Come il Credit Suisse ha corteggiato Sanjeev Gupta prima di un doloroso divorzio

[ad_1]

Nella località alpina di St. Moritz, cavalli senza cavaliere scricchiolavano sul lago ghiacciato, scalciando la neve in faccia all’uomo che si trascinava dietro lo snowboard.

Nel febbraio dello scorso anno, poche settimane prima che gli eventi pubblici in tutta la Svizzera venissero cancellati a causa del coronavirus, Credit Suisse ha portato i suoi clienti più preziosi al White Turf, un evento equestre centenario sponsorizzato da UBS La sua pericolosa competizione “sciistica” unica per decenni.

Sebbene sette sciatori impavidi abbiano rischiato la vita nel Credit Suisse Grand Prix, la più grande minaccia per la banca è stata uno degli spettatori: il gigante britannico dell’acciaio Sanjeev Gupta.

Oggi, il grande conglomerato di Gupta, GFG Alliance, vacilla dopo il crollo della sua banca più grande, Greensill Capital. Il gruppo metal è indagato anche dal Serious Fraud Office britannico. Nega ogni illecito.

Come tutti sappiamo, Credit Suisse ha contattato indirettamente Gupta tramite Greensill, che ha confezionato prestiti in banconote acquistate da fondi bancari svizzeri. Quando Greensill è fallita a marzo, Credit Suisse ha dovuto affrontare il fatto che gran parte del suo debito poteva essere inesigibile, compresi i prestiti a GFG.

Tuttavia, non è noto fino ad ora che Credit Suisse abbia anche un importante rapporto diretto con Gupta.

Una serie di ex dirigenti della banca svizzera ha rivelato al Financial Times come i suoi banchieri privati ​​e la leadership globale abbiano corteggiato il magnate del metallo, offrendogli un trattamento VIP ben oltre il viaggio a St. Moritz.

Avendo stabilito una profonda relazione con l’industriale di origine indiana, Credit Suisse ha ignorato gli avvertimenti sui clienti aziendali e sui propri banchieri.

Credit Suisse ha fornito a Gupta chiarimenti su tutto, dall’ipoteca della villa dei trofei al pubblico privato del suo allora CEO, il che farà arrabbiare ulteriormente i suoi clienti, che potrebbero dover affrontare perdite per miliardi di dollari.

Si prevede che alcuni di questi clienti faranno causa a Credit Suisse, accusati di fallimenti nella gestione dei fondi. Seguirono i problemi di Greensill, poiché la banca fu impantanata in un altro scandalo di gestione del rischio a causa della sua cooperazione con il fallito family office Archegos.

“La decisione di finanziare gli imprenditori [Gupta] È una decisione sbagliata ad ogni costo”, ha detto un ex senior manager delle operazioni australiane della banca, che ha citato il disagio di prestare a Gupta come motivo delle sue dimissioni. Il banchiere ha aggiunto: “Molti soldi sono andati a rischi elevati. situazione. “

Credit Suisse e GFG hanno rifiutato di commentare.

Trattamento a cinque stelle

Credit Suisse ha trascorso diversi anni a corteggiare Sanjeev Gupta, ha chiesto il divorzio alla fine di marzo e ha presentato un’istanza ai tribunali del Regno Unito e dell’Australia per far fallire molte delle sue attività principali.

La banca svizzera ha recuperato 1,2 miliardi di dollari per i clienti arrabbiati e ci sono altri strumenti disponibili. Secondo le persone che conoscono i termini, parte del finanziamento del debito di Gupta da Greensail ha beneficiato di garanzie personali, che potrebbero consentire ai creditori di rintracciare il cosiddetto “Iron Man”.

A tal fine, secondo tre persone che hanno familiarità con la questione, Credit Suisse ha recentemente assunto un investigatore privato a Kroll per monitorare le attività globali di Gupta.

Gupta ha condotto una frenesia di acquisizioni aziendali per cinque anni e ha fondato un gruppo di imprese metalmeccaniche con 35.000 dipendenti, accumulando allo stesso tempo una collezione personale. Risorse del trofeoDa jet privati ​​ed elicotteri con code di ricovero abbinate, a ville londinesi del valore di 42 milioni di sterline possedute a nome di sua moglie.

Il Credit Suisse non ha bisogno dei servizi di Kroll per ottenere informazioni su un altro palazzo Gupta: un palazzo in arenaria del XIX secolo che si affaccia sul porto di Sydney.

“Credit Suisse ha concesso un mutuo. Ne sono orgogliosi”, ha affermato l’ex dirigente. “La ricerca di super ipoteche in Australia è una strategia chiave”.

Aiutare Gupta ad acquistare una casa del valore di 35 milioni di dollari australiani (27 milioni di dollari USA) di proprietà di un trust supervisionato da un amico agente di cambio australiano come parte dei servizi forniti da Credit Suisse in qualità di gestore patrimoniale privato.

La banca svizzera gestisce anche la ricchezza di Lex Greensill, il 44enne australiano fondatore di Greensill Capital, che era un miliardario di carta prima del crollo della sua omonima società finanziaria.

Lex Greenhill

Anche il patrimonio di Lex Greensill è gestito da Credit Suisse © Ian Tuttle/Shutterstock

Sydney Mansion di Guptata

Il cancello del palazzo Gupta che si affaccia sul porto di Sydney © Getty

Gestire il patrimonio di uomini d’affari controversi fa parte del programma del Credit Suisse. Helman Sitohang, capo a lungo termine della banca della regione Asia-Pacifico, ha stabilito un franchising per soddisfare gli uomini d’affari più ricchi della regione, ma ha anche preso alcuni rischi di reputazione.

“Ci posizioniamo come una banca per gli imprenditori”, ha detto Sitohang a febbraio, pochi giorni prima del crollo di Greensill Capital. “In Asia, questo posizionamento risuona molto bene per noi”.

Gupta e Greensill condividono persino lo stesso banchiere privato del Credit Suisse: Shane Galligan, uno dei più grandi produttori di pioggia di Sitohang, la cui missione è gestire i fondi per il magnate più ricco d’Australia.

“Se si guarda alla strategia dell’Asia dal punto di vista del supporto dei clienti con un patrimonio netto ultra elevato, nessuno nelle banche private è più grande di lui”, ha affermato un altro ex banchiere del Credit Suisse. “Copre i miliardari. Sono affari suoi.”

Galligan assicura che Gupta abbia un’esperienza bancaria svizzera completa a cinque stelle. Oltre a invitare il magnate dell’acciaio a partecipare alle corse di cavalli alpini, ha anche facilitato un ambito incontro con Tidjane Thiam, l’allora amministratore delegato della banca, nel 2019.

Secondo l’ex banchiere del Credit Suisse, Galligan e Sitohang hanno svolto un ruolo importante nel dissipare le preoccupazioni sul crescente coinvolgimento della banca con Gupta e Greensail. Una persona vicina alla banca ha detto che Sitohang non è vicino a Gupta o Greensill.

Un altro ex dirigente ha ricordato una teleconferenza interna tra Galligan, Lara Warner (Chief Risk and Compliance Officer fino alla sua partenza a causa del fiasco di Greensill e Archegos) e diversi altri banchieri nel 2020, discutendo della loro relazione con altri banchieri. attività commerciale.

“Non c’è sensibilità o consapevolezza della dimensione del rischio”, ha detto. “Il tono è puramente: ‘Vogliamo fornire servizi bancari a questo cliente imprenditoriale.'”

Credit Suisse ha detto che Sitohang e Galligan hanno rifiutato di commentare.

Voli per Zurigo

Nel febbraio 2020, lo stesso mese in cui Credit Suisse ha accolto Gupta a St. Moritz, l’autorità di regolamentazione bancaria del Regno Unito ha contattato SFO Attenzione Riguardo al gruppo finanziario di metallo opaco della sua famiglia.

La banca svizzera ha successivamente ricevuto un severo avvertimento. Commercianti di materie prime a luglio 2020 Trafigura mette in guardia Credit Suisse Il fondo finanziario della catena di approvvigionamento della banca sembra contenere fatture sospette dell’impero commerciale Gupta.L’avvertimento è arrivato quando la banca era in crisi Revisione interna Fondo, innescato da un rapporto del Financial Times relazione insolita SoftBank, azionista di Greensill.

Tuttavia, non solo i fondi relativi a Greensill hanno continuato a fornire prestiti a Gupta, Credit Suisse sta anche valutando di fornire al gigante dell’acciaio un proprio bilancio.

Nell’ottobre 2020, Gupta ha annunciato un piano per controllare una delle aziende industriali più antiche e simboliche della Germania: l’impianto siderurgico di ThyssenKrupp di 200 anni.

Sanjeev Gupta con il principe Carlo, Damian Judd e Jay Hambro
Gupta (secondo da sinistra) con il principe Carlo (a sinistra) e Jay Hambro (a destra), scattate nel 2018 © News Licensing

Sii il re d’acciaio Svelata un’offerta audaceNon si è ancora impegnato nel finanziamento del debito, ma ha in tasca lettere di sostegno da due istituti finanziari familiari: Greenhill e Credit Suisse.

L’offerta per supportare ThyssenKrupp non è una tantum. Un altro ex alto dirigente ha detto che la divisione di investment banking del Credit Suisse “fioriture ovunque” e che GFG è stata attratta dai costi potenziali di una serie apparentemente infinita di operazioni, e ha vinto anche la quotazione australiano a lungo propagandato. Autorizzazione di affari InfraBuild.

Tuttavia, il costo non è mai arrivato. Quando Greensill ha iniziato a disintegrarsi e ha minacciato di far cadere GFG, entrambe le transazioni si sono concluse con un fallimento all’inizio di quest’anno.

Il destino di Greensail era condannato l’ultimo fine settimana di febbraio, quando Credit Suisse ha deciso Congela la sua gamma di $ 10 miliardi Il Supply Chain Finance Fund ha scoperto che il contratto assicurativo chiave a supporto della macchina per la cartolarizzazione delle fatture è scaduto.

Il venerdì prima della grande decisione, Gupta volò a Zurigo con il suo fedele aiutante. Jay Hambro, Discendente della dinastia bancaria britannica. Dodici mesi dopo aver goduto dell’ospitalità del Credit Suisse a White Turf, il magnate dell’acciaio è entrato nella magnifica sede della Banca Svizzera in Parade Square e ha ricevuto un’accoglienza molto diversa.

Secondo persone a conoscenza della questione, Gupta e Hambro hanno fatto pressioni sulle banche per non smettere di interferire con questi fondi.

Tuttavia, questa volta, Credit Suisse non è disposto ad accettare i suoi clienti un tempo molto apprezzati.

Segnalazioni aggiuntive di Owen Walker e Stephen Morris

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *