Come le tasse influenzano l’economia

[ad_1]

Non c’è mai stato un accordo su quali misure dovrebbero essere prese per risolvere il crescente problema del debito americano. Da un lato ci sono coloro che credono che siano necessarie aliquote fiscali più elevate per generare reddito tanto necessario.D’altra parte c’è chi pensa che aumentare le tasse sia una cattiva idea, specialmente durante le recessioni, e che le aliquote più basse aumenteranno il reddito Stimolare l’economiaPer avere una prospettiva storica, ecco alcune politiche fiscali chiave che hanno fatto notizia negli ultimi tre anni.

Punti chiave

  • Gli economisti e i funzionari di governo discutono spesso dei vantaggi economici di aliquote fiscali elevate e basse.
  • La politica fiscale del presidente Ronald Reagan si basa sull’economia dal lato dell’offerta o a cascata, e si concentra sulla riduzione dell’aliquota fiscale per i contribuenti ad alto reddito.
  • Sotto la guida del presidente Bill Clinton, l’aliquota dell’imposta sul reddito più elevata è stata aumentata al 36%, alcune detrazioni ed esenzioni fiscali sono state gradualmente eliminate e l’aliquota dell’imposta sulle società è stata aumentata al 35%.
  • Mentre il presidente Obama ha promosso aumenti delle tasse sui ricchi per ridurre il deficit federale, il presidente Trump ha concentrato i suoi sforzi su tagli fiscali globali, gran parte dei quali hanno beneficiato i contribuenti ad alto reddito.

“Economia Reagan”

Quando si candidò alla presidenza nel 1980, Ronald Reagan diede la colpa dei mali economici del paese all’enorme governo e alle tasse oppressive.Ha detto la via della promozione Crescita economica Si tratta di ridurre gradualmente le tasse del 30% entro tre anni, la maggior parte delle quali concentrate nelle fasce di reddito più elevate. È chiamato”Fornitore“O”gocciolare“Economia, ma la chiamano i media”Economia Reagan.”

La teoria è che i contribuenti ad alto reddito aumenteranno successivamente la spesa e investiranno nelle aziende, guidando così l’espansione economica e la crescita dell’occupazione. Reagan credeva anche che nel tempo tassi di interesse più bassi si sarebbero tradotti in redditi più alti, perché più posti di lavoro significavano più contribuenti. In pratica mise in pratica la teoria economica di Arthur Laffer, che riassunse questa ipotesi in un grafico chiamato “curva di Lafferffer“Il Congresso ha coperto le sue scommesse accettando di tagliare i tassi di interesse complessivamente del 25% alla fine del 1981. poi, Tasso di indice Inflazione nel 1985.

Inizialmente, l’inflazione è stata riaccesa, Riserva federale degli Stati Uniti Alza i tassi di interesse.Ciò ha causato un recessione economica Durò circa due anni. Ma una volta che l’inflazione fu sotto controllo, l’economia iniziò a crescere rapidamente, creando 16,5 milioni di posti di lavoro durante i due mandati di Reagan.

Reagan sperava di compensare l’aumento della spesa per la difesa tagliando i programmi di welfare, ma questo non è mai accaduto. Di conseguenza, durante i suoi due mandati, il debito nazionale è quasi triplicato, da circa 998 milioni di dollari alla fine dell’ultimo budget di Carter a 2,7 trilioni di dollari.

Quindi allo stesso tempo prodotto interno lordo (PIL) è aumentato di circa il 34% durante la presidenza di Reagan.Non è certo quanto di questo aumento sia dovuto a tagli fiscali e Spesa in disavanzo.

anni di Clinton

La politica fiscale del presidente Bill Clinton fornisce informazioni sull’impatto degli aumenti e delle diminuzioni fiscali. Nel 1993 è stata approvata la “Legge globale sulla riconciliazione del bilancio”, che prevedeva una serie di aumenti fiscali.È salito in cima Tassa sul reddito L’aliquota fiscale è del 36% e i percettori di reddito più elevati devono pagare un supplemento aggiuntivo del 10%.Rimuove il tetto del reddito assicurazione sanitaria Tasse, abolizione graduale di certe Detrazione dettagliata Ed esenzioni, aumento dell’imposta da pagare Sicurezza sociale, e aumentare l’aliquota dell’imposta sulle società al 35%.

Durante la presidenza Clinton, l’economia ha creato circa 18,6 milioni di posti di lavoro. Il mercato azionario ha attraversato un Toro Correre come Indice Standard & Poor’s 500 In aumento di circa il 210%.

Legge sugli sgravi del contribuente

Quando i repubblicani guidati da Newt Gingrich presero il controllo della Camera dei Rappresentanti nel 1994, operarono su una piattaforma chiamata Contract with America. Queste disposizioni includono promesse di tagliare le tasse, ridurre il governo federale e riformare il sistema di welfare.Nel 1997, il tasso di disoccupazione era sceso al 5,3% e il Partito Repubblicano passò Legge sugli sgravi del contribuente. Clinton inizialmente si oppose al disegno di legge, ma alla fine lo firmò.

Il disegno di legge ha abbassato il rendimento massimo del capitale dal 28% al 20% e ha stabilito $ 500 Credito d’imposta per bambini, Rinuncia a $ 500.000 per una coppia sposata Guadagni Nella vendita dell’abitazione principale, ed incrementata Imposta di successione Esenzione da 600.000 a 1 milione di dollari USA.Ha anche creato Conto pensionistico individuale Roth con Istruzione IRA E il limite di reddito per l’IRA deducibile è stato aumentato.

Sebbene alcuni economisti credano che i tagli alle tasse siano una medicina migliore per l’economia, il secondo mandato dell’amministrazione Clinton ha beneficiato del boom tecnologico che ha portato alla rivoluzione dei computer e di Internet.Molti posti di lavoro ad alta tecnologia creati da quel boom sono in Nasdaq Clinton cadde nei guai dopo aver lasciato l’incarico e si riprese nell’ottobre 2002.

Linea di fondo

Un dato interessante è la relativa stabilità del gettito fiscale in percentuale del PIL, indipendentemente dai cambiamenti delle politiche fiscali esistenti nel tempo.secondo Banca MondialeTra il 1981 e il 2000, inclusi Reagan e Clinton, la percentuale più bassa di tasse sul PIL degli Stati Uniti è stata del 9,9% e la più alta del 12,9%. Ciò dimostra che il modo migliore per aumentare il reddito è promuovere la crescita economica attraverso politiche fiscali di stimolo.

Il presidente Barack Obama ha spinto per tasse più alte sui ricchi per aiutare Ridurre il deficitSuccessivamente, il presidente Donald Trump ha tagliato le tasse su tutta la linea, la maggior parte delle quali ha beneficiato i contribuenti ad alto reddito.

Tuttavia, continua il dibattito sul fatto che aliquote fiscali più elevate portino effettivamente a maggiori entrate fiscali. Il problema è che le variazioni delle aliquote fiscali non possono essere analizzate in un ambiente statico, anche se i politici tendono a vederle in questo modo. In effetti, i cambiamenti nelle aliquote fiscali cambieranno il comportamento e la maggior parte dei contribuenti cercherà di ridurre il proprio carico fiscale a tutti i costi.

È facile trovare prove a sostegno della posizione opposta, ma ci sono problemi nell’analizzare i dati storici. Se la posizione opposta viene implementata nello stesso lasso di tempo e alle stesse condizioni, non sapremo mai cosa accadrà. Non c’è dubbio che il dibattito continuerà.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *