Come la Cina sta prendendo di mira le grandi aziende tecnologiche

[ad_1]

All’inizio di quest’anno, quando i funzionari antitrust cinesi hanno iniziato a indagare formalmente sul gigante della tecnologia, la bacheca interna di Alibaba è stata inondata di domande da parte dei dipendenti.

Ma i dirigenti dell’azienda non hanno risposte a molte domande. L’industria tecnologica cinese non ha mai sperimentato un’applicazione rigorosa delle leggi nazionali sulla concorrenza.

Il personale ha affermato che il dipartimento di vigilanza li aveva intervistati e scaricato i record della chat dalla piattaforma di comunicazione interna di Alibaba. I funzionari hanno il diritto di ottenere tutti i dati che desiderano, esteso agli attacchi a sorpresa che possono cessare le operazioni. Durante lo svolgimento dell’indagine, i dirigenti hanno dichiarato ai dipendenti di aver studiato casi antitrust nell’Unione europea e negli Stati Uniti per prepararsi.

L’improvviso scoppio di attività da parte dell’Amministrazione statale per la regolamentazione del mercato (SAMR) ha disturbato l’industria tecnologica.

Da quando è stato indagato nel dicembre dello scorso anno, il prezzo delle azioni di Alibaba è diminuito di circa il 18% e non è aumentato bruscamente anche dopo che il caso del regolatore è stato chiuso. Multe da 2,8 miliardi di dollari. Da quando la società di consegna di cibo Meituan è diventata il secondo obiettivo dell’indagine formale alla fine di aprile, il prezzo delle sue azioni è diminuito di circa il 5%.

A più di 30 altre società tecnologiche è stato inoltre richiesto di “rettificare da sé” e fornire informazioni all’amministrazione statale per la supervisione del mercato, inclusa la società di servizi di assistenza alle corse Didi Chuxing. incerto In anticipo sui suoi piani La sensazionale IPO degli Stati Uniti.

“Ciò che ha sorpreso tutti è stata la velocità dell’inversione di marcia: in Cina, i regolatori possono agire molto rapidamente. In effetti, la Cina sta recuperando terreno con le norme normative degli Stati Uniti e dell’Unione europea – la direzione è giusta”, il capitale di rischio ditta B Capital Beijing Ha detto Daisy Cai, il capo dell’ufficio.

La rabbia pubblica sta spingendo il caso​​​

Avvocati e addetti ai lavori affermano che l’ondata di attività antitrust è in parte in risposta alla rabbia pubblica per l’immenso potere di alcune aziende tecnologiche (come le piattaforme di generi alimentari online e le società di consegna di cibo) che sono diventate essenziali durante la pandemia di coronavirus. non condivideva con loro i vantaggi degli autisti delle consegne oberati di lavoro.

L’obiettivo di Pechino sembra anche essere quello di controllare i più noti miliardari della tecnologia, come lo schietto fondatore di Alibaba Jack Ma, la cui IPO è stata annullata lo scorso anno per Ant Group e ha riorientato le ambizioni dell’azienda al servizio della società e del governo. .

“Che sia la legge antimonopolio o la legge contro la concorrenza sleale, queste sono per il governo [laws] Entrambi sono strumenti di governo sociale. Servono tutti a stabilire standard di condotta e verranno utilizzati quelli più efficaci”, ha affermato Wei Shilin, avvocato dello studio legale Dacheng.

Un corriere cinese aspetta un ordine a Wuhan

Un fattorino cinese aspetta un ordine a Wuhan © Getty Images

Guo Shan di Plenum, una società di consulenza di Pechino, concorda sul fatto che l’applicazione delle leggi sulla concorrenza non serve solo a migliorare il mercato, perché le autorità prestano molta attenzione alla tecnologia finanziaria e al trattamento dei lavoratori. “L’antitrust può essere uno strumento utile per mantenere disciplinati questi giganti della tecnologia”, ha affermato.

Nel marzo di quest’anno, Li Shouzhen, membro del comitato consultivo del governo cinese, ha dichiarato ai media statali che la Cina sta passando da una “regolamentazione inclusiva e prudente” che consente ai suoi giganti della tecnologia di crescere senza restrizioni a una “regolamentazione scientifica e innovativa”, con un focus sulla protezione dei consumatori e delle start-up tecnologiche Evita la violazione dei giganti affermati.

Pechino spera anche che le sue aziende tecnologiche conducano ricerche di base per aiutarle a separare la tecnologia a lungo termine dagli Stati Uniti, piuttosto che concentrarsi solo sull’attrarre il maggior numero possibile di consumatori per utilizzare la loro piattaforma.

I regolatori mancano di risorse

Ma per molti aspetti, le dimensioni delle società tecnologiche cinesi superano le dimensioni dei regolatori antitrust. Secondo Huang Yong, membro del Comitato consultivo antimonopolio del Consiglio di Stato, a marzo di quest’anno l’Amministrazione statale per la supervisione del mercato contava solo circa 50 persone.

Fay Zhou, responsabile della concorrenza presso Linklaters China, ha affermato che non ha un team separato di economisti per analizzare i casi, ma occasionalmente firma contratti con consulenti privati ​​o accademici. Allo stesso tempo, le aziende tecnologiche sono state impegnate ad assumere avvocati e personale addetto alle relazioni con il governo per cercare di proteggersi.

Angela Zhang, professore di diritto all’Università di Hong Kong e autrice del Financial Times, prevede che l’attuale campagna anti-monopolio potrebbe aiutare l’amministrazione statale per la regolamentazione del mercato ad espandere la sua portata. L’eccezionalismo anti-monopolio della Cina.

“I dipartimenti del governo cinese a tutti i livelli sono in continua competizione per il controllo delle politiche”, ha affermato. “I regolatori antitrust vedranno sicuramente l’attuale campagna contro le grandi aziende tecnologiche come un’eccellente opportunità per riconquistare l’attenzione, consentendo alle loro agenzie più piccole di richiedere più budget e personale”.

Il metodo più severo di SAMR è la legge anti-monopolio, che consente alle aziende di essere multate fino al 10% del reddito annuo nazionale, che è lo stesso delle sanzioni proposte dal Digital Market Act dell’UE.

Ma Wei ha detto che le indagini in base a questa legge potrebbero essere lente e lo scopo principale è dissuadere. L’amministrazione statale per la regolamentazione del mercato sta affrontando una serie di comportamenti anticoncorrenziali delle società tecnologiche, tra cui costringere i commercianti a gestire esclusivamente una piattaforma, che è la ragione principale delle multe di Alibaba, aumentare i prezzi dopo aver attirato clienti con sconti e offrire prezzi diversi a clienti diversi.

Tuttavia, l’avvocato ha affermato che molte di queste azioni sono difficili da definire e provare, e l’Amministrazione statale per la regolamentazione del mercato non ha le risorse per rintracciare tutte le società coinvolte in tali azioni.

Le aziende tecnologiche iniziano a ripulire la loro immagine pubblica

Invece, le autorità di regolamentazione si concentreranno sulle società il cui comportamento ha suscitato proteste pubbliche. “Le aziende possono prestare attenzione ai reclami dei consumatori, dei clienti e dei media”, ha affermato Zhou. “Quando il comportamento di un’azienda sale al livello di insoddisfazione pubblica, il rischio di indagini normative e persino di intervento è alto”.

Le aziende che attirano l’attenzione dei regolatori possono impegnarsi in lunghe consultazioni e comunicazioni private prima che qualcosa diventi pubblico, se il caso è completamente pubblico.

In risposta alle pressioni, i fondatori della tecnologia cinese hanno iniziato a conquistare l’opinione pubblica rafforzando il loro impegno per migliorare la società. Nell’aprile di quest’anno, Tencent ha dichiarato che avrebbe speso 50 miliardi di yuan (7,7 miliardi di dollari) in iniziative sociali e ambientali. Anche il fondatore di Tencent, Ma Huateng, si è impegnato a donare in beneficenza i suoi 2 miliardi di dollari di azioni.

Altri dirigenti tecnologici stanno gradualmente scomparendo dalla vista delle persone, tra cui Huang Kelin di Pinduoduo, che ha affermato di voler fare ricerca scientifica, e Zhang Yiming di Bytedance, che ha parlato di “restituire alla società”.

Il colpo più grande saranno le regole sui dati più rigide

Non è chiaro quanto le aziende tecnologiche cinesi saranno colpite dall’applicazione di queste regole. Dopo aver annunciato multe anti-monopolio, Alibaba ha dichiarato che le sue entrate aumenteranno del 30% su base annua a 930 miliardi di RMB. L’amministratore delegato di Meituan ha assicurato agli investitori che la società può mantenere la propria attività e non ha modificato alcun obiettivo di crescita.

Newsletter quotidiana

#techFT ti porta notizie, commenti e analisi su grandi aziende, tecnologie e problematiche, che sono composte da esperti provenienti da tutto il mondo. clicca qui Ricevi #techFT nella tua casella di posta.

Oliver Rui, professore di finanza presso la China Europe International Business School di Shanghai, ha avvertito che un controllo più stretto sulla raccolta dei dati sarà il rischio più grande che queste aziende dovranno affrontare, proprio come Apple danneggia il settore pubblicitario globale attraverso controlli di tracciamento più severi.

Gli investitori hanno ancora la fiducia necessaria per supportare gli attuali leader del settore. “Queste aziende diventano leader perché hanno stabilito un fossato competitivo ripido. Le loro piattaforme hanno ancora un potere centralizzato significativo e continueranno ad essere leader”, ha aggiunto il venture capitalist Cai.

Rapporto aggiuntivo di Liu Nian

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *