Biden convoca gli alleati occidentali per partecipare al dittatore “confronto” globale

[ad_1]

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che le democrazie occidentali “stanno combattendo contro i dittatori” e ha sfidato i leader dei paesi del G7 a usare il loro potere finanziario per contrastare la crescente influenza globale della Cina.

Biden si è detto “soddisfatto” dei risultati del vertice del G7 in Cornovaglia domenica, ma ha esortato i leader europei a sostenere in modo più ambizioso Alternative all’iniziativa cinese “One Belt One Road” Attraverso la fornitura di ampi pacchetti di finanziamento delle infrastrutture ai paesi poveri.

I leader europei che partecipano al vertice delle più grandi economie sviluppate del mondo sono più cauti nel far arrabbiare Pechino. Il primo ministro britannico Boris Johnson, ospite del vertice, ha rifiutato di menzionare specificamente la Cina nella conferenza stampa di chiusura.

Diversi leader, tra cui il primo ministro italiano Mario Draghi, hanno affermato che l’Occidente deve cooperare con la Cina in aree chiave, in particolare il cambiamento climatico.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che il G7 “non è ostile alla Cina”, mentre un funzionario britannico ha dichiarato: “L’obiettivo del vertice è mostrare il nostro scopo, non chi ci opponiamo”.

La cancelliera tedesca Angela Merkel (Angela Merkel) ha sostenuto la creazione di un gruppo di lavoro per esplorare i modi in cui il governo del G7 e il settore privato possono collaborare a progetti infrastrutturali nei paesi in via di sviluppo.

Dopo l’incontro a Cabis Bay, sulla costa inglese della Cornovaglia, Biden ha elogiato Bollettino del vertice Per quanto riguarda la menzione della Cina, si è detto “soddisfatto” del contenuto e ha avuto “molte azioni” nelle contromisure contro Pechino.

Il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato che il G7 non ha menzionato la Cina nel suo ultimo incontro. “Il G7 ha chiaramente accettato di condannare le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e Hong Kong”, ha detto, aggiungendo che un’altra strategia è quella di fare pressione sulla Cina affinché utilizzi il lavoro forzato.

Biden ha dichiarato: “Stiamo competendo con dittatori e dittature in tutto il mondo, non con la Cina stessa. Le democrazie possono competere con loro nel 21° secolo in continua evoluzione.

L’ultimo giorno della riunione di tre giorni, i leader del Gruppo dei Sette paesi hanno lanciato una nuova iniziativa chiamata “Costruire un mondo migliore” (B3W), ma non sono riusciti a concordare i dettagli su come dovrebbe essere finanziata o cosa è necessario. .

Biden ha dichiarato che un comitato svilupperà piani per concentrarsi sui cambiamenti climatici, la salute, la tecnologia digitale e l’uguaglianza di genere da sfidare Miliardi di dollari spesi dalla Cina Per quanto riguarda le infrastrutture nei paesi più poveri.

“La Cina ha l’iniziativa ‘Belt and Road’ e pensiamo che ci sia un modo più equo per soddisfare le esigenze dei paesi in via di sviluppo in tutto il mondo”, ha affermato. Il nuovo fondo “rappresenterà i valori rappresentati dalle nostre democrazie, non la mancanza di valori autoritari”.

Joe Biden e la First Lady Jill Biden e la regina Elisabetta II ascoltano l’inno nazionale al Castello di Windsor © AP

Tuttavia, gli esperti di cambiamento climatico hanno affermato che la riunione del G7 non è riuscita a prendere alcun impegno finanziario collettivo per aiutare i paesi in via di sviluppo a ridurre le emissioni di gas serra oa rispondere ai disastri climatici.

Inoltre minimizza una promessa Ministro dell’Ambiente del G7 Il mese scorso è stato stabilito un calendario per la graduale eliminazione delle centrali elettriche a carbone. L’ultimo comunicato ha annullato l’obiettivo di “raggiungere un sistema energetico assolutamente decarbonizzato negli anni 2030”.

Anche i leader del Gruppo dei Sette sono stati criticati per le loro ambizioni Condividono il piano del vaccino contro il Covid E paesi più poveri. Il comunicato affermava che l’organizzazione “condividerà direttamente almeno 870 milioni di dosi di vaccino il prossimo anno”.

Oxfam ha risposto che “1 miliardo di dosi sarebbe una goccia nel mare, ma non hanno nemmeno raggiunto questo obiettivo”. Il comunicato afferma che dall’inizio della pandemia, il G7 ha fornito più di 2 miliardi di dosi di vaccino ai paesi in via di sviluppo.

Joe Biden e il presidente francese Emmanuel Macron alla sessione plenaria del vertice del G7 di domenica © Getty Images

Biden ha descritto l’incontro come una pausa dall’era Trump, dicendo: “Gli Stati Uniti sono tornati al tavolo dei negoziati. Gli Stati Uniti sono di nuovo in testa al mondo”.

Un diplomatico europeo ha sottolineato: “Tutti sono felici che gli Stati Uniti siano tornati, ma la leadership degli Stati Uniti significa che vorranno ciò che abbiamo”.

Johnson ha affermato che la caratteristica del vertice era “molto armoniosa”, sebbene Questioni Brexit e nuove regole commerciali dell’Irlanda del Nord I negoziati con i leader europei si sono deteriorati.

Il primo ministro britannico ha insistito sul fatto che avrebbe “a tutti i costi” per garantire che l’accordo post-Brexit non avrebbe imposto un onere irragionevole al commercio tra Gran Bretagna e Irlanda del Nord.

La Cina critica gli Stati Uniti e altri membri del Gruppo dei Sette, ritenendo che il “vero multilateralismo” si basi sulle Nazioni Unite. Un portavoce dell’ambasciata cinese a Londra ha dichiarato: “Sono finiti i giorni in cui le decisioni globali venivano prese da pochi paesi”.

Rapporto aggiuntivo di Erika Solomon a Berlino

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *