Cosa dice esattamente il margine EBITDA agli investitori dell’azienda?

[ad_1]

Cos’è il margine EBITDA e cosa ci dice?

EBITDA Rappresenta i guadagni prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento. EBITDA Margine Fornire agli investitori un’istantanea dell’efficienza operativa a breve termine. Poiché il margine ignora l’influenza di fattori non operativi, come interessi passivi, tasse o attività immateriali, il risultato è un indicatore che riflette in modo più accurato la redditività operativa dell’azienda. Pertanto, molti analisti e investitori utilizzano l’EBITDA invece di altri indicatori durante il trading. analisi finanziaria.

Punti chiave:

  • L’EBITDA sta per guadagni prima di interessi, imposte, deprezzamento e ammortamento e il suo margine di profitto riflette l’efficienza operativa a breve termine dell’azienda.
  • L’EBITDA è utile quando si confrontano aziende con diversi investimenti di capitale, debito e situazioni fiscali.
  • I comunicati stampa sugli utili trimestrali spesso citano l’EBITDA.

Comprendere l’EBITDA e la performance operativa

Questa misura è simile ad altre misure Rapporto di profitto, Ma può essere particolarmente utile quando si confrontano diverse aziende Investimento di capitale, Debito e panoramica fiscale. Nel caso di obiettivi di acquisizione, anche l’EBITDA è importante.

L’EBITDA è talvolta riportato nei comunicati stampa trimestrali sugli utili ed è spesso citato dagli analisti finanziari. Ignorare le tasse e gli interessi passivi consente agli analisti di concentrarsi sulle prestazioni operative. ammortamento e Ammortamento È una spesa non in contanti, quindi l’EBITDA fornisce anche informazioni sulla generazione di cassa approssimativa e sul funzionamento del controllo degli investimenti di capitale. Il margine di profitto misura la generazione di entrate rispetto alle entrate e viene utilizzato per valutare l’efficienza operativa. Le società acquirenti di solito si concentrano sul reddito e sul potenziale di generazione di cassa dell’obiettivo di acquisizione. Pertanto, l’EBITDA è uno strumento utile per valutare come funzionerà un portafoglio aziendale quando integrato nelle operazioni complessive di una grande azienda.

Gli investitori devono diffidare dell’eccessivo affidamento sulle valutazioni dell’EBITDA. Principi contabili generalmente accettatiO GAAP, escludendo l’EBITDA come indicatore di redditività, l’EBITDA perde valore esplicativo a causa dell’omissione di spese importanti.Gli investitori devono considerare Reddito netto, Indicatori di flusso di cassa e solidità finanziaria per comprendere appieno i fondamentali.

Cos’è un buon EBITDA?

Per determinare un buon EBITDA, calcola prima il margine di profitto dividendo l’EBITDA per i ricavi totali.

Margine EBITDA = EBITDA / ricavi totali

Il margine EBITDA calcolato utilizzando questa equazione mostra l’utile di cassa dell’azienda in un anno. Il margine di profitto può quindi essere confrontato con un’altra attività simile nello stesso settore.

Ad esempio, l’EBITDA della società A è di $ 800.000 e il suo fatturato totale è di $ 8.000.000. Il margine EBITDA è del 10%. L’EBITDA della società B è di $ 960.000 e il fatturato totale è di $ 12.000.000.

Ciò significa che, sebbene la società B mostri un EBITDA più elevato, il suo margine di profitto è in realtà inferiore a quello della società A (8% contro 10%). Pertanto, gli investitori vedranno più potenziale nella società A.

Esempio del mondo reale

Considera Cree, Inc (Nasdaq: CREE) 2014 Form 10-K. L’utile netto di Cree per l’intero anno 2014 è stato di 1,648 miliardi di dollari e l’utile operativo è stato di 134 milioni di dollari, il che significa che il tasso di profitto operativo durante il periodo è stato dell’8%. L’EBITDA 2014 è stato di US $ 287 e il margine EBITDA è stato del 18%. Questi margini di profitto possono essere confrontati con quelli di concorrenti come Osram per misurare la relativa efficienza operativa del business. Il margine EBITDA 2014 di Osram era dell’11%, quindi CREE è più attraente per gli investitori.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *