BioNTech cerca di sviluppare un vaccino contro la malaria più efficace

[ad_1]

Aggiornamento BioNTech

Il gruppo biotecnologico tedesco dietro uno dei vaccini Covid-19 di maggior successo mira a sviluppare un vaccino più efficace contro la malaria, una delle malattie più mortali al mondo.

Ugurshahin, Tecnologia biologicaIn un’intervista con il British Financial Times, il co-fondatore e amministratore delegato della società ha dichiarato che ci sono “due tipi di problemi” con i vaccini esistenti. “O il vaccino contro la malaria non funziona affatto, o funziona solo per un breve periodo”.

Esiste un solo vaccino contro la malaria approvato, Mosquirix, e GlaxoSmithKline ha impiegato più di 30 anni a svilupparlo. È solo il 39% valido per quattro anni in media.

L’obiettivo di Sahin è sviluppare un vaccino contro la malaria con un tasso di efficacia del 90% entro uno o due anni. Tutti i vaccini eventualmente sviluppati saranno venduti in Africa senza scopo di lucro.

L’azienda collaborerà con il programma di eradicazione della malaria della Fondazione kENUP.

Oltre a sviluppare il proprio vaccino, BioNTech aiuterà anche a produrre e testare altri vaccini candidati nelle strutture in Africa. Un candidato promettente nello studio a medio termine, chiamato R21, potrebbe essere il primo a raggiungere l’obiettivo dell’Organizzazione mondiale della sanità di almeno il 75% di efficacia.

I funzionari sanitari affermano che la lotta contro la malaria si è arrestata negli ultimi anni. Nel 2019 sono stati registrati 229 milioni di casi, di cui il 94% si è verificato in Africa. Delle quasi 400.000 persone che muoiono ogni anno a causa della malattia, circa i due terzi sono bambini.

BioNTech è diventato famoso dopo aver collaborato con Pfizer per sviluppare il primo vaccino approvato utilizzando acido ribonucleico messaggero (mRNA), che istruisce il corpo a produrre una parte del virus per produrre una risposta immunitaria. Questo successo ha permesso al prezzo delle sue azioni di aumentare del 150% nell’ultimo anno.

Come altri produttori di vaccini contro il coronavirus, BioNTech è sotto pressione per abbandonare i diritti di proprietà intellettuale. Promuovere il piano vaccinale Nei paesi più poveri.Shahin ha sostenuto che questo avrebbe soffocato l’innovazione e ha promesso il mese scorso Investire nello sviluppo di vaccini in Africa.

Sahin ha affermato che la società lavora con la Bill and Melinda Gates Foundation dal 2019, ma il successo del vaccino mRNA contro Covid-19 ha notevolmente promosso gli sforzi per migliorare la salute globale.

Il suo obiettivo è quello di avviare nel 2022 le sperimentazioni cliniche di vaccini candidati per la malaria e la tubercolosi. Ma ha ammesso che la malaria può essere difficile da trattare quanto il cancro, e il cancro è stato a lungo al centro della ricerca di BioNTech.

“Questo non sarà un fuoricampo”, ha detto. “Questo è un agente patogeno molto, molto difficile da decifrare”.

Il candidato al vaccino contro la malaria di maggior successo finora prende di mira la proteina circumsporozoite. Shaheen spera di testare fino a 20 vaccini candidati. Ha detto che il vantaggio di usare l’mRNA per sviluppare vaccini è che rende più facile testare e produrre altre proteine ​​bersaglio.

Il progetto sarà finanziato da BioNTech. Shahin ha rifiutato di fornire cifre esatte, ma ha dichiarato che il punto di riferimento per lo sviluppo iniziale era compreso tra 20 milioni e 50 milioni di euro.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *