Credit Suisse riassume dipendenti a rischio con stipendi alti dopo lo scandalo

[ad_1]

Aggiornamento del Credit Suisse Group

Credit Suisse è ansioso di attuare una riforma completa del suo dipartimento rischi, compresa la riassunzione di dipendenti altamente pagati che hanno lasciato di recente. Maledetto rapporto La banca ha subito una perdita di 5,5 miliardi di dollari a causa del crollo di Archegos Capital.

Secondo persone che hanno familiarità con la questione, nell’ambito della ristrutturazione, il chief risk officer della banca d’investimento Ralph Hafner lascerà ad agosto e sarà sostituito da Ben Wilkinson, l’attuale responsabile del rischio nel dipartimento di gestione patrimoniale internazionale.

Lo studio legale Paul Weiss ha riferito questa settimana che Hafner ha perso un’opportunità chiave per prevenire le enormi perdite causate da transazioni errate nel family office. Il Wall Street Journal ha riportato per primo la sua partenza.

Joachim Oechslin, il direttore ad interim del rischio, ha anche apportato diverse altre modifiche alla sua funzione di gestione del rischio, assumendo o promuovendo diverse persone che sono state rimosse o emarginate sotto l’ex chief risk officer, Lara Warner, perché la banca è un nuovo rischio Prepararsi per l’arrivo del supervisore David Wildmuth Da Goldman Sachs l’anno prossimo.

Persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che Valeriu Bajenaru, un veterano di cinque anni che ha lasciato Santander all’inizio di quest’anno, tornerà al responsabile globale della gestione del rischio aziendale e otterrà un contratto più redditizio.

Tom Wootton, l’ex capo globale della gestione del rischio di liquidità, è stato nominato CRO del Regno Unito durante la ristrutturazione, che è un altro ruolo per Hafner.

Dopo cinque anni come chief risk officer, lo stesso Oechslin è stato messo da parte nel 2019 per diventare consigliere dell’amministratore delegato e capo dello staff, per poi essere temporaneamente trasferito dopo Archegos.

Una persona che ha familiarità con la questione ha affermato che la banca sta discutendo con altri ex dipendenti e dovrebbe annunciare presto ulteriori cambiamenti.

Il consiglio di amministrazione del Credit Suisse ha incaricato lo studio legale Paul Weiss di condurre un’indagine per affrontare la più grande perdita commerciale nei suoi 165 anni di storia. Il rapporto accusa la banca d’affari della banca svizzera di “un atteggiamento antiquato nei confronti del rischio” e di un profondo problema culturale.

Inoltre, l’attività di gestione patrimoniale è stata colpita da un altro scandalo che ha coinvolto la società finanziaria di nicchia Greensill Capital nelle prime settimane di Archegos e l’azienda ha stabilito un nuovo ruolo di chief risk officer.

Credit Suisse Asset Management ha assunto Wolfram Peters, ex chief risk officer di Allianz Global Advisors, per ricoprire questa posizione, creata in risposta alla separazione dell’attività dal dipartimento di gestione patrimoniale. Reuters ha segnalato per la prima volta l’assunzione.

A marzo, CSAM è stata costretta a liquidare un fondo di investimento da 10 miliardi di dollari relativo all’ormai fallita Greensill.

Il rapporto di Paul Weiss ha criticato il “ringiovanimento” dei dipartimenti di rischio perché i dirigenti esperti sono stati sostituiti da coetanei più giovani.

Il rapporto ha rilevato che i significativi tagli ai costi negli ultimi anni hanno portato il 40% dei senior risk manager a lasciare il Credit Suisse nei due anni precedenti il ​​crollo di Archegos e la maggior parte di loro è stata licenziata o licenziata.

Il Financial Times ha citato molti errori di gestione del rischio in un rapporto. Sondaggio di aprile.

Una persona correlata ha detto al Financial Times che l’ex chief risk officer, CRO Warner, che è stato rimosso ad aprile, ha rimodellato la funzione di rischio per renderla “più commerciale” e “allineata” con i trader front-end e i gestori delle relazioni con i clienti . .

Una persona che ha familiarità con la questione ha affermato che il gran numero di partenze dei dirigenti ha creato “paura”, ha cambiato la cultura del rischio e ha impedito ai dipendenti meno esperti di dire “no” all’accordo proposto.

Altre fonti hanno affermato che la Warner ha cambiato il rapporto di segnalazione e ha subordinato il team di rischio precedentemente indipendente al responsabile tecnico del front office. Di conseguenza, “il rischio ha perso la sua indipendenza”, ha ricordato un’altra persona.

Per evitare che si ripeta lo stesso errore, Credit Suisse ora richiede che se un trader in prima linea chiede di rivedere e respingere una decisione sul rischio, deve informare l’alta direzione e il comitato dei rischi del consiglio di amministrazione.

“Ci vuole tempo per digerire. Credit Suisse sta lavando tutti i panni sporchi e sta cercando di andare avanti”, ha detto una persona in banca. “Sarebbe saggio riportare Laura, il senior risk manager licenziato[and]… Il trasferimento interno sembra essere la mossa giusta.Joe [Oechslin] Stabilizza questo posto prima che David si unisca. “

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *