Con il voto globale alle porte, Third Point ha aumentato la sua partecipazione in Vivendi

[ad_1]

L’investitore attivista Third Point ha acquisito una partecipazione nel gruppo mediatico Vivendi controllato dal miliardario francese Vincent Bolloré.Gli azionisti hanno lanciato un piano per scissione di Universal Music Group.

Una fonte che ha familiarità con il fondo ha affermato che l’hedge fund con sede a New York è gestito da Daniel Loeb e negli ultimi mesi ha stabilito una posizione “sostanziale” nel gruppo mediatico francese.

Vivendi ha affermato che non ci sono informazioni sull’equità in questa fase.

Il terzo punto ha rifiutato di commentare come intende utilizzare il proprio capitale. Al momento del suo investimento, Vivendi stava concludendo un accordo per vendere azioni della Universal Music alla Blank Check Company di Bill Ackman. Se Loeb si opporrà all’accordo, i due colossi del mondo degli investimenti si confronteranno.

Pershing Square Tottine Holdings, una società di acquisizioni per scopi speciali fondata da Ackerman, Detto all’inizio di questo mese Sta negoziando per acquisire una quota del 10% in Universal Music, la casa discografica dietro artisti come Lady Gaga e Taylor Swift, per circa 4,1 miliardi di dollari.

Questa transazione renderà la valutazione di Universal superiore a 40 miliardi di dollari USA.Tuttavia, a differenza del tradizionale spazio Dopo la fusione, il gruppo non sarà reso pubblico. Invece, Vivendi prevede di cedere Universal Music e destinare il 60% del capitale del gruppo agli investitori. Global sarà quindi quotata su Euronext Amsterdam nel terzo trimestre del 2021.

Gli azionisti di Vivendi voteranno sull’uscita di Universal Music il 22 giugno. Alcuni investitori, tra cui l’hedge fund attivista Bluebell, hanno espresso preoccupazione per la proposta.

Marco Taricco, il co-fondatore di Bluebell, che possiede una piccola partecipazione in Vivendi, ha dichiarato all’epoca che la valutazione “non sembra essere impressionante”. Nel maggio di quest’anno, Bluebell ha inviato due lettere a Vivendi in merito alla separazione del più grande asset del gruppo.

Il fondo con sede a Londra ha affermato che lo spin-off è una buona idea in linea di principio, ma ha messo in dubbio questa struttura, vale a dire i dividendi in natura, che secondo lui colpirebbero l’enorme tassazione dei piccoli azionisti. Bluebell ha chiesto a Vivendi di pagare agli azionisti un ulteriore dividendo speciale in contanti di circa 3,3 miliardi di euro.

Secondo un rapporto di Bloomberg, Artisan Partners, un altro azionista di Vivendi, si sarebbe opposto alla proposta di transazione con Ackerman, che fa eco alle preoccupazioni di Bluebell per il carico fiscale derivante dalla distribuzione delle azioni.

Se gli azionisti voteranno contro la distribuzione fisica alla riunione della prossima settimana, il piano di Ackerman di investire in Universal Music potrebbe essere compromesso.

Vivendi ha bisogno solo di una maggioranza semplice del 50% per approvare lo spin-off Universal. La holding di Bolloré possiede il 27% di Vivendi e attualmente controlla il 29,73% dei diritti di voto del gruppo.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *