Come ottenere un’estensione del mutuo COVID-19

[ad_1]

Se il tuo contratto di estensione del mutuo COVID-19 originale sta per scadere, dovresti sapere che, sebbene tu possa avere diritto a un’estensione, non si tratta di un’estensione automatica.Devi richiedere l’estensione prima di esistere Legge sul coronavirus, sugli aiuti, sui soccorsi e sulla sicurezza economica (CARES), L’accordo di tolleranza scade.

Sebbene la tolleranza ai mutui legata al COVID sia iniziata con la legge CARES, che è stata firmata in legge il 27 marzo 2020, la legislazione successiva ha modificato alcune regole e scadenze per la richiesta di tolleranza ai mutui legati al COVID.

Conosci la data di scadenza della tua tolleranza. È necessario richiedere un’estensione prima della scadenza dell’attuale accordo di tolleranza.

Tolleranza nel rimborsare il mutuo

Quando ti avvicini al periodo di grazia del mutuo originale, valuta la tua situazione finanziaria. Se puoi riprendere i pagamenti di qualsiasi dimensione, assicurati di esplorare questa opzione. Le tue possibili scelte variano a seconda del tipo di prestito e possono includere uno dei seguenti>

  • Pagamento unico
  • Pagamento intermittente
  • Estendere la durata del prestito
  • Estensione di pagamento
  • Modifica del prestito

Se nessuna di queste opzioni è fattibile, è qui che entra in gioco il rinvio. I differimenti tolleranti ti forniscono ulteriori mesi di pagamento differito in modo da poter recuperare il ritardo con altre bollette o semplicemente “calpestare l’acqua” fino a quando la tua situazione finanziaria non migliora.

Richiedi l’estensione del mutuo

Se stai per scadere, dovresti saperlo il prima possibile perché la sospensione del pagamento iniziale potrebbe essere prossima alla scadenza.Per ottenere un sollievo extra indulgente, tu dovere Fai domanda prima della fine del periodo di prova iniziale: l’estensione della prova ai sensi della legge CARES non è automatica. Il disegno di legge è stato firmato in legge il 27 marzo 2020, il che significa che il primo lotto di accordi di tolleranza scadrà alla fine di ottobre, ma la data di scadenza sarà prorogata alla fine del 2020, quindi al 31 gennaio 2021 e poi 31 marzo 2021. Il presidente Biden ha ulteriormente esteso la data al 30 giugno 2021 al 16 febbraio 2021.

CARES Act concede ai proprietari di case Mutuo garantito dal governo federale Le persone economicamente colpite dalla pandemia di coronavirus possono essere sospese fino a 180 giorni (sopportare) Di tutto o parte della rata del mutuo. La legge CARES prevede anche una proroga della tolleranza fino a 180 giorni, a condizione che il mutuatario ne faccia richiesta prima della scadenza della tolleranza iniziale.

Punti chiave

  • La legge CARES prevede un’estensione totale o parziale del mutuo fino a 360 giorni per chiunque abbia un mutuo per la casa garantito dal governo federale.
  • Il periodo di tolleranza iniziale può essere fino a 180 giorni e può essere esteso di 180 giorni.
  • È necessario richiedere contemporaneamente la tolleranza iniziale e l’estensione, nessuna delle due è automatica.
  • Per ottenere la tolleranza iniziale o l’estensione della tolleranza, contattare il prestatore di servizi di prestito.
  • Per la maggior parte delle persone, la pazienza congelerà gli arretrati e preverrà i pignoramenti.
  • Molti istituti di credito privati ​​offrono anche tolleranza relativa al COVID-19, ma le regole e le condizioni variano.

Idoneo a concedere prestiti ai sensi della legge CARES

La tolleranza (e l’elusione della preclusione) del CARES Act si applica ai mutui sostenuti dal governo federale e dalle società promotrici, definiti come prestiti:

Richiedi l’estensione tramite il tuo prestatore di servizi

Se la tua estensione del prestito garantito dal governo federale sta per scadere e non riesci ancora a iniziare il pagamento completo (o qualsiasi), contatta il tuo Gestore di prestitiQuesta è la società che ti invia gli estratti conto mensili e riscuote il tuo pagamento. Il nome e le informazioni di contatto del tuo fornitore di servizi dovrebbero apparire sull’estratto conto mensile.

Il tuo fornitore di servizi dovrebbe informarti della tua scelta prima della scadenza del periodo di tolleranza attuale. In caso contrario, assicurati di contattare il tuo fornitore di servizi per dichiarare che hai bisogno di un’estensione.

È possibile contattare il proprio fornitore di servizi tramite telefono, e-mail o sito Web del fornitore di servizi. Prima di contattare, è meglio visitare il sito Web per le informazioni più recenti su tutte le opzioni di sgravio ipotecario. La legge CARES descrive in dettaglio il semplice processo per ottenere un’estensione della tolleranza:

“Questo periodo di grazia è fino a 180 giorni ed è prorogato di altri 180 giorni su richiesta del mutuatario”.

La legge CARES richiede solo che tu faccia domanda per un’estensione e ti richiede di “dovrebbe” ricevere un’estensione.alcunialcuni

Metti tutto per iscritto

Sebbene la normativa non richieda nemmeno di fare una richiesta per iscritto, Ufficio per la protezione finanziaria dei consumatori (CFPB) Supponiamo che una volta ottenuta la tolleranza, dovresti “richiedere al tuo fornitore di servizi di fornire documenti scritti a conferma dei dettagli del tuo accordo di tolleranza e sai quali sono i termini”.

Proprio come la tua richiesta iniziale di tolleranza, ricorda:

  • Per ottenere una proroga, non è necessario presentare altri documenti, ad eccezione delle difficoltà finanziarie che affermi siano legate alla pandemia.
  • Durante il periodo di grazia, non verranno aggiunti al tuo account commissioni, penalità o interessi aggiuntivi (che superano l’importo predeterminato).
  • Puoi ridurre la tua tolleranza e riprendere il pagamento in qualsiasi momento.

Se non hai ancora richiesto la tua tolleranza iniziale ai sensi della legge CARES, puoi ancora farlo finché l’emergenza nazionale per il coronavirus dichiarata il 13 marzo 2020 è ancora in vigore.

Rinvio del prestito del prestatore privato

Se non hai una licenza federale o GSEI prestiti ipotecari sono supportati, ma hai firmato un accordo di tolleranza con il tuo prestatore privato e il prestatore può o meno fornire estensioni o altri sgravi ipotecari. Come per i prestiti garantiti dal governo, è necessario contattare la propria agenzia di servizi prima della scadenza del periodo di tolleranza corrente.

Poiché le regole che si applicano ai soggiorni del prestito sponsorizzato dal governo non si applicano alla tua situazione, devi essere consapevole delle condizioni che verranno imposte alla scadenza del soggiorno in corso. Ad esempio, alcuni istituti di credito privati ​​richiedono il pagamento immediato e sostanziale di tutti i pagamenti in ritardo e degli interessi. Se questo è il caso del tuo prestatore e non sei in grado di effettuare tali pagamenti, contatta immediatamente il tuo fornitore di servizi per scoprire se è disponibile una proroga o altri rimedi.Potresti anche voler lavorare con il tuo governo statale Esplora le opzioni di rilievo che possono essere fornite lì.

Quando hai pazienza

Quando sei in uno stato di tolleranza, il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di proteggerti e prepararti per la vita dopo lo sgravio del mutuo facendo quanto segue:

  • Tieni a portata di mano documenti scritti che dettagliano le condizioni di sgravio del mutuo, inclusa la tolleranza.
  • Monitorare l’estratto conto mensile del mutuo per eventuali errori.
  • Interrompi o modifica il rimborso automatico del tuo mutuo per rispettare il tuo accordo di tolleranza.
  • Monitora il tuo Rapporto di credito Errore e assicurati che il tuo fornitore di servizi riporti accuratamente il tuo stato. Fino ad aprile 2021, puoi monitorare settimanalmente il tuo rapporto di credito gratuitamente.
  • Prima che la tolleranza o l’estensione della tolleranza termini, pianifica con la tua agenzia di servizi di rimborsare qualsiasi importo dovuto.

Tolleranza e preclusione

Il rapporto tra tolleranza e tolleranza preclusione Molto complicato e spesso frainteso. Il perdono è una soluzione temporanea alla tua incapacità di pagare il mutuo e, nella maggior parte dei casi, puoi evitare la preclusione mentre sei nel periodo di preclusione.

Secondo l’ordine esecutivo firmato dal presidente Biden il 16 febbraio 2021, quasi tutti i mutui garantiti dal governo sono in stato di preclusione, almeno fino al 30 giugno 2021. Questo vale che tu sia tollerante o meno.

Quando si tratta di mutui federali e garantiti dal GSE, le regole per qualificarsi per la tolleranza (ed evitare i pignoramenti) sono ampie, permettendoti se il tuo pagamento è ritardato di 30, 60, 90 o più giorni, o anche se il tuo prestatore Entrando nella tolleranza iniziato il processo di preclusione contro di te.

Durante il periodo di prova, il tuo stato è “congelato” e quindi “nessuna preclusione”. Naturalmente, questo è solo temporaneo. Una volta terminata la tolleranza, si procederà alla preclusione nell’ambito consentito dalla legge.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *