Con il TPLF che combatte contro Abiy, è stato aperto un nuovo fronte nella guerra d’Etiopia

[ad_1]

Aggiornamento Etiopia

Questa settimana, i combattenti del Tigray, nel nord dell’Etiopia, hanno combattuto le forze filo-governative nella vicina regione di Afar, aprendo nuovi fronti di guerra dopo otto mesi di conflitto.

I leader del Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) hanno governato in Etiopia per quasi tre decenni e ora sono in guerra con il governo centrale, hanno detto alle agenzie di stampa che l’esercito del Tigray è in Afar. Questa zona è un punto di transito per le merci dall’interno dell’Etiopia al grande porto marittimo di Gibuti.

Il TPLF ha dichiarato che il suo scopo è respingere le truppe in altre aree che combattono a fianco dell’esercito federale etiope. Senza accesso al Tigray settentrionale, si ritiene che dall’inizio del conflitto siano morte centinaia o addirittura migliaia di persone.

Il conflitto si espanse oltre i confini del Tigray, aumentando i timori di un’escalation e di una guerra prolungata.

“L’esercito del Tigray continua a marciare”, ha detto in un tweet Getachew Reda, membro anziano del TPLF, questa settimana.

“Il nostro conflitto non è un conflitto con Amhara, Afar e altre persone oppresse. Il nostro conflitto è con Abi”, ha aggiunto, riferendosi al Primo Ministro etiope. Abi Ahmed, La sua coalizione di governo ha vinto il voto parlamentare questo mese, che è il suo primo test elettorale da quando è diventato primo ministro nel 2018.

Violenti conflitti in tutto il paese, battaglie nel Tigray e Richiedi indipendenza Nella parte più settentrionale dell’Etiopia, sono aumentate le preoccupazioni della gente che la guerra possa distruggere un paese di 114 milioni di persone le cui divisioni etniche sono spesso paragonate all’ex Jugoslavia. Nelle ultime settimane, altre nove regioni etiopi hanno annunciato che invieranno truppe a sostegno dell’esercito federale contro i combattenti del Tigray.

Ahmed Koloyta, portavoce della regione di Afar, ha detto a Reuters che i combattenti del Tigray hanno preso il controllo di parti dell’Afar questa settimana, aggiungendo che l’attacco ha costretto più di 54.000 persone a lasciare le loro case. Funzionari di Gibuti hanno dichiarato al British Financial Times che le linee ferroviarie e le strade in Etiopia menzionate da Gibuti sono ancora in funzione.

Ha detto che nel novembre dello scorso anno, Abi ha inviato truppe nel Tigray in risposta all’attacco del TPLF alla caserma federale. Tre settimane dopo, il vincitore del Premio Nobel per la pace 2019 ha dichiarato vittoria dopo che l’esercito etiope ha occupato la capitale del Tigray, la Merkel.Anche se i combattimenti sono continuati, molti leader del TPLF sono fuggiti. Alla fine di giugno, in un incidente scioccante, TPLF Riprendi il controllo di Mekelle Dopo che il governo ha ritirato i soldati, la maggior parte del Tigray.

in un dichiarazione Giovedì, l’ufficio di Abi ha definito il TPLF una “organizzazione terroristica” e ha accusato i combattenti del Tigray di aver attaccato un convoglio di aiuti e di aver reclutato bambini come combattenti domenica.

La dichiarazione afferma: “Il TPLF continua a provocare le forze di difesa nazionali etiopiche. Usa bambini soldato e civili armati per cercare di attirare le nostre truppe nelle controversie. Ciò richiede anche una forte condanna da parte della comunità internazionale”.

TPLF ha negato queste due accuse.

In una dichiarazione rilasciata domenica, Abi ha definito la “giunta” del TPLF “cancro” e “erba” invasiva. “Il nemico che affrontiamo è il cancro dell’Etiopia. Il governo militare potrebbe essere l’unico gruppo nella storia che usa il potere politico che ha acquisito per distruggere il proprio paese”, afferma la dichiarazione. “Inevitabilmente resisterà in un modo o nell’altro. Ma quello che è certo è che il governo militare verrà smantellato in modo che non possa più crescere”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *