Come fanno i film a guadagnare?

[ad_1]

Da una distanza, carriera cinematografica Potrebbe sembrare affascinante. Celebrità e produttori sono scivolati dal tappeto rosso, hanno vinto gli Oscar e sono andati in vacanza a St. Barthes, solo perché potevano. Sebbene l’industria cinematografica possa guadagnare molti soldi, l’economia della realizzazione di film è tutt’altro che semplice.

Se cammini per i corridoi di uno studio cinematografico, potresti sentire “Nessuno sa niente”. Questo è vero. Il pubblico può essere volubile e il settore è in continua evoluzione. Quasi tutti i film sono un investimento molto rischioso, anche i film con attori famosi.Secondo il rapporto sulle statistiche del mercato del teatro 2020 della Motion Picture Association of America (MPAA), Stati Uniti e Canada botteghino 2,2 miliardi di dollari, una diminuzione dell’80% su base annua. A livello globale, a causa della pandemia di COVID-19, il botteghino del cinema nel 2020 ha toccato un minimo di 12 miliardi di dollari, un calo del 72% rispetto al 2019.

Quando un film viene proiettato nelle sale, guadagna la maggior parte delle sue entrate attraverso la vendita dei biglietti e poi scompare, non è così semplice come i primi tempi delle sale cinematografiche. I grandi studios e i registi indipendenti sono ora alla ricerca di nuove fonti di reddito per la maggior parte del tempo, perché la vendita dei biglietti non è più l’obiettivo finale e completo dei film. Sfortunatamente, la maggior parte dei teatri è chiusa all’inizio del 2020, il che rende altre fonti di reddito più importanti che mai.

Punti chiave

  • Sebbene l’industria cinematografica possa guadagnare molti soldi, l’economia della produzione cinematografica è tutt’altro che semplice.
  • Poiché entrano in gioco fattori come la consapevolezza del marchio, i budget P&A e i desideri del pubblico volubile, non esiste un modo preciso per realizzare un profitto per i film.
  • Negli ultimi anni, la partecipazione al teatro negli Stati Uniti è stata impegnativa, il che rende ancora più importante fare soldi nei teatri stranieri.
  • Da “Star Wars”, il merchandising ha svolto un ruolo importante nell’attrarre entrate cinematografiche per bambini.
  • I diritti televisivi, i video on demand e i servizi di streaming sono fonti di reddito sempre più importanti per gli studi cinematografici.

Budget e costo del film

In generale, i principali studi cinematografici non rivelano l’intero budget dei loro film (produzione, sviluppo, marketing e pubblicità). Il mistero sorge in parte perché il costo di produzione e commercializzazione di un film è molto più alto di quanto la maggior parte delle persone si aspettasse. Ad esempio, il budget di produzione per i blockbuster estivi come “Avengers” della Marvel è stimato a $ 220 milioni. Una volta che pensi al marketing e Costi pubblicitari, Il budget è salito alle stelle.

In effetti, per molti film, il solo costo di stampa e pubblicità (P&A) può essere molto elevato.Un film del valore di 15 milioni di dollari USA è considerato un film a basso costo a Hollywood, e potrebbe esserci Budget della promozione Questo è superiore al suo budget di produzione. Molti film senza un pubblico fisso (come quelli basati sul best-seller “The Hunger Games” o anche “50 Shades of Grey”) hanno bisogno di un modo per portare le persone al cinema. Le commedie romantiche o alcuni film per bambini hanno bisogno di promuoversi attraverso spot televisivi e pubblicità sui media, e questi costi si sommano rapidamente. Per i film con un budget compreso tra 40 e 75 milioni di dollari, il budget P&A può superare i 20 milioni di dollari.

Per qualsiasi tipo di film, sia esso un blockbuster o una produzione indipendente, come agevolazioni fiscali e Collocamento del prodotto Può aiutare a pagare le bollette. Se sono motivati ​​a girare un film in Canada o in Louisiana, i produttori di solito si affrettano a farlo.

Tornando allo slogan “Nessuno sa cosa”, ci sono alcuni successi a sorpresa, come il film indipendente “Miss Sunshine”. In termini di finanziamento del film, quel film è una storia di Cenerentola.Aveva un budget di circa 8 milioni di dollari ed è stato venduto ai rivenditori Proiettore volpe Al Sundance Film Festival al prezzo di 10,5 milioni di dollari USA. Il film ha incassato 59,89 milioni di dollari nelle sale americane, una cifra quasi sconosciuta per i film indipendenti. Al contrario, hai Walt Disney (DIS) Il film “John Carter”. Il suo budget è stimato in più di 250 milioni di dollari USA, ma le sue entrate al botteghino negli Stati Uniti sono di soli 73 milioni di dollari USA.

Pertanto, a causa di fattori come i seguenti, il film non ha un percorso di profitto definito Consapevolezza del marchio, i budget P&A e i desideri del pubblico volubile entrano in gioco. Tuttavia, ci sono alcuni modi comprovati e reali per fare soldi con i film.

Entrate tariffarie

Negli ultimi anni, la frequentazione del teatro è stata impegnativa, il che rende più difficile per gli studi e i distributori trarre profitto dai film. Di solito, una parte dei biglietti del teatro viene venduta ai proprietari dei teatri, mentre gli studi e i distributori ottengono i soldi rimanenti.

Tradizionalmente, durante il weekend della premiere del film, una porzione più grande sarebbe entrata in studio. Nel tempo la percentuale degli operatori teatrali è aumentata. Gli studi cinematografici possono guadagnare circa il 60% delle entrate al botteghino dei film negli Stati Uniti e circa dal 20% al 40% delle entrate al botteghino all’estero.

La percentuale delle entrate che l’espositore riceve dipende dal contratto per ogni film.Molti contratti sono progettati per aiutare i teatri siepe Stanza negativa per un film cupo. Ciò si ottiene fornendo alle sale una percentuale maggiore di vendita dei biglietti per tali film, quindi la transazione può dare agli studi una percentuale minore di film con prestazioni inferiori e una percentuale maggiore di film popolari. Puoi controllare le dichiarazioni dei titoli delle principali catene di cinema per vedere quanto dei loro introiti dai biglietti viene restituito agli studi cinematografici.

Gli studi e gli editori di solito guadagnano di più dalle entrate nazionali che dalle vendite all’estero perché guadagnano una quota maggiore. Nonostante questa disposizione, la vendita di biglietti esteri è diventata più importante nei primi anni 2000. Questo è uno dei motivi per cui vedi più film di fantascienza, avventura, fantasy e supereroi. Le azioni e gli effetti speciali non richiedono traduzione. Sono facili da capire se sei in Malesia o Montana. È molto più difficile costruire un pubblico straniero per le commedie indipendenti.

dollari di vendita

Tutto è iniziato con Guerre stellariDall’inizio della saga fantasy di George Lucasco nel 1977, il franchise ha generato miliardi di dollari di entrate dai soli giocattoli, per non parlare licenza Proventi da altre società terze. Nel 2015, “Star Wars: Il Risveglio della Forza” ha portato a $ 700 milioni di vendite al dettaglio.

Questa strategia ovviamente non si applica a tutti i film. Non puoi vedere molte action figure nelle commedie romantiche.Tuttavia, la promozione delle vendite è un vacca da mungere Adatto per film ad alto budget che attirano bambini e fan del Comic-Con. Ad esempio, il franchise “Toy Story” della Disney ha generato miliardi di dollari di entrate. Vendite al dettaglio.

D’altra parte, alcuni analisti consigliano di continuare a guardare per la stanchezza da film. I bambini sono sempre più attratti da nuove forme di intrattenimento, come i videogiochi e YouTube.

Vendite esterne

Quando un produttore mette insieme un budget per un film indipendente, la vendita dei diritti di distribuzione all’estero è fondamentale. Aiuta a pagare il budget del film e dovrebbe generare entrate. Se i registi indipendenti hanno un eccellente agente di vendita estero che può vendere i loro film nei principali mercati esteri, possono effettivamente fare soldi.

I produttori spesso fanno la loro “lista dei desideri” durante il casting dei ruoli e l’elenco è solitamente pieno di celebrità che “viaggiano all’estero”. Se hai Tom Cruise o Jennifer Lawrence come star, è più probabile che trovi un partner disposto ad acquistare i diritti d’autore cinesi e francesi. Questo non garantisce che il film farà milioni (o miliardi), ma è sicuro quanto le scommesse che puoi ottenere in questo business.

Alcuni film americani fanno più soldi a livello internazionale che negli Stati Uniti.

Diritti d’autore TV, streaming e VOD

C’era una volta, tutto era legato alla vendita di DVD. Ora si tratta di più diritti d’autore TV, video on demand (VOD) e media in streaming.

Per alcuni produttori, la vendita di diritti d’autore televisivi e internazionali è un’importante fonte di profitto, perché il produttore non deve pagare i costi di marketing e P&A. I film devono lasciare il cinema a un certo punto, ma possono rimanere evergreen in TV. Quante volte hai sfogliato il canale e hai incontrato di nuovo “Notebook” o “Shawshank’s Redemption”?

Per quanto riguarda i video on demand, i ricavi di queste transazioni dovrebbero aggiungere allo studio centinaia di milioni di dollari Linea di fondoPer i film indipendenti, esistono diverse strategie di distribuzione VOD: data e data (film usciti in sala e VOD contemporaneamente), data precedente (VOD prima del cinema) e solo VOD. Molti film senza effetti speciali e grandi star per attirare il pubblico spesso traggono profitto da questo modello.

Lo streaming di video è una nuova fonte di reddito per i film di Hollywood. Le entrate VOD tendono a prosciugarsi dopo alcuni anni, ma gli studi cinematografici possono ancora guadagnare dai vecchi film concedendoli in licenza a Netflix o Amazon Prime. Tuttavia, il successo dei servizi multimediali in streaming con contenuti originali allontana anche gli spettatori dai film tradizionali.

Linea di fondo

Come si suol dire, nessuno a Hollywood sa niente. L’industria cinematografica è in continua evoluzione e il botteghino da solo non può generare entrate.Ci sono merchandising, VOD, streaming video, vendite all’estero e molto altro Canali di distribuzione Questo può aiutare i registi, i registi e gli studi a trarre profitto. Quindi chissà, il piccolo gioco indie in cui investi potrebbe essere il prossimo “Miss Sunshine”. o no. A Hollywood non ci sono garanzie.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *