Borse europee in rialzo dopo il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti

[ad_1]

I mercati azionari europei sono aumentati lunedì, ma i volumi degli scambi sono stati soppressi poiché i mercati statunitensi sono stati chiusi dopo il Giorno dell’Indipendenza di domenica.

Dopo il primo calo, l’indice Stoxx 600 per l’intera regione è aumentato dello 0,4%, guidato dai titoli finanziari ed energetici. Il francese Cac 40 è aumentato dello 0,3%, mentre il tedesco Dax è aumentato dello 0,1%.

L’indice FTSE 100 è salito dello 0,6% dopo l’apertura invariata ed è stato guidato anche da gruppi finanziari ed energetici.I prezzi di società come Lloyds Banking Group, Anglo American Resources Group e Glencore sono tutti aumentati.

I dati sull’occupazione non agricola di venerdì hanno mostrato che il mercato del lavoro statunitense Aggiungere a A giugno sono stati creati 850mila nuovi posti di lavoro, molto al di sopra delle aspettative degli economisti, e molto al di sopra delle 583mila persone riviste a maggio.

Luca Paolini, chief strategist di Baida Asset Management, ha dichiarato: “Dopo la pubblicazione del rapporto sul lavoro negli Stati Uniti, penso che avremo del tempo per approfondire i dati”.

“La vera forza trainante che può cambiare le dinamiche del mercato non è il picco di slancio del PIL… Questo è il picco di slancio degli utili”, ha detto Paulini. “Suppongo [the second-quarter] La stagione degli utili sarà molto forte”, ha aggiunto.

La forte evidenza che la più grande economia del mondo sta rapidamente emergendo dalla crisi del coronavirus ha spinto il mercato azionario statunitense a chiudere Alta storica di venerdì.

Anche la ripresa in Europa sta accelerando. Secondo i dati diffusi lunedì da IHS Markit, la crescita economica della zona euro ha raggiunto il massimo da 15 anni. L’Eurozone Comprehensive Purchasing Managers Index è passato da 57,1 di maggio a 59,5 di giugno, riflettendo la forte performance delle industrie manifatturiere e dei servizi.

I rendimenti obbligazionari, inversamente proporzionali ai prezzi, sono aumentati in tutta Europa. Il titolo di Stato tedesco di riferimento a 10 anni è salito di 0,02 punti percentuali a meno 0,210%, mentre il titolo di Stato a 10 anni del Regno Unito è aumentato di 0,01 punti percentuali allo 0,717%.

Paulini ha aggiunto che questa settimana gli investitori presteranno molta attenzione ai segnali economici della direzione della ripresa economica degli Stati Uniti. Ulteriori forti dati settimanali sull’occupazione potrebbero aumentare la pressione sulla Banca centrale degli Stati Uniti affinché prenda in considerazione la riduzione delle politiche per sostenere l’economia durante la pandemia.

“Avremo minuto Riserva federale [on Wednesday]La gente cercherà di vedere se qualcosa può cambiare la Fed in modi imprevedibili”, ha detto.

Sebbene il club dell’OPEC e i suoi partner non siano riusciti a raggiungere un accordo sulla produzione venerdì, i prezzi del petrolio rimangono alti. Lunedì il greggio di riferimento globale Brent è rimasto stabile a 76,22 dollari al barile. Il benchmark globale statunitense del petrolio greggio West Texas Intermediate è aumentato dello 0,1% a 75,23 dollari USA al barile.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *