Come le osservazioni di Jackson Hole di Powell hanno rinfrescato il rimbalzo di azioni e obbligazioni

[ad_1]

L’ambiguità del presidente della Fed Jerome Powell (Jerome Powell) sulla data di inizio della riduzione degli acquisti di obbligazioni di quest’anno dà agli investitori la fiducia che la continua politica monetaria espansiva durerà almeno diverse settimane o addirittura mesi.

venerdì Il discorso di Jackson Hole Powell – colloquialmente noto come “Jackson Holdings” – ha stabilito l’attuale tono di investimento: ecco perché il denaro ha continuato ad affluire lunedì Buoni del tesoro insieme a Azioni USAe S&P 500
Arpione,
+0,59%

E l’indice composito Nasdaq
Confrontare,
+1,02%

Alcuni analisti hanno affermato che l’indice ha raggiunto un nuovo massimo record intraday.

Sebbene Powell non sappia ancora quando inizierà il processo di riduzione del 2021, gli investitori hanno formulato le proprie ipotesi: l’annuncio di settembre dipende principalmente dal rapporto sull’occupazione non agricola di venerdì, che ha un aumento medio previsto di 750.000. Sebbene i dati sull’occupazione inferiori alle attese quasi certamente annulleranno l’annuncio di settembre, alcuni operatori di mercato hanno affermato che numeri in linea con le aspettative o addirittura superiori alle aspettative potrebbero non essere sufficienti per avviare il processo di riduzione alla prossima riunione della Federal Reserve in tre settimane. Ciò renderà la riunione di novembre la prossima migliore opportunità per la banca centrale.

Rob Daly, capo del reddito fisso di Glenmede Investment Management, ha dichiarato: “‘Jackson Hold’ ora riflette la mentalità del mercato, vale a dire il rischio e i tassi di interesse”, il che significa che i prezzi delle obbligazioni sono in aumento e i rendimenti sono in calo, e gestisce $ 4,5 miliardi. “L’incertezza che ha reso il tono di Powell più morbido è stata vista come una panacea, o qualcosa che gli investitori volevano”.

L’eccesso di liquidità nell’attuale mercato finanziario sta spingendo i prezzi delle attività a muoversi nella stessa direzione. Quando la Fed ha iniziato a segnalare che il suo processo di riduzione era in corso, azioni e obbligazioni sono state vendute e si è rischiato il contrario. Daly ha detto che “gli piacciono i contanti, perché considerando che potremmo vedere una maggiore volatilità del mercato in autunno, è prudente togliere le fiches dal tavolo”.

Fino a poco tempo, i prezzi delle obbligazioni e delle azioni si sono generalmente mossi in direzioni opposte. Ciò è dovuto al fatto che nei periodi passati di rischio di mercato, gli investitori tendevano ad acquistare azioni e ad uscire da obbligazioni considerate rifugio sicuro. Gli acquisti mensili di obbligazioni da parte della Fed per 120 miliardi di dollari assicurano che i partecipanti detengano ancora il debito pubblico, sostenendo così i prezzi e ancorando i rendimenti. Insieme alla continua domanda estera, alla mancanza di obbligazioni a rendimento positivo in tutto il mondo e alla considerazione di un riequilibrio alla fine del mese, gli investitori continuano ad acquistare titoli di stato statunitensi perché anche il valore delle azioni è in aumento.

Esempio: tasso di interesse a 10 anni
TMUBMUSD10Y,
1.285%

Dal discorso di Powell, l’indice ha continuato a scendere, ma ha comunque registrato il suo più grande guadagno settimanale da giugno della scorsa settimana.

“Se sei d’accordo con la politica di allentamento della Fed sugli acquisti di asset (al momento non siamo d’accordo), il presidente ha una straordinaria capacità di calmare il mercato”, ha affermato Gregory Faranello, direttore esecutivo e responsabile dei tassi di interesse statunitensi di AmeriVet Securities. Commercio e strategia. “Da venerdì, abbiamo visto questo riflesso in tassi di interesse, azioni, credito e condizioni finanziarie più ampie”. “.

Dato che non ci sono dettagli specifici sul calendario per la graduale riduzione, gli investitori hanno concentrato la loro attenzione sugli sforzi di Powell per distinguere la riduzione degli acquisti di obbligazioni dal primo rialzo dei tassi di interesse. Questa distinzione aiuta a consolidare l’idea di molte persone che i tassi di interesse non saranno necessariamente aumentati immediatamente dopo la fine del taglio della produzione.

“Dopo che il presidente della Fed Powell ha separato i tempi della riduzione e degli aumenti dei tassi di interesse, sia le azioni che le obbligazioni hanno registrato un allentamento del rimbalzo”, ha affermato David Gagnon, amministratore delegato e capo del trading del Tesoro presso Academy Securities a San Diego. “Fondamentalmente, più liquidità sta aumentando i prezzi delle attività e, con l’avvicinarsi del riequilibrio di fine mese, gli acquirenti nel mercato obbligazionario sono attualmente in una posizione dominante”.

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *