Barclays impedisce ai clienti del Regno Unito di inviare denaro a Binance

[ad_1]

Dopo che la Financial Conduct Authority ha dichiarato il mese scorso che gli scambi di risorse digitali non sono autorizzati a condurre operazioni crittografiche nel Regno Unito, Barclays Bank ha bloccato i clienti britannici dal trasferimento di fondi a Binance.

La banca con sede a Londra ha notificato ai clienti lunedì che è vietato pagare carte di debito e crediti a Binance e la banca ha affermato che inizierà immediatamente l’applicazione, con l’obiettivo di “contribuire a garantire la sicurezza dei propri fondi”.

La banca ha dichiarato: “Questa azione non influirà sulla capacità dei clienti di prelevare fondi da Binance.” “La decisione è stata presa dopo che la FCA ha emesso un avvertimento ai consumatori”.

La decisione della Barclays Bank arriva mentre i prestatori del Regno Unito stanno lottando per risolvere la misura in cui dovrebbero consentire ai clienti di spostare fondi dentro e fuori dagli scambi di criptovalute perché sono preoccupati per la mancanza di regolamentazione del settore e le grandi differenze negli standard di conformità tra gli scambi .

Il mese scorso il regolatore britannico ha emesso un avviso ufficiale per i consumatori su Binance, bannalo Da attività finanziarie regolamentate, come l’organizzazione di regolari transazioni di investimento, e ha dichiarato di non avere il diritto di svolgere attività di criptovaluta nel Regno Unito.

Newsletter settimanale

Per le ultime notizie e opinioni su Fintech dal Global Correspondent Network del Financial Times, iscriviti alla nostra newsletter settimanale #fintechFT

Iscriviti qui con un clic

Secondo un rapporto del Financial Times, diverse persone che hanno familiarità diretta con le pratiche del gruppo ritengono che Binance a volte abbia faticato a rendere la sua funzione di conformità e il suo enorme business, comprese le valute digitali, le opzioni, i conti di risparmio e le azioni. -mantenerlo coerente. Segnalato la scorsa settimana.

Un dirigente di una società di pagamenti ha aiutato a connettere Binance al mercato finanziario più ampio prima di recidere i legami con il gruppo. Ha detto al Financial Times che Binance era “in termini di antiriciclaggio e conosci i tuoi clienti” regole. C’è stata una grande discussione, ma “resistere all’investimento delle risorse umane su questioni di compliance”.

Binance ha dichiarato di non avere adeguate capacità di conformità e attribuisce grande importanza ai suoi “obblighi legali” in quanto “assolutamente falsi”. Ha detto che era “deluso dal fatto che Barclays sembrava agire unilateralmente” e “benvenuto al dialogo con Barclays per discutere di eventuali preoccupazioni”.

Il gruppo non ha una sede formale ed è collegato ai mercati finanziari tradizionali attraverso una serie di filiali globali. In Europa, l’entità ha stipulato accordi con i fornitori di servizi di pagamento del Regno Unito (inclusi Checkout.com e Clear Junction) per consentire l’ingresso e l’uscita di valuta forte dalla sua enorme piattaforma.

NatWest ha dichiarato la scorsa settimana di aver bloccato i pagamenti a “un piccolo numero di società di asset di criptovaluta e abbiamo scoperto che queste società hanno causato danni particolarmente gravi ai nostri clienti legati alle frodi”. Santander ha affermato che sta “riesaminando” la sua posizione di “pagamento a scambi di criptovaluta non regolamentati”.

I regolatori globali hanno concentrato la loro attenzione sul controllo delle “rampe e rampe” del flusso di valuta tra criptovalute e sistemi finanziari tradizionali, ponendo le banche al centro degli sforzi per proteggere i consumatori dalle frodi e prevenire il riciclaggio di denaro.

L’attenzione che circonda Binance ha portato nuovi segnali che la banca sta rivedendo i pagamenti effettuati dai suoi clienti al dettaglio allo scambio. Solo cinque società di criptovalute si sono registrate con successo presso la FCA per la supervisione antiriciclaggio, necessaria per gestire attività di cripto-attività nel Regno Unito, e dozzine di esse sono ancora in attesa di approvazione.

circa 2,3 milioni di persone Secondo la FCA, il Regno Unito detiene criptovalute e la stragrande maggioranza utilizza scambi offshore come Binance per il trading. Queste piattaforme non britanniche di solito non devono registrarsi presso la FCA, anche se hanno clienti britannici, il che si aggiunge alla complessità che le banche devono affrontare.

HSBC ha dichiarato la scorsa settimana che non commenterà i singoli scambi di criptovalute, ma “sta prestando molta attenzione allo sviluppo e ai cambiamenti normativi in ​​questi mercati”. Lloyds Bank ha affermato che non consente l’uso di carte di credito per pagamenti crittografati e mette tutte le transazioni sotto un “forte processo di monitoraggio delle frodi”. .. Dipende da circostanze specifiche” e questo metodo è applicabile a Binance.

Oltre a bloccare alcune società, NatWest ha affermato che dopo un “alto grado di truffa sugli investimenti in criptovaluta”, ha abbassato il limite giornaliero per i clienti di inviare denaro agli scambi di criptovaluta.

Segnalazione aggiuntiva di Adam Samson

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *