Biden, il Congresso non è d’accordo su come pagare le infrastrutture Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato della risposta del governo alla malattia da coronavirus (COVID-19) e del piano di vaccinazione in un breve discorso alla State Banquet Hall della Casa Bianca a Washington, Stati Uniti, 18 giugno 2021.Reuters/Carlos

2/2

Autori: Trevor Hunnicutt e Jarrett Renshaw

WASHINGTON (Reuters)- Funzionari statunitensi hanno detto lunedì che il presidente Biden continuerà a discutere della legislazione sulle infrastrutture statunitensi questa settimana, ma la Casa Bianca non ha ancora concordato con i legislatori su come pagare tali fatture.

Un progetto infrastrutturale bipartisan del costo di poco più di 1 trilione di dollari, che rappresenta solo circa un quarto della proposta originale di Biden, ha ottenuto il sostegno del Senato degli Stati Uniti, ma continuano le controversie su come finanziarlo.

Ad esempio, i membri del gruppo bipartisan hanno discusso di collegare le tasse sulla benzina all’inflazione per aiutare a pagare le bollette, una clausola che Biden ha costantemente rifiutato.

Brian Deese, direttore del Consiglio economico nazionale della Casa Bianca, ha dichiarato lunedì alla CNN: “Abbiamo ancora alcuni problemi, soprattutto in termini di come paghiamo”.

Ventuno dei 100 senatori degli Stati Uniti, tra cui 11 repubblicani, 9 democratici e 1 persona indipendente che si è riunita con il caucus del Partito Democratico, stanno lavorando a un quadro per la ricostruzione di strade, ponti e altre infrastrutture tradizionali. 1.2 trilioni di dollari in otto anni.

Uno dei 21 senatori, il senatore repubblicano Lindsey Graham (NYSE:) ha dichiarato domenica su Fox News che se Biden vuole un accordo infrastrutturale da 1 trilione di dollari, “è lì. Devi solo partecipare e guidare”.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto lunedì che Biden dovrebbe parlare con i legislatori già lunedì, ma ha aggiunto che non c’è molto tempo per i negoziati prima che il Partito Democratico decida di andare avanti con il voto di parte.

Biden ha cercato di promuovere la crescita economica dopo la pandemia, proponendo inizialmente di spendere circa 4 trilioni di dollari per la costruzione di infrastrutture più ampie, compresa la lotta ai cambiamenti climatici e la cura dei bambini e degli anziani.

La Casa Bianca ha ridotto l’offerta a circa 1,7 trilioni di dollari in trattative con i senatori, sperando di ottenere il sostegno del Partito Repubblicano nel Senato degli Stati Uniti, profondamente diviso.

Pasaki ha detto lunedì che la Casa Bianca non ha rinunciato ai piani per aumentare la spesa su elementi come lezioni prescolari gratuite e congedi familiari retribuiti. Ha detto che la Casa Bianca non ha mai considerato i negoziati sulle infrastrutture come un “passo”.

“C’è un processo di riconciliazione in corso che affronta e include alcune delle priorità del presidente”, ha detto Psaki.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *