“Cosa significa?” Mentre gli Stati Uniti si ritirano da Bagram, gli afghani rimpiangono i decenni di guerra Reuters

[ad_1]

5/5

© Reuters. Foto del file: 2 luglio 2021, provincia di Parwan, Afghanistan Il giorno in cui le ultime forze statunitensi hanno evacuato la base, un soldato dell’esercito nazionale afghano ha fatto la guardia a un checkpoint vicino alla base dell’aeronautica statunitense a Bagram.Reuters/Mohamed Ismail

2/5

Kabul (Reuters)-Mentre le truppe statunitensi lasciano la loro principale base militare in Afghanistan venerdì, segnando la fine simbolica della guerra più lunga nella storia degli Stati Uniti, i locali che vivono all’ombra della base e vicino a Kabul sono lasciati come il passato e preparano il futuro .

Nelle settimane da quando il presidente Joe Biden ha annunciato che l’esercito si sarebbe ritirato incondizionatamente prima dell’11 settembre, la violenza ha imperversato in tutto l’Afghanistan.

Secondo uno studio, a causa dello stallo dei negoziati di pace del Qatar, nelle ultime settimane circa un quarto del Paese è caduto nelle mani dei talebani e molte persone temono che il caos sia imminente.

Malek Mir, un meccanico di Bagram, vide andare e venire truppe sovietiche e americani e si disse profondamente rattristato dall’inutilità dell’esistenza straniera.

“Sono venuti per bombardare i talebani e si sono sbarazzati del loro regime, ma ora se ne stanno andando, perché i talebani sono così potenti che presto prenderanno il sopravvento”, ha detto.

“Qual è il punto di tutta la distruzione, l’uccisione e la sofferenza che ci hanno portato? Spero che non siano mai venuti.”

Secondo i registri delle Nazioni Unite, più di 3.500 soldati stranieri sono stati uccisi nella guerra dei 20 anni e, solo dal 2009, più di 100.000 civili sono stati uccisi.

Tuttavia, alcune persone affermano che la presenza di truppe straniere ha distorto l’economia dell’Afghanistan ed è tempo che il paese si regga in piedi.

“Gli americani hanno lasciato un’eredità di fallimenti, non sono riusciti a contenere i talebani o la corruzione”, ha detto il proprietario del negozio Bagram Sayed Naqibullah. “Un piccolo numero di afgani è diventato così ricco e la stragrande maggioranza vive ancora in una povertà estrema.

“In un certo senso, siamo contenti che se ne siano andati… Siamo afghani e troveremo la nostra strada”.

Nella vicina capitale, la notizia ha ricordato ancora una volta che da quando Biden ha annunciato il suo ritiro ad aprile, il panico è aumentato in molti aspetti della società afghana, soprattutto nelle aree urbane.

“Tutti sono preoccupati che se le forze straniere lasciano l’Afghanistan, i talebani prenderanno il sopravvento. Cosa dobbiamo fare?”, ha chiesto Zuma Lewafa, un negoziante di Kabul.

Wafa e altri hanno descritto segni di scarsi affari e molti residenti della città che cercano di fuggire dal paese.Centinaia di persone si sono messe in fila fuori dall’ambasciata per chiedere i visti.

Muzhda, una studentessa di medicina di 22 anni, ha chiesto che fosse rivelato un solo nome per motivi di sicurezza, affermando che la sua famiglia aveva deciso di lasciare il Paese a causa del deterioramento della situazione della sicurezza.

Ha detto che si chiedeva quale sarebbe il futuro dell’attesa delle donne se i talebani tornassero al potere e limitassero l’accesso delle donne all’istruzione, come hanno fatto quando erano al potere l’ultima volta.

I talebani hanno dichiarato di essere cambiati e che prenderanno provvedimenti per i diritti delle donne in conformità con le tradizioni culturali e le regole religiose.

Nonostante ciò, Mujda ha affermato di sentirsi impotente e delusa dalla partenza degli Stati Uniti.

“Nella situazione attuale, il ritiro delle truppe straniere è irragionevole”, ha detto. “Ora è chiaro che gli americani sono qui per i propri scopi, non per aiutare e cooperare con l’Afghanistan”.

“Sono triste e deluso. Ho molti sogni che non si avvereranno”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *