Con sette paesi che diventano verdi, la Thailandia entra nella lista rossa dei turisti del Regno Unito

[ad_1]

Aggiornamento sulla pandemia di coronavirus

I viaggiatori che tornano nel Regno Unito da sette paesi e regioni, comprese diverse destinazioni di vacanza, inizieranno ad allentare le restrizioni di viaggio sulla pandemia da lunedì, ma il governo britannico ha spostato la Thailandia nella “lista rossa”, richiedendo la quarantena degli arrivi negli hotel.

Il ministero dei Trasporti ha annunciato giovedì che le Azzorre di Canada, Danimarca, Finlandia, Liechtenstein, Lituania, Svizzera e Portogallo entreranno nella “Lista verde” a partire dalle 4 del 30 agosto.

I passeggeri di ritorno da queste destinazioni non dovranno più essere messi in quarantena. Ma devono ancora sottoporsi ai test Covid PCR prima della partenza e due giorni dopo il ritorno in Inghilterra.

Tuttavia, Thailandia e Montenegro saranno spostate nella “lista rossa”, che richiede a chiunque torni da questi paesi di essere messo in quarantena in un hotel approvato per 10 giorni a proprie spese.

questo Sistema semaforico Designare i paesi come verde, ambra o rosso e specificare le regole per ciascuna categoria. I cambiamenti nel governo britannico riguardano solo l’Inghilterra, ma i tre governi decentralizzati dell’Irlanda del Nord, della Scozia e del Galles di solito seguono l’esempio.

Il governo ha affermato che le due aggiunte alla lista rossa riflettono “l’aumento dei tassi di casi in questi paesi e i viaggi da questi paesi rappresentano un rischio maggiore per la salute pubblica nel Regno Unito”.

Il dipartimento ha aggiunto: “Rispetto ad altri paesi, gli alti tassi di Thailandia e Montenegro combinati con il basso livello di monitoraggio del genoma pubblicato significa che l’epidemia di varianti nuove o esistenti o di varianti oggetto di indagine non può essere importata e piantata. Facile da identificare. Il tutto il Regno Unito.”

Il segretario ai trasporti Grant Sharps ha affermato che l’elenco aggiornato delle restrizioni fa parte del piano del governo per “allentare ulteriormente con prudenza i viaggi internazionali”.

L’elenco dell’ambra non è aumentato, il che richiede che coloro che tornano a casa vengano messi in quarantena a meno che non siano completamente vaccinati.

L’industria del turismo ha espresso disappunto per il numero limitato di paesi che hanno aderito alla lista verde e che la Turchia, una grande destinazione turistica, non è cambiata dal rosso all’ambra.

Alan French, amministratore delegato dell’operatore di viaggi online Thomas Cook, ha affermato che l’aggiornamento della Turchia dalla lista rossa sarebbe una “grande vittoria” per il settore. Ma ha aggiunto che il mese scorso il governo ha abbassato i requisiti complessivi per i viaggiatori di ritorno dal paese dell’Ambra, le prenotazioni si stanno “sicuramente muovendo nella giusta direzione”.

La Business Travel Association ha accolto con favore l’aggiunta della Svizzera alla Lista Verde, ma ha invitato il governo ad allentare i requisiti dei test per le persone vaccinate.

Diceva: “Guardando al futuro, mentre ci allontaniamo dal sistema, dobbiamo cancellare i test sui viaggiatori vaccinati dai paesi nelle liste verde e ambra”.

Paul Charles, consigliere di diverse grandi compagnie di viaggio, ha criticato le modifiche alle restrizioni e ha invitato i ministri a fornire maggiori dettagli.

Ha detto su Twitter: “La continua e totale mancanza di trasparenza sottolinea questi cambiamenti che dovrebbero essere più ampi”. “I viaggi continuano a essere limitati”.

Irene Hays, presidente di Hays Travel, che gestisce 450 agenzie di viaggio nel Regno Unito, ha affermato che i continui cambiamenti nelle restrizioni del governo “confondono le persone e penso che dovrebbe esserci un po’ di chiarezza”.

La società ha affermato che rispetto a luglio, le vendite di questo mese sono aumentate di quasi il 200%, le prenotazioni nel 2021 sono aumentate del 49% e le prenotazioni per il prossimo anno sono aumentate del 49%.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *