Come la Cina di Xi Jinping è diventata come la Russia zarista

[ad_1]

La prima riga della Costituzione del Partito Comunista Cinese dichiara di essere “l’avanguardia della classe operaia cinese”. Il documento menzionava la “rivoluzione” otto volte e la costituzione di accompagnamento della Repubblica popolare cinese la dichiarava “paese socialista”. .. Guidati dalla classe operaia e basati sull’alleanza degli operai e dei contadini”.

Ma secondo le statistiche proprie e del Fondo monetario internazionale, la Cina è uno dei luoghi più diseguali del pianeta e la sua disuguaglianza è di gran lunga maggiore di quella della maggior parte delle società capitaliste. Oggi, solo il 35% dei 92 milioni di membri del partito è classificato come operaio o contadino, una percentuale inferiore alla percentuale classificata come burocrati, dirigenti o professionisti.

In effetti, l’ultimo Partito Comunista al potere di un grande paese si è evoluto in un partito reazionario conservatore dedicato alla salvaguardia del potere delle élite capitaliste dello stato e alla promozione di una chiara forma di imperialismo nazionalista del XIX secolo.

Niente di tutto questo indebolirà la celebrazione del suo centenario da parte del PCC il mese prossimo. Tutti i sistemi autoritari distorcono i fatti storici per adattarsi alle esigenze politiche, ma la fondazione del Partito Comunista Cinese è nota per la sua plasticità. Anche la data è stata modificata. Lo stesso vale per il ruolo del grande dittatore Mao Zedong, che all’epoca era un partecipante provinciale minore, ma ora è la figura centrale nella creazione della storia da parte del PCC.

Mettere in dubbio l’esattezza di questa affermazione è un crimine di “nichilismo storico” – all’inizio di quest’anno Pechino ha condannato alla reclusione chiunque “insultasse, calunniava o violava” la memoria di un eroe nazionale.

Per dirla semplicemente, il secolo del PCC può essere diviso in quattro diverse epoche. I primi tre sono il periodo rivoluzionario degli anni ’20, ’30 e ’40, la brutale era maoista dopo la fondazione della Repubblica popolare cinese nel 1949 e la liberalizzazione economica e politica sotto la guida di Deng Xiaoping e dei suoi successori.

Xi Jinping è stato il primo leader cinese non scelto personalmente da Deng Xiaoping dopo la morte di Mao Zedong nel 1976. Ha deciso consapevolmente di definire la quarta era del governo del partito. Ciò comporta la rapida espansione dell’esercito cinese, una posizione più fiduciosa su scala globale e la totale soppressione del dissenso. Dal punto di vista economico, ha proposto una visione statale dell’autosufficienza, che un ex funzionario della Banca Mondiale ha descritto come un piano economico “in tempo di guerra”.

Il confronto politico più accurato è probabilmente con la Russia sotto il governo dello zar Nicola I o di Alessandro III nel XIX secolo. Il “pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era” è stato scritto nella Costituzione nel 2017 ed è stato popolare da allora. Sebbene sia difficile per i funzionari del partito definire chiaramente questa nuova ideologia, essa descrive una politica estremamente conservatrice e “l’ortodossia, la dittatura e la nazione” di Nicola I – nota anche come “fede, zar e patria” – —Il dogma è molto simile.

Ciò che Xi Jinping ha sottolineato non è la Chiesa ortodossa russa, ma una miscela pseudo-religiosa di marxismo sinicizzato, confucianesimo e pensiero di Mao Zedong. Gli altri due pilastri del governo del PCC odierno – dispotismo e nazionalismo – sono quasi gli stessi di Nicola I, sebbene l’imprigionamento di massa e la rieducazione degli uiguri musulmani e di altre minoranze sia maggiore di quello che fece lo zar in tempo di pace. l’azienda è più ambiziosa.

Per il PCC oggi, la disintegrazione dell’Unione Sovietica è fanatica come la Rivoluzione francese ha fatto per i Romanov. Questa paura del collasso, della disintegrazione e della resistenza popolare potrebbe essere la forza più potente dietro il drastico cambiamento nell’autoritarismo del Partito Comunista nell’ultimo decennio.

Con questa nuova repressione, Xi Jinping ha abolito uno dei segreti del successo e della longevità del partito. L’Occidente ha dato una valutazione corretta della liberalizzazione economica di Deng Xiaoping, perché la sua convinzione pragmatica è che “un gatto è un bianco (socialista) o un nero (capitalista), purché riesca a catturare un topo”. Ma altrettanto importante è che cerca di risolvere il problema dell’eredità antica e del rinnovamento del sistema autoritario.

A partire dalla fine degli anni ’70, Deng Xiaoping ha vietato il culto della personalità e ha introdotto la leadership collettiva, i meccanismi democratici all’interno del partito, il limite del mandato del leader supremo e il processo di trasferimento pacifico del potere tra generazioni di quadri.

Xi Jinping ha ribaltato tutte queste innovazioni. In tal modo, è probabile che espanda il suo dominio, ma è probabile che accorcia la vita del partito.

jamil.anderlini@ft.com

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *