BNP Paribas è nel mirino dei principali esportatori di vino europei per perdite nelle transazioni in valuta estera

[ad_1]

BNP Paribas è accusato di aver venduto erroneamente miliardi di euro in prodotti in valuta estera in perdita al più grande esportatore di vino d’Europa.Questa è l’ultima accusa in una crescente controversia tra Goldman Sachs e Deutsche Bank.

J. García Carrión è stata fondata a Jumilla, nel sud-est della Spagna, nel 1890, e contesa con questa banca francese per transazioni valutarie per un valore nominale cumulativo di decine di miliardi di euro. Secondo persone che hanno familiarità con la questione, ha affermato che la transazione in perdita era una transazione impropria con un ex dirigente tra il 2015 e il 2020.

BNP Paribas è una delle numerose banche che hanno affrontato reclami da parte di clienti aziendali spagnoli per presunta vendita impropria di derivati ​​su cambi, che ha causato alcune difficoltà finanziarie ad alcune società.

Deutsche Bank ha avviato un’indagine interna Le presunte vendite improprie di questa settimana hanno portato a Se ne vanno due senior manager, Louis Kitchen e Jonathan Tinker.

Un’indagine interna di JGC ha rilevato che BNP Paribas aveva condotto più di 8.400 transazioni in valuta estera con la società in un periodo di cinque anni, equivalenti a circa 6 transazioni al giorno lavorativo.

Le persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che questo livello di attività è molto superiore al livello richiesto dall’azienda per coprire normalmente il rischio di cambio delle esportazioni internazionali di vino, aggiungendo che l’azienda spagnola ha condiviso i risultati della sua indagine interna con BNP Paribas.

Sebbene la stragrande maggioranza delle operazioni in perdita sia correlata a swap euro-dollaro che sono dannosi per le banche, alcuni sono in coppie di valute in cui JGC ha poche o nessuna attività, come l’euro-corona svedese.

La persona a conoscenza della questione ha aggiunto che il risultato diretto è che la società con un fatturato di 850 milioni di euro ha perso circa 75 milioni di euro in questi cinque anni, mentre BNP Paribas avrebbe potuto guadagnare più di 100 milioni di euro dall’operazione. Molte transazioni vengono effettuate tramite trading desk a Londra.

Secondo diverse persone che hanno familiarità con la questione, i dirigenti hanno chiesto almeno danni parziali, ritenendo che i commercianti o il dipartimento di conformità di BNP Paribas dovrebbero rilevare e segnalare livelli sproporzionatamente elevati di transazioni e profitti da parte dei singoli clienti.

Una persona che ha familiarità con la questione ha affermato che JGC ha dichiarato che queste transazioni sono destinate a scommettere sul mercato valutario, non a copertura, e sta considerando di avviare una causa per cercare di recuperare parte dei fondi.

“BNP Paribas è molto severa nel rispettare tutti gli obblighi normativi relativi alla vendita di derivati ​​e strumenti di cambio”, ha affermato la banca in una nota. “Non commentiamo le relazioni con i clienti”.

JGC ha rifiutato di commentare.

Inoltre, il produttore di vino spagnolo ha citato in giudizio Goldman Sachs presso l’Alta Corte di Londra, chiedendo un rimborso parziale di 6,2 milioni di dollari per perdite causate da derivati ​​in valuta estera. Goldman Sachs insiste sul fatto che questi prodotti non sono eccessivamente complicati per le società multinazionali con esigenze di copertura e hanno condotto transazioni con piena informativa sui rischi.

A Madrid, l’azienda vinicola ha anche intentato una causa contro ex alti dirigenti responsabili della firma di transazioni in perdita. JGC ha affermato che questa persona ha condotto transazioni in segreto e le ha coperte internamente falsificando documenti e fuorviando i revisori dei conti.

Nella causa di Londra, JGC ha affermato che i suoi dirigenti “hanno agito con l’incoraggiamento e/o il consiglio dei dipendenti di Goldman Sachs” e “per speculazioni piuttosto che per scopi di investimento o copertura”.

Deutsche Bank ha indagato per mesi se i suoi operatori a Londra e Madrid hanno aggirato i regolamenti dell’UE e convinto centinaia di società spagnole ad acquistare complessi derivati ​​in valuta estera di cui non avevano bisogno o che non capivano.

Il Financial Times ha riferito che la banca tedesca aveva risolto privatamente molte denunce contro di essa ed evitato di andare in tribunale.

Una persona a conoscenza della questione ha dichiarato al Financial Times che la partenza di Kitchen e Tinker era legata alle indagini su presunte vendite improprie, che sembravano essere avvenute in un’unità supervisionata dai due all’epoca.

La banca ha rifiutato di commentare. Kitchen e Tinker non hanno risposto alle richieste di commento.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *