Biden invita gli afgani a “decidere il loro futuro” perché il ritiro sta per finire Reuters

[ad_1]

3/3

© Reuters. Foto del file: il 24 giugno 2021, una ragazza lustrascarpe aspetta i clienti sotto i graffiti su un muro a Kabul, in Afghanistan. REUTERS/Stringer/Foto d’archivio

2/3

Autori: Jonathan Randy, Steve Holland e Phil Stewart

WASHINGTON (Reuters)- Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incontrato venerdì alla Casa Bianca il presidente afghano Ashraf Ghani e il suo ex nemico politico Abdullah Abdullah, invitando gli afgani a decidere il futuro del loro Paese perché l’ultimo gruppo di truppe statunitensi in più di 20 anni di guerra e le forze governative hanno lavorato duramente per respingere gli attacchi dei talebani.

Biden, che siede accanto a Ghani e Abdullah nello Studio Ovale, li ha chiamati “due vecchi amici” e ha detto che il sostegno degli Stati Uniti all’Afghanistan non è terminato, ma nonostante il ritiro degli Stati Uniti, continuerà.

“Gli afghani dovranno decidere il loro futuro, quello che vogliono”, ha detto Biden, “la violenza senza senso deve finire”.

Ghani ha detto che le forze di sicurezza afghane hanno ripreso sei aree venerdì. Ha detto di rispettare la decisione di Biden e che la partnership tra Stati Uniti e Afghanistan sta entrando in una nuova fase.

“Siamo determinati a restare uniti”, ha detto.

Ghani ha detto in un’intervista con i giornalisti dopo l’incontro che la decisione degli Stati Uniti di ritirare le truppe è una decisione sovrana, e il lavoro di Kabul è quello di “gestire le conseguenze”.

Ha aggiunto che Biden ha chiarito che l’ambasciata degli Stati Uniti continuerà a funzionare, l’assistenza alla sicurezza continuerà e in alcuni casi accelererà.

Abdullah ha detto in un’intervista a Reuters dopo l’incontro con Biden che, a meno che gli stessi insorti non si ritirino, non dovrebbero abbandonare i negoziati su una soluzione politica all’interno dell’Afghanistan a un punto morto.

“Non credo che dovremmo chiudere il cancello a meno che i talebani non lo chiudano completamente”, ha detto Abdullah. “Nonostante la mancanza di progressi o nonostante ciò che sta accadendo sul campo, non possiamo rifiutarci di negoziare”.

Il simbolismo dell’incontro dello Studio Ovale a Ghani potrebbe essere prezioso quanto qualsiasi nuovo aiuto degli Stati Uniti, poiché sarà visto come un’affermazione del sostegno di Biden al travagliato leader afghano mentre affronta gli interessi, le esplosioni e gli omicidi dei talebani, l’ondata di COVID-19 casi e le lotte politiche interne a Kabul.

Ronald Neumann, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti a Kabul, ha dichiarato: “Quando il morale è molto basso e le cose stanno precipitando, vale la pena fare tutto ciò che può aiutare a sollevare il morale e sostenere il governo”. segno che lo sosteniamo”.

Tuttavia, l’abbraccio di Biden è arrivato mesi dopo che i funzionari degli Stati Uniti hanno fatto pressioni su Ghani affinché lasciasse il posto al governo di transizione sulla base di una bozza di accordo politico.

Biden ha chiesto al Congresso di approvare 3,3 miliardi di dollari di assistenza alla sicurezza in Afghanistan il prossimo anno e invierà lì 3 milioni di dosi di vaccino per aiutarlo a combattere il COVID-19.

Funzionari statunitensi hanno chiarito che Biden non impedirà il ritiro delle truppe statunitensi – che potrebbe essere completato nelle prossime settimane – e che è improbabile che approvi alcun sostegno militare statunitense a Kabul per impedire ai talebani di escludere consigli, intelligence, e manutenzione degli aeromobili.

In precedenza, i leader afghani hanno tenuto un secondo giorno di riunione a Capitol Hill e la decisione di Biden di ritirarsi è stata contrastata da molti membri di entrambe le parti.

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha dato il benvenuto a Gani all’incontro dei leader bipartisan e ha affermato di non vedere l’ora di sapere cosa si può fare con gli aiuti umanitari negli Stati Uniti, in particolare per le donne e le ragazze.

Molti legislatori ed esperti sono profondamente preoccupati che i talebani, se riconquisteranno il potere, annulleranno i progressi compiuti nei diritti delle donne e delle ragazze, che sono stati gravemente repressi e banditi dall’istruzione e dal lavoro durante il governo ribelle del 1996-2001.

Preoccupazioni per Al Qaeda

La visita di Ghani Abdullah è stata accompagnata da una battuta d’arresto nel processo di pace e dalle attività violente mentre le forze di sicurezza afghane stavano lavorando per fermare l’offensiva di primavera dei talebani, che ha minacciato diverse capitali e ha innescato la mobilitazione delle milizie etniche.

Il segretario di Stato americano Anthony Brinken ha dichiarato venerdì durante una visita a Parigi che Washington esamina “molto seriamente” se i talebani sono “seri riguardo alla risoluzione pacifica del conflitto”.

Questa crisi ha sollevato serie preoccupazioni sul fatto che i talebani possano tornare al potere – due decenni dopo che l’invasione guidata dagli Stati Uniti ha posto fine al loro duro dominio islamico – e la rinascita di al Qaeda. Funzionari degli Stati Uniti e delle Nazioni Unite hanno dichiarato che gli estremisti mantengono stretti contatti con i talebani.

Funzionari americani hanno risposto che gli Stati Uniti saranno in grado di rilevare e sconfiggere qualsiasi nuova minaccia di Al Qaeda o di altri islamisti. I talebani hanno insistito sul fatto che Al Qaeda non è più in Afghanistan.

Una fonte del governo degli Stati Uniti che ha familiarità con i rapporti dell’intelligence statunitense ha affermato che la situazione è molto grave. Hanno detto che Ghani è stato esortato ad adottare ulteriori misure per aumentare la pressione sugli insorti mentre esiste ancora la coalizione guidata dagli Stati Uniti.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *