Bank of England rimuove le restrizioni sui dividendi bancari e sui riacquisti di azioni share

[ad_1]

La Banca d’Inghilterra ha revocato le restrizioni sui dividendi bancari e sui riacquisti di azioni durante la pandemia, ritenendo che il settore abbia una flessibilità sufficiente per assorbire ulteriori shock da Covid-19.

Nel suo ultimo rapporto sulla stabilità finanziaria pubblicato martedì, la Banca d’Inghilterra ha affermato che “non sono più necessarie misure di protezione speciali per la distribuzione degli azionisti”.

La banca centrale ha citato i risultati dei recenti stress test e le perdite sui prestiti inferiori alle attese. “Il settore bancario è ancora resiliente…[and]Mentre l’economia del Regno Unito si riprende dal coronavirus, è in grado di continuare a fornire supporto”.

La decisione della Bank of England segue le decisioni della Federal Reserve statunitense e della Banca centrale europea, che negli ultimi mesi hanno allentato i limiti ai dividendi per gli azionisti.

Dopo la diffusione della notizia, i prezzi delle azioni delle principali banche britanniche colpite, tra cui Barclays, HSBC, Lloyds, NatWest e Standard Chartered Bank, sono aumentati e l’indice FTSE 350 Bank è aumentato dell’1,2%.

Nell’aprile dello scorso anno, mentre la pandemia si diffondeva in Europa, la Banca d’Inghilterra ha spinto le banche a Sospensione dividendi di £ 7,5 miliardi Mantenere la capacità di prestito e assorbire potenziali perdite. La Banca d’Inghilterra ha iniziato ad allentare le restrizioni a dicembre, ma ha limitato il dividendo al 25% degli utili trimestrali e ha consentito solo l’accumulo di dividendi nel 2021 anziché il pagamento.

La decisione di rimuovere tutte le restrizioni consentirà alle banche di annunciare aumenti dei dividendi quando riporteranno gli utili del secondo trimestre alla fine di questo mese. Tuttavia, molti analisti si aspettano che il consiglio di amministrazione proceda con cautela, poiché i casi di varianti Delta continuano ad aumentare e l’aumento sostanzialmente aumentato è rinviato al 2022.

Il Financial Policy Committee ha aggiunto che, sebbene il rapido lancio del programma di vaccinazione nel Regno Unito abbia portato a migliori prospettive economiche, le famiglie e le imprese dovranno ancora ottenere prestiti bancari a causa della cancellazione da parte del governo delle misure di sostegno al coronavirus.

“FPC prevede che le banche utilizzeranno tutti gli elementi delle loro riserve di capitale quando necessario per sostenere la ripresa economica”, ha affermato la Banca d’Inghilterra nella sua revisione biennale dello stato di salute del sistema finanziario.

“È nell’interesse collettivo delle banche continuare a sostenere le imprese redditizie e produttive invece di difendere il coefficiente patrimoniale tagliando i prestiti, poiché ciò potrebbe avere un effetto negativo sull’economia”.

Al fine di incoraggiare le banche, la FPC ha dichiarato che manterrà la cosiddetta riserva di capitale anticiclica – uno strumento progettato per garantire che le banche mettano da parte capitale sufficiente durante il boom per garantire che possano prestare durante la crisi – almeno fino a dicembre alle 0%. .

Inoltre, il rapporto ha anche sottolineato che “l’assunzione di rischi dei mercati finanziari globali è aumentata” e il prezzo delle attività ad alto rendimento è aumentato vertiginosamente. Ha avvertito che se i partecipanti al mercato rivalutano le prospettive di crescita o inflazione, le valutazioni delle attività potrebbero essere “correzioni brusche”, portando a tassi di interesse più elevati.

Sebbene la crescita dei prezzi delle abitazioni e l’attività di mercato nel Regno Unito nella prima metà di quest’anno siano state ai massimi livelli in un decennio, la Banca d’Inghilterra ha dichiarato che ciò non è ancora motivo di preoccupazione. L’onere del debito delle famiglie è ancora “significativamente inferiore” rispetto a prima della crisi finanziaria e il tasso di servizio del debito è molto basso.

Secondo i rapporti, i tagli temporanei all’imposta di bollo nel Regno Unito, i bassi tassi di interesse, l’aumento dei risparmi durante la pandemia e il desiderio di molte persone di trasferirsi in case più grandi in previsione di accordi di lavoro più flessibili hanno determinato un aumento a due cifre dei prezzi delle case. , nel futuro.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *