Come rifinanziare il tuo investimento immobiliare

[ad_1]

Negli Stati Uniti, investire nel settore immobiliare è un modo popolare di accumulare ricchezza. Molte persone comprano case e le danno in affitto, guadagnando dall’affitto. In effetti, i singoli investitori ora possiedono quasi 17 milioni di proprietà in affitto.

La maggior parte degli investitori acquista immobili in affitto attraverso prestiti immobiliari. Se possiedi un investimento immobiliare, il tuo tasso di interesse potrebbe essere elevato, a seconda della durata del prestito e del tuo punteggio di credito in quel momento. Se vuoi approfittare dei tassi di interesse più bassi di oggi, puoi rifinanziare il tuo mutuo. Tuttavia, il processo di rifinanziamento degli investimenti immobiliari è leggermente diverso dal processo di rifinanziamento della residenza principale e richiede alcuni documenti aggiuntivi. Questo è ciò che devi sapere.

Punti chiave

  • Oggi il tasso di interesse medio per un mutuo trentennale a tasso fisso è del 2,8%.
  • Se il tasso di interesse del prestito immobiliare è più alto, è possibile rifinanziare per sfruttare l’attuale tasso di interesse più basso.
  • Puoi anche modificare la durata del mutuo ipotecario e persino ottenere denaro per altri progetti o investimenti.

Motivi per rifinanziare il tuo investimento immobiliare

Quando si rifinanzia un investimento immobiliare, ci sono diverse situazioni che hanno senso:

1. Puoi abbassare il tasso di interesse del mutuo

A seconda di quando richiedi un prestito immobiliare per un investimento immobiliare, potresti ritrovarti con un tasso di interesse relativamente alto. Ad esempio, il mutuo a tasso fisso 30 anni 2018 ha un tasso di interesse vicino al 5%. Se il tuo mutuo supera questo periodo, potresti pagare un tasso di interesse più alto.

Questo è in netto contrasto con il tasso di interesse attuale. A metà agosto 2021, il tasso di interesse medio per i prestiti a tasso fisso a 30 anni è solo del 2,87%, mentre il tasso di interesse medio per i prestiti a tasso fisso a 15 anni è del 2,15%.

Se hai un buon credito e rifinanzi il mutuo, potresti avere diritto a un tasso di interesse inferiore a quello che hai attualmente e risparmiare migliaia di dollari per tutta la durata del prestito.

2. Puoi modificare i termini del prestito

Quando rifinanziate un mutuo, potete scegliere nuove condizioni di prestito. Ad esempio, puoi scegliere un periodo di rimborso più lungo per ottenere un rimborso mensile inferiore o un periodo di rimborso più breve per ripagare la proprietà più velocemente. Oppure puoi passare da un mutuo a tasso variabile a un mutuo a tasso fisso. Questo da solo può rendere il rifinanziamento vale lo sforzo.

3. Puoi ottenere denaro per decorazioni o altri scopi

Se il valore dell’investimento immobiliare supera il tuo debito, puoi utilizzare il capitale per pagare riparazioni e ristrutturazioni, acquistare un altro investimento immobiliare o utilizzarlo per qualsiasi altro scopo nei seguenti modi Incassare prestiti di rifinanziamento.

Attraverso il rifinanziamento in contanti, puoi prendere in prestito un nuovo prestito con il capitale che hai stabilito nell’immobile, il cui importo è superiore al saldo del tuo prestito attuale. Quindi, puoi ottenere la differenza tra il nuovo mutuo e il vecchio mutuo in una volta sola.

Come rifinanziare un mutuo ipotecario di investimento immobiliare

Il rifinanziamento degli investimenti immobiliari è un processo più intenso rispetto al rifinanziamento delle principali proprietà residenziali. Per rifinanziare una casa, è necessario eseguire i seguenti passaggi:

1. Stabilire l’equità

Prima di poter beneficiare del rifinanziamento, è necessario aver stabilito una quota di capitale nella proprietà.A seconda del prestatore, potresti averne bisogno Rapporto del valore del prestito (LTV) Non superiore al 75%. Ciò significa che devi possedere almeno il 25% del patrimonio immobiliare per rifinanziare il prestito.

Ad esempio, supponi di possedere una proprietà del valore di $ 250.000, ma devi ancora un mutuo di $ 185.000, dandoti $ 65.000 in azioni. Il tuo LTV è del 74% e possiedi il 26% del capitale, che soddisfa i requisiti di rifinanziamento.

2. Raccogli documenti

Rispetto alle case di proprietà, sono necessari più documenti per rifinanziare gli investimenti immobiliari. Molto probabilmente dovrai mostrare i seguenti documenti:

  • Il modulo W-2 o busta paga più recente.
  • Le dichiarazioni dei redditi personali e aziendali degli ultimi due anni fiscali.
  • Informazioni sul reddito da locazione, incluso l’IRS Tabella E: reddito e perdita supplementari modulo.
  • L’attuale contratto di locazione dell’immobile.

3. Controlla il tuo rapporto debito/reddito (DTI)

Il creditore di solito richiede di avere Rapporto debito/redditoOppure DTI, per rifinanziare immobili di investimento del 45% o meno. Se il tuo DTI supera questa soglia, puoi migliorarla rimborsando alcuni debiti esistenti prima di fare domanda.

4. Condurre una valutazione

Come parte del processo di rifinanziamento, il creditore ipotecario avrà bisogno di una perizia immobiliare professionale per valutare il valore attuale della casa e il potenziale reddito da locazione. La valutazione determinerà anche se la casa ha un patrimonio netto sufficiente per il rifinanziamento.

5. Risparmia sui costi di chiusura

Proprio come devi pagare le commissioni di trasferimento quando acquisti una proprietà, devi anche pagare queste commissioni durante il rifinanziamento. Il costo medio di transazione del rifinanziamento è di $ 5.000, ma varia a seconda dell’entità del prestito e dell’ubicazione della proprietà.

Linea di fondo

Se si ottengono tassi di interesse più bassi e/o condizioni di prestito migliori, il rifinanziamento degli investimenti immobiliari può essere d’aiuto. I tassi di interesse e i termini possono variare, quindi ottenere preventivi da più istituti di credito può essere d’aiuto.Se non sai da dove cominciare, Investopedia ha recentemente valutato 82 istituti di credito nazionali per identificare otto banche Miglior istituto di credito ipotecario del 2021.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *