Come prevenire i colpi fiscali quando si vendono proprietà in affitto

[ad_1]

investimento Proprietà in affitto Può fornire agli investitori una fonte di reddito stabile, coprendo mutuo Allo stesso tempo, fornisci qualche profitto aggiuntivo ogni mese; quando queste proprietà saranno finalmente vendute, gli investitori godranno di un notevole guadagno.Ma questi eventi di vendita possono innescare importanti Plusvalenze a lungo termine Responsabilità fiscale.

Ad esempio: se sei sposato e hai un reddito imponibile compreso tra US $ 80.000 e US $ 496.600, l’aliquota fiscale è del 15%. Se il tuo reddito imponibile è pari o superiore a $ 496.600, il tasso di plusvalenza aumenterà al 20%.

Per le coppie sposate con reddito imponibile dichiarato congiuntamente di 280.000 dollari e plusvalenze di 100.000 dollari, l’imposta sugli utili derivanti dalla vendita di immobili in affitto raggiungerà i 15.000 dollari. Fortunatamente, ci sono modi per ridurre al minimo l’impatto di questa tassa sulle plusvalenze. Questo articolo spiega i tre metodi più efficaci.

Punti chiave

  • La vendita di immobili in affitto può portare enormi profitti agli investitori, ma può comportare un significativo onere fiscale sulle plusvalenze.
  • Se sei sposato e hai un reddito imponibile compreso tra US $ 80.000 e US $ 496.600, l’aliquota dell’imposta sulle plusvalenze è del 15%.alcunialcuni
  • Esistono molti modi per ridurre l’imposta sulle plusvalenze, tra cui la raccolta delle perdite fiscali, l’utilizzo della sezione 1031 della legge fiscale e la conversione della proprietà in affitto nella residenza principale.

Usa le perdite per compensare i guadagni

  • cos’è questo: Raccolta delle perdite fiscali loss
  • Per chi: Chiunque abbia perso capitale in un determinato anno fiscale
  • Che cosa ottieni: La possibilità di sottrarre queste perdite dalle plusvalenze realizzate dalla vendita di immobili in affitto

Raccolta delle perdite fiscali loss Descrive il processo di riduzione del rischio fiscale quando si vendono proprietà in affitto attraverso i seguenti metodi paio Il ricavato della vendita più la perdita di un altro investimento. Se la partecipazione detenuta dall’investitore ha perso il suo valore ( Perdita non realizzata) E decidere di vendere il bene in perdita nello stesso anno del reddito da vendita di proprietà in affitto (a Perdita realizzata). Sebbene questa strategia di riduzione delle tasse sia utilizzata principalmente per compensare il reddito degli investimenti azionari, sempre più persone la applicano alla vendita di immobili in affitto.

Ad esempio, supponiamo che un investitore abbia guadagnato $ 50.000 vendendo un appartamento in affitto quest’anno. Hanno anche una perdita non realizzata di $ 75.000 nel mercato azionario. Gli investitori possono scegliere di vendere una parte delle azioni per realizzare una perdita di 50.000 USD per compensare completamente la plusvalenza di 50.000 USD.

Articolo 1031 della legge sull’imposta sull’utilizzo

  • cos’è questo: IRS Articolo 1031 Scambio “simile”
  • Per chi: Chiunque possa reinvestire i proventi della vendita di immobili in affitto in nuovi immobili
  • Che cosa ottieni: Possibilità di differire alcune o tutte le imposte sulle plusvalenze

Gli investitori immobiliari possono utilizzare i seguenti metodi per posticipare il pagamento dell’imposta sulle plusvalenze Capitolo 1031 La legge tributaria permette loro di acquistare”simile“Proprietà e pagare le tasse dopo che lo scambio è stato completato. Dal punto di vista giuridico, il termine “simile” è ampiamente definito. Gli investitori non devono scambiare un appartamento con un altro appartamento o un’attività commerciale con un’altra Finché le due proprietà in questione sono a reddito -generando unità di noleggio, sono giochi onesti.

Ma il tempismo è la chiave di questo approccio, perché gli investitori hanno solo 45 giorni dalla data di vendita della proprietà per identificare potenziali proprietà alternative e devono chiudere ufficialmente entro 180 giorni.Se uno Rimborso fiscale Se scade prima del periodo di 180 giorni (con una proroga), l’investitore deve chiudere prima. Coloro che non rispettano il termine devono pagare l’intera imposta sulle plusvalenze sulla vendita della proprietà originaria in affitto.

Trasforma la tua proprietà in affitto nella tua residenza principale

  • cos’è questo: Conversione di immobile in locazione in residenza principale
  • Per chi: Chiunque può convertire un immobile in affitto in una residenza principale
  • Che cosa ottieni: Possibilità di escludere le plusvalenze fino a $ 500.000 dalle tasse

Vendere la casa in cui vivi è più favorevole alle tasse che scaricare la proprietà in affitto per realizzare un profitto. La sezione 121 dell’IRS consente ai single di detrarre fino a $ 250.000 dal profitto derivante dalla vendita della loro residenza principale.Se sono sposati e registrano congiuntamente, possono detrarre fino a $ 500.000. Per essere idonei, gli investitori devono possedere le proprie case per almeno cinque anni e devono viverci per almeno due anni. Gli anni come residenza personale non devono essere consecutivi. Per questo motivo, alcuni investitori scelgono di convertire gli immobili in affitto nelle loro residenze principali.

L’importo della detrazione dipende dal periodo di tempo in cui l’immobile è stato utilizzato come locazione e come abitazione principale. Inoltre, il contribuente non può escludere la parte del reddito che in precedenza era attribuita a un determinato reddito. Detrazione ammortamento. Questo è chiamato Recupero ammortamento, Specifico per gli immobili in locazione, l’importo precedentemente detratto come ammortamento è tassato con un tasso di recupero del 25%.

Linea di fondo

L’imposta sulle plusvalenze può generare profitti sostanziali dalla vendita della tua proprietà in affitto, pari al 15% o al 20% del tuo reddito. Per fortuna, Strategie di elusione fiscale e differimento delle plusvalenze Può aiutare ad alleviare questo fardello. Come sempre, consulta un esperto fiscale per un consiglio sulla situazione della tua proprietà in affitto.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *