Cosa accadrà alle azioni della società liquidata?

[ad_1]

Le società in grave difficoltà finanziaria sono spesso descritte come in liquidazione o come tentativi di evitare la liquidazione. Se è in liquidazione, la società andrà in bancarotta e i suoi azionisti saranno quasi sicuramente sfortunati. Se cerca di evitare la liquidazione, potrebbe tornare in auge e, in tal caso, il valore delle sue azioni potrebbe aumentare di conseguenza.

Dipende dal processo legale che l’azienda ha attraversato. La maggior parte delle società statunitensi che vengono liquidate seguono le procedure del capitolo 7 o del capitolo 11 del codice fallimentare statunitense.

Capitolo 7 Fallimento

Nella procedura fallimentare del capitolo 7, la società ha immediatamente cessato tutte le operazioni commerciali e, allo stesso tempo, fiduciario È incaricato di liquidare i suoi beni, il che significa vendere tutte le sue scorte rimanenti e altri beni in cambio di contanti. I proventi saranno utilizzati per rimborsare i suoi creditori e investitori.

Punti chiave

  • Se una società dichiara fallimento ai sensi del capitolo 7, è già fallita. Il titolo è quasi certamente privo di valore.
  • Se la società richiede la protezione fallimentare del capitolo 11, sta provando una seconda possibilità. Il titolo potrebbe rimbalzare nel tempo.
  • Tuttavia, storicamente, le rimonte raramente hanno avuto successo.

Ma quando una società presenta una domanda ai sensi del capitolo 7, di solito significa che la società non ha quasi nessun patrimonio residuo da pagare agli azionisti e le azioni sono generalmente prive di valore. La società ha chiuso e il fiduciario è stato nominato per porre fine ai suoi affari e vendere tutti i beni.

I beni vengono utilizzati in primo luogo per pagare le spese di gestione e, in secondo luogo, per le pretese dei creditori privilegiati. Quindi, il fiduciario distribuisce eventuali attività rimanenti in base al livello dei detentori di interessi. Obbligazionista Se ci sono attività rimanenti, gli azionisti privilegiati hanno la priorità di rimborsare.

Gli azionisti comuni sono classificati per ultimi. È estremamente improbabile che recuperino una parte dell’investimento.

Capitolo 11 Fallimento

Il capitolo 11 della legge fallimentare è progettato per le aziende che sono in gravi difficoltà finanziarie ma vogliono uscire dai guai e ricostruire.

A tal fine la società ha presentato un piano di riorganizzazione. Ad esempio, un rivenditore in difficoltà potrebbe presentare un piano per chiudere metà dei suoi negozi, rinegoziare parte del suo debito e vendere la sua sede centrale per raccogliere fondi. Il piano di solito mira a soddisfare le parti che hanno il maggior interesse finanziario nell’azienda. Nel caso di un rivenditore, questo può includere fornitori non pagati e banche che forniscono ingenti prestiti all’azienda.

Il piano di risanamento può essere approvato, altrimenti l’azienda può essere costretta a dichiarare bancarotta. In quest’ultimo caso, la società è rovinata e qualsiasi azione potrebbe essere priva di valore. Se il piano viene approvato, l’azienda avrà una seconda possibilità. In caso di successo, il suo titolo potrebbe aumentare di nuovo.

Cosa accadrà alle azioni durante il capitolo 11?

Se una società è nel capitolo 11, continuerà le sue operazioni commerciali e le sue azioni possono persino continuare a essere negoziate.

A questo punto, questi titoli hanno quasi sicuramente perso gran parte del loro valore. Una volta che il prezzo delle azioni scende al di sotto di $ 1 per azione per 30 giorni consecutivi, la società può delistare dalle principali borse.Potrebbe essere in grado di continuare a fare trading sul bancone o in Lenzuola rosaIl volume delle transazioni sarà molto basso e gli azionisti non potranno scaricarle a nessun prezzo.

Allo stesso tempo, la società non paga dividendi nelle procedure concorsuali.

General Motors ha fatto un ritorno storico dalla bancarotta, ma ha bisogno di una grande quantità di finanziamenti governativi.

Nel migliore dei casi, la società uscirà dalla bancarotta più forte di prima e i suoi azionisti potrebbero lentamente ripristinare il valore.

La storia non è dalla loro parte. La ricerca mostra che i titoli delle società ristrutturate nel capitolo 11 hanno sottoperformato dopo la riorganizzazione.

Se il riavvio fallisce, la società tornerà al tribunale fallimentare, questa volta di fronte alla liquidazione.

Storia di successo dopo il fallimento

Uno dei maggiori shock della crisi finanziaria del 2008-2009 è stata la dichiarazione di fallimento della General Motors (GM), uno dei pilastri dell’industria americana dal 1908. Quando ha dichiarato bancarotta nel 2009, General Motors aveva 82 miliardi di dollari di attività e 173 miliardi di dollari di passività.

Ci sono voluti cinque anni e molti soldi del governo per iniettare, ma GM ha fatto un completo ritorno e ha ripagato i debiti dei suoi contribuenti. Gli azionisti che hanno perseverato hanno avuto indietro i loro soldi.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *