Apple deve affrontare la causa sulla privacy dell’assistente vocale Siri-giudice degli Stati Uniti

[ad_1]

Un giudice federale ha affermato giovedì che Apple deve affrontare quasi tutte le azioni collettive proposte, sostenendo che il suo assistente Siri ad attivazione vocale ha violato la privacy degli utenti.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Jeffrey White ha dichiarato che i querelanti possono provare a dimostrare che Siri registra spesso le loro conversazioni private a causa di “attivazione accidentale” e che Apple ha divulgato queste conversazioni a terzi, come gli inserzionisti.

Quando i proprietari di dispositivi mobili usano “parole calde” come “Ehi, Siri”, l’assistente vocale di solito risponde.

Un utente di Siri ha affermato che dopo aver avuto una discussione privata con un medico sul “trattamento chirurgico di marca”, ha ricevuto una pubblicità mirata per il trattamento, mentre altri due utenti hanno affermato di essere interessati alle scarpe da ginnastica Air Jordan e agli occhiali da sole Pit Viper. “Olive Garden” li ha portati a ricevere pubblicità per questi prodotti.

White ha scritto: “Apple accusa i querelanti di non averli accusati del contenuto delle loro comunicazioni, ma l’ambiente privato da solo è sufficiente per dimostrare una ragionevole aspettativa di privacy”.

Il giudice di Oakland, in California, ha affermato che l’attore può presentare un reclamo per violazione delle leggi federali sulle intercettazioni e delle leggi sulla privacy della California e per violazione del contratto da parte di Apple. Ha respinto una richiesta di concorrenza sleale.

Apple, con sede a Cupertino, in California, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. L’avvocato del ricorrente non ha immediatamente risposto a simili richieste.

Il 1° luglio, un altro giudice federale della California ha dichiarato che gli utenti dell’assistente vocale di Google potrebbero intentare una causa simile contro Google e la sua società madre Alphabet Inc.. Google Voice Assistant è rappresentato dallo stesso studio legale del caso Apple.

Anche Amazon.com Inc sta affrontando cause simili per il suo assistente vocale Alexa.

Il caso è Lopez et al. v. Apple Inc., Corte distrettuale degli Stati Uniti, Distretto settentrionale della California, n. 19-04577.

(Segnalazione di Jonathan Stempel a New York; montaggio di David Gregorio)

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *