre” nelle cifre. I negoziatori hanno anche bisogno di un modo rapido per risolvere controversie future. Nessuna delle parti ha accettato di commentare i colloqui.

Recensione Cina

Quando nel 2004 è scoppiata la più grande disputa commerciale tra le imprese al mondo, Airbus e Boeing hanno dominato il settore e la Cina era a quattro anni dal lancio del suo jet rivale C919.

Ma la rapida ascesa delle ambizioni aerospaziali della Cina ha sollevato preoccupazioni in Occidente per i nuovi concorrenti finanziati con fondi pubblici.

Nel dicembre 2020, Robert Lighthizer, il rappresentante commerciale uscente degli Stati Uniti, ha dichiarato a Reuters che gli Stati Uniti e l’Europa dovrebbero cooperare per opporsi al futuro utilizzo da parte della Cina dei sussidi aerospaziali.

Due persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che gli Stati Uniti sperano di condurre una revisione congiunta dei fondi aerospaziali in economie non di mercato come la Cina.

Washington non è disposta a sopportare l’onere di rispondere da sola alla minaccia di potenziali sussidi, il che non è vantaggioso solo per Boeing, ma anche per Airbus, che ora produce più di Boeing.

Marjorie Jolins, vicepresidente senior della Camera di commercio degli Stati Uniti, ha dichiarato lunedì: “Non c’è dubbio che l’ascesa dell’industria aeronautica cinese sia… come tutti sappiamo, è ben noto”, ha sottolineato il “sostanziale sussidi».

Ha aggiunto: “Entrambe le sponde dell’Atlantico riconoscono che è nel nostro interesse unirci contro le pratiche sleali della Cina”.

Come gli Stati Uniti, quest’anno l’Unione europea ha controversie con Pechino su questioni commerciali e di sicurezza. Ma i suoi 27 Stati membri potrebbero avere difficoltà a raggiungere un consenso su argomenti come quello aerospaziale.

Ad esempio, ad aprile, l’Ungheria ha impedito all’UE di rilasciare una dichiarazione che criticasse la nuova legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong, che ha innescato una controversia sul veto degli Stati membri sulla politica estera dell’UE.

L’ambasciata cinese a Washington non ha immediatamente commentato il sostegno del governo alla sua emergente industria dell’aviazione civile.

Nessuna offerta britannica anticipata

La Brexit complica anche i negoziati.

Nel dicembre dello scorso anno, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno quasi raggiunto un accordo aerospaziale di più ampia portata, che potrebbe costringere Bruxelles a partecipare ai propri negoziati con Washington.

Ma diverse fonti hanno affermato che è crollato a causa delle preoccupazioni sull’occupazione nel Regno Unito e dei disordini causati dall’assedio del Parlamento il 6 gennaio. Funzionari britannici e americani hanno rifiutato di commentare eventuali colloqui privati.

La capacità della Gran Bretagna di negoziare accordi commerciali indipendentemente dall’Unione Europea è al centro della sua nuova posizione “Global Britain”. Tuttavia, poiché era uno dei quattro paesi principali di Airbus prima di entrare nell’Unione europea, la sua flessibilità nei confronti di Airbus era in una certa misura limitata.

Airbus, che ha 14.000 dipendenti nel Regno Unito, ha affermato che se il Regno Unito abbandona l’industria aerospaziale, i lavori ordinari potrebbero essere trasferiti all’estero.

Il Regno Unito e gli Stati Uniti si sono impegnati la scorsa settimana a risolvere la controversia sugli aerei.

Un diplomatico europeo ha affermato che la Gran Bretagna e l’Unione europea hanno un ampio consenso sul tentativo di raggiungere un accordo con gli Stati Uniti.

“Il Regno Unito e l’Unione Europea stanno negoziando separatamente con gli Stati Uniti, ma allo stesso tempo stanno anche spingendo seriamente per completare questo lavoro. Non abbiamo più bisogno che copra tutti”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *