C’è una bolla in borsa? Non scommetterci.

[ad_1]

A volte, quello che vedi è quello che ottieni.Questo non è il caso Rapporto sull’occupazione di agosto.

A prima vista, questo numero è molto deludente. L’economia degli Stati Uniti ha aggiunto solo 235.000 posti di lavoro il mese scorso, molto al di sotto delle aspettative del mercato di 750.000 e persino inferiore alla stima più bassa di 400.000.La narrativa semplice è ovvia: la crescita sta rallentando, il mercato del lavoro è stagnante e la ripresa è appena arrivata Non succede abbastanza velocemente.

Ma andando un po’ più in profondità, tutto non è come sembra. L’aumento dello 0,6% delle retribuzioni orarie medie indica un’inflazione continua, mentre l’occupazione a giugno e luglio è stata rivista fino a 976.000 e 1,1 milioni, rispettivamente, indicando che queste cifre potrebbero non essere così deboli come hanno visto. La mancanza di creazione di posti di lavoro nel settore del tempo libero e dell’ospitalità suggerisce che la variante Delta del Covid-19 potrebbe essere problematica.

Alla fine della giornata, non sembra essere così importante

Indice Standard & Poor’s 500

La giornata ha chiuso in calo di 1,52 punti e si è chiusa a 4.535 punti questa settimana. Tuttavia, il rapporto sull’occupazione è ancora visto come un segno di problemi futuri o nulla di cui preoccuparsi. In altre parole, questi numeri potrebbero essere un motivo per cui la Fed è cauta nell’iniziare a ridurre le obbligazioni, o un segnale che la banca centrale dovrebbe iniziare a ridurre gli acquisti di obbligazioni il prima possibile. “Le persone troveranno dati a sostegno della loro narrativa”, ha affermato Keith McCullough di Hedgeye.

Ma quale narrazione? In questi giorni, sembra impossibile scegliere.Penso che questo sia il motivo per cui lo stratega di Morgan Stanley Mike Wilson ha avanzato due opinioni opposte in un rapporto pubblicato la scorsa settimana. Da un lato, la Fed ha esaminato i dati imminenti, in particolare la possibilità di un picco dei casi di inflazione e variabile delta, e ha deciso che era ora di ridurre la scala. Wilson sospetta che Jerome Powell possa iniziare questo processo in inverno: quando inizierà, i tassi di interesse aumenteranno, le valutazioni delle azioni diminuiranno e il mercato diminuirà del 10%, anche se i titoli finanziari potrebbero trarne vantaggio.

D’altro canto, a causa del calo della fiducia dei consumatori e del calo della domanda, potrebbe anche arrivare un rallentamento della crescita. Se la crescita è inaspettatamente troppo lenta, potrebbe anche portare a un eventuale aggiustamento del mercato, che farà sì che i titoli dell’assistenza sanitaria e dei beni di prima necessità superino il mercato più ampio.

“Ancora più importante, questo autunno, prevediamo ancora che la nostra transizione a medio termine si concluda con una correzione di oltre il 10% nell’S&P 500, ma la narrativa del fuoco o del ghiaccio determinerà la leadership”, ha scritto Wilson. “Pertanto, la nostra raccomandazione è di avere un bilanciere con partecipazione finanziaria e tutela della qualità della difesa in ogni caso. Questo sembra essere ugualmente possibile”.

La scena del fuoco e del ghiaccio di Wilson si conclude allo stesso modo, con una correzione tardiva. L’adeguamento che dovrebbe avvenire ora è un altro modo per dire che gli investitori sono sorpresi dall’aumento ininterrotto del mercato. L’indice Standard & Poor’s 500 è aumentato del 2,9% ad agosto, il settimo mese consecutivo di guadagni, e questa è la quindicesima volta dal 1950. Inoltre, non è diminuito almeno del 5% durante l’anno e si è verificato solo due volte dal 1980, nel 1995 e nel 2017, ha osservato Keith Lerner, chief market strategist presso Truist Advisory Services.

Questo è ovviamente raro e non mancano i motivi per cui il mercato dovrebbe crollare. È cresciuto troppo a lungo e troppo costoso. La Fed sta distorcendo la sua performance.

Nicholas Colas di DataTrek ha fornito 10 di questi motivi, che vanno dalla stagionalità del mercato agli eventi geopolitici fino all’epidemia di Covid così grave da richiedere un nuovo blocco. Ha anche citato fattori che sono vantaggiosi per noi nel mondo reale, ma non necessariamente nel mercato, come la fine più rapida della pandemia. “L’elenco di oggi non è un avvertimento “vendi tutto”, ha scritto Kolas. “Al contrario, questo è (si spera) uno sguardo completo ai problemi che potrebbero sorgere”.

Solo perché può andare storto non significa che andrà male. Ciò è particolarmente vero a causa delle strane dinamiche di mercato al lavoro.

Ringraziamo Nikolaos Panigirtzoglou, stratega di JPMorgan Chase Gli investitori al dettaglio hanno trascorso la maggior parte del rally, Acquista azioni ogni volta che cadono. Ma questo ha spinto il mercato azionario a un livello che disturba gli investitori professionali come i fondi pensione. Non hanno aumentato le loro partecipazioni, ma hanno acquistato obbligazioni per mantenere la corretta ponderazione dell’asset allocation. Quando sarà il momento, inizieranno a vendere le loro azioni, e forse le loro obbligazioni, ha aggiunto Panigirtzoglou.

Tuttavia, sebbene l’allocazione delle azioni degli investitori non bancari sia ora vicina al punto più alto dopo Lehman Brothers, non ha previsto una correzione. “[In] Panigirtzoglou scrive che poiché i flussi al dettaglio verso le scorte non hanno subito un rallentamento sostanziale, il rischio di aggiustamenti delle scorte rimane basso. “Resta da vedere se i prossimi cambiamenti nella politica della Fed cambieranno l’atteggiamento degli investitori al dettaglio nei confronti delle azioni”.

Non fraintendermi. Senza che il mercato salga per sempre, questo mercato può prendere una pausa. In questo spazio alla fine del 2020, ho pensato se il mercato azionario fosse una bolla e ho concluso che non lo è, nonostante gli strumenti di acquisizione speciali fuori controllo, le IPO calde e la tendenza parabolica di molti titoli in forte crescita. Non ne sono così sicuro ora. Ma cercare di prevedere la correzione ha un problema: non è stato corretto. L’indice Standard & Poor’s 500 è sceso del 3% o più quattro volte nel 2021, ma ha ripreso a salire ogni volta. Vendere ad ogni minimo significherà lasciare enormi guadagni sul tavolo. Invece di cercare di determinare perfettamente i tempi di uscita, ascolterò il mercato, che non ha ancora mostrato tendenza a correggere.

Ricorda, puoi dire al mercato cosa fare. Semplicemente non deve ascoltare.

Scrivere a Ben Levison Ben.Levisohn@barrons.com

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *