Con l’avvicinarsi della scadenza dell’Afghanistan, la Gran Bretagna avverte di crescenti pericoli all’aeroporto di Kabul

[ad_1]

Aggiornamento Afghanistan

Il ministro della Difesa britannico Ben Wallace ha avvertito che i militari e gli sfollati all’aeroporto di Kabul sono a rischio crescente di attacchi perché i leader mondiali si stanno preparando a spingere Joe Biden a prolungare il tempo di evacuazione afghana guidato dagli Stati Uniti oltre il 31 agosto.

Alla riunione di emergenza del G7, il presidente degli Stati Uniti ascolterà gli alleati tra cui il primo ministro britannico Boris Johnson e il presidente francese Emmanuel Macron chiedere un’estensione dei negoziati con i talebani, anche se l’organizzazione islamica ha affermato che non accetterà ritardi.

“Mentre ci avviciniamo alla scadenza, penso che sia corretto dire che i rischi per la sicurezza stanno aumentando”, ha detto Wallace a Sky News martedì prima della riunione. “Sta diventando sempre più pericoloso perché altre organizzazioni e altre organizzazioni terroristiche, come lo Stato islamico, vogliono essere viste e onorate, o vogliono essere viste per cacciare l’Occidente dall’aeroporto”.

Wallace ha affermato che i leader mondiali lavoreranno sodo per ottenere una proroga dagli Stati Uniti, ma ha ammesso che, date le dichiarazioni pubbliche di Biden e dei talebani, questo è “improbabile”.

Biden ha dichiarato domenica di “sperare” di rispettare la scadenza per il ritiro dell’ultimo lotto di truppe degli Stati Uniti dal paese, e un portavoce dei talebani ha dichiarato lunedì al Financial Times che qualsiasi ritardo sarebbe una “violazione”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jack Sullivan ha detto ai giornalisti lunedì pomeriggio che la Casa Bianca ritiene che “da ora al 31, abbiamo tempo Esci da qualsiasi americano [who] Volere uscire”.

Sullivan ha aggiunto: “Siamo in contatto con i talebani e stiamo discutendo con i talebani su ciò che sta accadendo attualmente a Kabul e ciò che sta accadendo all’aeroporto”.

La situazione instabile all’aeroporto di Kabul mette in luce la fragile posizione dell’Occidente in Afghanistan da quando i talebani sono saliti al potere dopo il ritiro iniziale delle truppe statunitensi la scorsa settimana.

Decine di migliaia di persone stanno ora cercando di lasciare il paese, compresi stranieri e afgani che hanno collaborato con le potenze occidentali nell’operazione condotta da 20 anni dagli Stati Uniti, e molti temono che se rimarranno saranno vendicati dai talebani. L’esercito degli Stati Uniti ha riferito lunedì il più grande giorno di trasporto aereo dall’Afghanistan fino ad oggi, con 28 voli statunitensi che hanno portato più di 10.000 persone fuori dal paese in 24 ore. Ma molti altri sono ancora a Kabul.

Wallace ha affermato che più di 8.600 persone sono state evacuate nel Regno Unito dal 14 agosto, di cui circa 2.000 sono state evacuate nelle ultime 24 ore. “La posizione del governo britannico è che vogliamo rimanere più a lungo se possibile”, ha detto in un’intervista alla BBC in seguito, ma ha riconosciuto che la Gran Bretagna sarà vincolata dalle decisioni degli Stati Uniti, della comunità internazionale e degli Stati Uniti. Regno. Talebani.

Ha aggiunto che se l’aeroporto sarà chiuso e se gli afgani potranno lasciare il paese con altri mezzi, il Regno Unito continuerà a elaborare le loro domande di asilo. “Le nostre ambasciate nella regione forniscono servizi continui, rafforzeremo questi servizi e ci assicureremo che quando o se le persone si presenteranno in una di queste ambasciate, le elaboreremo molto rapidamente e le porteremo fuori da quel paese. Vai in Inghilterra. “

Il Regno Unito si è impegnato ad accogliere 20.000 rifugiati afgani nell’ambito del nuovo piano di reinsediamento annunciato la scorsa settimana. Il Ministero degli Interni britannico ha dichiarato che si prevede che le prime 5.000 persone saranno trasferite nel Regno Unito nel primo anno del piano.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *