Avvocato libanese fa causa a una società registrata nel Regno Unito per l’attentato al porto di Beirut

[ad_1]

Aggiornamento Libano

Gli avvocati libanesi hanno citato in giudizio un’azienda chimica registrata nel Regno Unito presso l’Alta Corte di Londra, accusandola di aver svolto un ruolo importante in un attentato su larga scala al porto di Beirut lo scorso anno e di aver ucciso più di 200 persone.

L’Associazione degli avvocati di Beirut e altre quattro società hanno intentato una causa contro Savaro Ltd questo mese, incluso un sopravvissuto. esplodere E le famiglie delle due vittime. Ha affermato che l’incapacità dell’azienda chimica di immagazzinare o smaltire correttamente le centinaia di tonnellate di nitrato di ammonio incendiato il 4 agosto dello scorso anno ha causato una delle più grandi esplosioni non nucleari della storia.

Gli avvocati hanno affermato che il caso doveva ritenere responsabile la persona presunta responsabile dell’esplosione, che ha distrutto una vasta area di Beirut, uccidendo almeno 218 persone, ferendone migliaia e causando danni per circa 4 miliardi di dollari la capitale libanese.

Familiari delle vittime Sempre più spesso ripongono le loro speranze nelle indagini internazionali per portare loro giustizia, accusando le élite di governo del Libano Ostacolare Sonda domestica.

Il caso è stato archiviato a Londra perché Savaro, elencato come grossista di prodotti chimici, era registrato nel Regno Unito. Gli avvocati chiedono alla società i danni, ma questi risarcimenti verranno quantificati in seguito.

L’impugnazione legale sosteneva che Savaro aveva 2.750 tonnellate Nitrato di ammonioNel 2013, l’obiettivo dell’azienda era una società di esplosivi in ​​Mozambico. Nel 2014, secondo le istruzioni del tribunale libanese, la nave obsoleta e i materiali chimici utilizzati per gli esplosivi affondati nel porto di Beirut sono stati scaricati nel magazzino portuale nel 2014 in Africa meridionale.

Richard Slade (Richard Slade), un avvocato dello studio legale omonimo che rappresenta Savaro, ha affermato che l’azienda chimica “non ha mai avuto una transazione” e non è stata coinvolta nella transazione menzionata nel reclamo.

Slade ha detto che la società lo difenderà “a tempo debito”. Venerdì è stato nominato un nuovo direttore di Savaro, l’avvocato ucraino Volodymyr Hliadchenko, che ha affermato di aver “acquisito la proprietà aziendale della società”.

La causa è stata guidata dall’ex ministro del Lavoro libanese, Camille Abousleiman e dallo studio legale Dejie, partner dello studio legale Dejie.

Abousleiman ha dichiarato al Financial Times di ritenere che Savaro sia il proprietario del nitrato di ammonio, pertanto, secondo la legge libanese, Savaro è responsabile del suo corretto stoccaggio, smaltimento e di eventuali danni da esso causati.

“La vittima e i familiari sopravvissuti della vittima credono che chiunque sia direttamente o indirettamente responsabile dell’esplosione dovrebbe essere assicurato alla giustizia, sia penale che civile, indipendentemente dalla loro giurisdizione”, ha detto Absley Man. “Non credo che nessuno dovrebbe sfuggire alle sanzioni legali in questa situazione particolarmente terribile”.

uno Indagine sul Financial Times Si è scoperto l’anno scorso che Savaro aveva indagato sulla merce nel 2015, ma dopo aver appreso da una perizia emessa dal tribunale libanese che più della metà delle buste contenenti nitrato di ammonio erano danneggiate, il Financial Times non ha potuto confermare quanto l’azienda abbia preso ulteriore azione?

Fin dalla sua costituzione nel 2006, Savaro ha spesso archiviato i conti come società “dormiente”.

“Siamo molto fiduciosi che avremo prove di chi siano i beneficiari effettivi”, ha detto Abousleiman la scorsa settimana, aggiungendo che sta cercando di includerli nella richiesta. “Speriamo che questa persona venga assicurata alla giustizia in Inghilterra come parte dell’operazione in corso o altro.” Ha rifiutato di commentare il proprietario appena annunciato.

Slade ha rifiutato di commentare la proprietà di Savarro.

La società ha cercato di avviare il processo di liquidazione a gennaio, ma il processo è stato interrotto a causa di un contenzioso.

Absleyman ha detto che altri potenziali imputati possono essere rintracciati.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *