Boris Johnson si sforza di definire un’agenda di escalation “ambigua”

[ad_1]

Boris Johnson ha promesso di rilanciare il piano di decentramento in stallo del governo in Inghilterra e ha chiesto una serie di “transazioni a livello di contea” nel tentativo di spingere la sua agenda di “aggiornamento” nelle aree al di fuori delle grandi città.

Ma l’importante discorso del primo ministro sull’escalation è stato criticato come vuoto dagli oppositori, e il backbencher conservatore Laura Faris ha affermato che il concetto era “ambiguo” e ha aggiunto: “Significa ciò che chiunque vuole”.

Johnson ha promesso di diffondere la prosperità in modo più uniforme in tutto il paese e, quasi due anni dopo aver vinto le elezioni generali del 2019, sta cercando di chiarire cosa significano le sue politiche o come otterranno i finanziamenti.

Nel suo discorso a lungo ritardato a Coventry, c’erano poche nuove idee e nuovi fondi limitati, inclusi 50 milioni di sterline per gli stadi di calcio locali e 10 milioni di sterline per togliere la gomma dalle strade.

Johnson ha promesso di delegare il potere alle contee principalmente controllate dal Partito Conservatore o alle contee non metropolitane, un anno dopo che il libro bianco del piano sull’argomento è stato cancellato.

Lord Michael Heseltine, un sostenitore della diffusione del potere fuori Londra, ha detto a maggio, L’agenda del decentramento è “morta”La questione del decentramento sarà ora risolta nel white paper sull’aggiornamento autunnale.

La politica di escalation di Johnson è stata al centro della sua campagna del 2019 ed è stata derisa da Dominic Cummings, ex consigliere capo del primo ministro, che ha scritto su Twitter: “Gli aggiornamenti non sono il prodotto di alcuna idea”.

Il discorso di Johnson a Coventry ha delineato alcune delle sfide politiche che ha dovuto affrontare mentre cercava di mantenere una coalizione conservatrice che abbracciava le città della classe operaia bianca e le sedi meridionali ricche e dominate dai laureati.

Il primo ministro vuole spendere di più nelle regioni del centro e del nord, ma Rishi Sunak, il cancelliere dello scacchiere, ha avvertito che i nuovi piani di spesa su larga scala devono essere pagati con tasse più alte.

Il premier si è detto “non interessato all’idea di imporre tasse extra ai lavoratori”, Una guerra di logoramento Con un cancelliere dello scacchiere che non vuole utilizzare prestiti più elevati per finanziare spese aggiuntive.

Il sindaco laburista della Greater Manchester Andy Burnham ha dichiarato: “La maggior parte dell’analisi del Primo Ministro oggi è corretta e non sono assolutamente d’accordo. Ma ciò che manca sono azioni credibili che cambieranno effettivamente la realtà della vita nel nord dell’Inghilterra.

“Non si aggiorna gettando soldi in città e paesi e creando gruppi di lavoro sulla gomma”.

Johnson ha anche cercato di rassicurare gli elettori nel cosiddetto “muro blu” del Partito Conservatore nell’Inghilterra meridionale che l’escalation non significa “derubare Peter per pagare Paul”, in altre parole, rendere più povero il cuore del Partito Conservatore.

Da quando i liberaldemocratici hanno rovesciato la maggioranza conservatrice nelle elezioni suppletive di Chesham e Amersham il mese scorso, i parlamentari conservatori sono diventati sempre più preoccupati per l’obiettivo settentrionale di Johnson.

Johnson è stato anche più volte interrogato in conferenza stampa dopo il discorso perché non è riuscito a condannare i tifosi che si sono “inginocchiati” all’inizio della Coppa dei Campioni 2020.

Sebbene gli strateghi del Partito Conservatore credano che la “guerra culturale” sia vantaggiosa per il partito nei seggi della classe operaia bianca, i membri del Partito Conservatore nel sud sono preoccupati per il ritorno dell’etichetta che Theresa May una volta chiamava “partito cattivo”.

Johnson ha affermato di sperare che le “grandi contee” dell’Inghilterra trarrebbero beneficio dal potere concesso ai leader della città. Poiché molte contee non sono disposte a cedere il potere a sindaci eletti direttamente, Johnson ha chiarito ancora una volta che questa non è una condizione per raggiungere un accordo.

Ha aggiunto che non esiste un modello “taglia unica”. La rete del consiglio di contea ha accolto con favore le sue parole. Solo tre contee hanno accordi di decentramento: Cornovaglia, Northumberland e Cambridgeshire, le ultime due accettano di nominare i sindaci.

Tuttavia, Henri Murison, direttore della Northern Powerhouse Partnership, un think tank presieduto dall’ex primo ministro George Osborne, ha affermato che l’approccio temporaneo al decentramento ha messo in difficoltà molti posti.

Le contee della Contea, tra cui Cumbria e North Yorkshire, aspettano da diversi mesi che il governo approvi l’accordo proposto.

I critici del decentramento di Johnson affermano che al primo ministro è stato impedito di trasferire nuovi poteri in queste aree perché molti dei sindaci eletti sono politici laburisti, come Burnham.

Al contrario, i leader dei paesi della Contea sono spesso conservatori. Johnson ha affermato che possono richiedere una serie di poteri, come la gestione di autobus o programmi di formazione locale per le competenze.

“Vieni da noi con un piano di leadership forte e responsabile e ti forniremo gli strumenti per migliorare il tuo campo”, ha affermato.

Johnson ha detto che spera che una nuova generazione di sindaci li guidi, “non solo alla ricerca di opportunità per sottolineare le differenze tra loro e il governo centrale”.

Ma Heseltine ha affermato che il decentramento previsto da Johnson è dall’alto verso il basso, basato sull’approvazione di poteri specifici da parte del ministro, piuttosto che consentire a una potente figura eletta di formulare la propria strategia in base alle esigenze locali. “Questo non è come il decentramento in altri paesi”, ha detto.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *