Bruxelles intraprende un’azione legale contro il Regno Unito per violazione dell’accordo Brexit

[ad_1]

Aggiornamento sull’Irlanda del Nord

Bruxelles ha sospeso l’azione legale contro il governo britannico nel tentativo di allentare le tensioni sulle normative doganali per le merci che entrano nell’Irlanda del Nord.

La Commissione europea ha dichiarato martedì che bloccherà le procedure di infrazione di marzo avviate dalla violazione da parte del Regno Unito dei termini dell’accordo post-Brexit per l’Irlanda del Nord, che richiede ispezioni delle merci che entrano in Irlanda del Nord dal continente britannico.

Quando Bruxelles ha deciso di sospendere l’azione legale, l’UE e il Regno Unito sono diventati sempre più nervosi per le norme volte a prevenire le frontiere rigide sull’isola d’Irlanda.

Nell’ambito di una riforma globale del trattato raggiunta tra le due parti nel 2019, il governo britannico la scorsa settimana ha chiesto la rimozione del ruolo della Corte suprema dell’UE nell’interpretazione del protocollo.

La Gran Bretagna sostiene che le ispezioni doganali hanno portato al commercio Attrito e instabilità sociale Per imprese e cittadini Nell’Irlanda del Nord. “Non possiamo continuare come facciamo ora, ha detto la scorsa settimana al Parlamento britannico il ministro dell’Unione europea Lord David Frost.

Bruxelles ha Rifiutare risolutamente Rinegoziazione dell’accordo, ma ha scelto di archiviare le procedure di infrazione per evitare di aggravare le tensioni con Londra.

Il comitato ha affermato che la sospensione aiuterà “a fornire lo spazio necessario per riflettere su questi temi e trovare una soluzione duratura per l’attuazione dell’accordo”.

Un diplomatico dell’UE ha dichiarato che la decisione aveva lo scopo di evitare che una serie di periodi di grazia per l’ispezione delle merci in ingresso nell’Irlanda del Nord scadessero a settembre e di prevenire un ulteriore deterioramento delle relazioni.

La commissione ha detto ai diplomatici dell’UE che il Regno Unito continua a minacciare di utilizzare un meccanismo previsto dall’articolo 16 del trattato sulla Brexit, che consente a qualsiasi parte di sospendere unilateralmente l’uso delle merci se ritiene che le merci causino gravi danni economici e sociali agli Stati Uniti. Regno Ispezione. L’area.

Frost ha dichiarato la scorsa settimana che il governo si è ritirato dall’attivazione dell’articolo 16 dopo aver dichiarato in precedenza che avrebbe preso in considerazione “tutte le opzioni”.

Un diplomatico dell’UE ha dichiarato: “Tutto può fornire a Frost la partita che vuole accendere, comprese le procedure di infrazione”.

Britannico”Ordina carta“Sono state avanzate una serie di requisiti, come l’abolizione del ruolo della Corte di giustizia europea, la sospensione delle ispezioni doganali delle merci affinché le aziende possano garantire che la destinazione finale sia l’Irlanda del Nord anziché il mercato unico dell’UE e una profonda riforma del paese: il sistema di sussidio.

Bruxelles esita Ha anche accusato il Regno Unito di aver violato un accordo vincolante a livello internazionale raggiunto con l’amministrazione Boris Johnson, entrato in vigore solo all’inizio di quest’anno.

La commissione ha detto ai diplomatici dell’UE che è impossibile per il Regno Unito richiedere un doppio sistema di supervisione nell’Irlanda del Nord e abolire il ruolo della Corte di giustizia europea. Un funzionario dell’UE ha dichiarato che la richiesta della Gran Bretagna di abbandonare le ispezioni doganali “ha bisogno di fiducia, e tutta la fiducia è scomparsa”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *