Credit Suisse sta negoziando per ristrutturare parte del debito di Bluestone da $ 690 milioni

[ad_1]

Aggiornamento del capitale di Greensill

Bluestone Resources, una società di estrazione del carbone statunitense, ha affermato di essere in trattative con Credit Suisse per ristrutturare una “parte significativa” del suo debito contestato di $ 690 milioni relativo a Greensill Capital.

Bluestone, che è di proprietà del governatore repubblicano della West Virginia Jim Justice (Jim Justice), ha dichiarato giovedì che dopo “alcuni giorni di incontri faccia a faccia la scorsa settimana, ha raggiunto un quadro con Credit Suisse per riorganizzare i suoi obblighi di debito” . “.

Se viene raggiunto un accordo, potrebbe risolvere un importante debito problematico nel Credit Suisse Supply Chain Finance Fund, che ammontava a $ 10 miliardi quando è stato sospeso a marzo a causa del crollo di Greensail.Questo scandalo – oltre alla perdita di $ 5,5 miliardi causata dall’implosione di Archegos Capital – ha Mettere in crisi la banca svizzera.

Tuttavia, una persona a conoscenza della questione ha affermato che sebbene le due parti siano impegnate in un “dialogo più costruttivo”, l’annuncio di Bluestone è “un po’ prematuro” e non è stato ancora firmato alcun accordo.

Credit Suisse ha rifiutato di commentare.

Bluestone e le sue società collegate erano diventate uno dei maggiori clienti di Greensill prima del massiccio crollo di Greensill.La società finanziaria ha organizzato fondi aziendali relativi alle fatture dei minatori di carbone.

Greensill ha stretto una partnership con Credit Suisse, che ha riconfezionato il debito e lo ha venduto agli investitori in diversi fondi finanziari della catena di approvvigionamento.I loro 1.000 clienti ora sono molto arrabbiati Contenzioso minacciato Sebbene la banca svizzera pubblicizzi questi fondi come completamente assicurati e a basso rischio, perderanno comunque miliardi di dollari.

Oltre ai 690 milioni di dollari dovuti da Bluestone, Credit Suisse ha anche affermato che sarà difficile recuperare altre attività del fondo relative a Greensill per circa 1,6 miliardi di dollari. Questi includono $ 440 milioni da Katerra, un gruppo di costruzioni statunitense sostenuto dalla fallita SoftBank, e $ 1,2 miliardi dall’industriale britannico Sanjeev Gupta.

La banca svizzera ha dichiarato all’inizio di questo mese di aver rimborsato $ 5,6 miliardi agli investitori e di avere $ 500 milioni in contanti in questi fondi, quindi c’è un grande divario.

Bluestone è il primo cliente Greensill ad intraprendere un’azione legale.è Fare causa A marzo, è stata intentata una causa contro la società e i suoi fondatori presso la Corte Federale di Manhattan, accusandoli di “eseguire frodi continue e redditizie”. Justis ha aggiunto che il suo stesso impero del carbone potrebbe fallire a causa del “brusco e irragionevole abbandono” della società finanziatrice.

Nella denuncia iniziale della società, Bluestone ha affermato di non sapere che Credit Suisse fosse coinvolto in questi prestiti fino a febbraio di quest’anno. Ha rifiutato di rimborsare la banca.

In una conferenza stampa il mese scorso, il Dipartimento di Giustizia ha negato di conoscere i problemi di Greensill prima che crollasse, ma ha affermato che Credit Suisse dovrebbe saperne di più perché finanziava la società finanziaria.

“Secondo me, sono essenzialmente complici di Greensail”, ha detto Justis.

Per rendere le cose più complicate, oltre a fornire circa 70 milioni di dollari in normali finanziamenti della catena di approvvigionamento (principalmente pagamenti anticipati per fatture esistenti), Greensill consente anche a Bluestone di prendere in prestito centinaia di milioni di dollari con le cosiddette fatture future.

Questi sono stati descritti nella causa come “Crediti su conti non ancora generati da Bluestone” da “potenziali acquirenti”, inclusi “entità che non sono e potrebbero non essere mai clienti di Bluestone”.

Justis e la sua famiglia hanno fornito garanzie personali per il prestito di Greensail, rendendoli responsabili per il loro rimborso. Tuttavia, Bluestone ha rivisto la sua causa il mese scorso, affermando che il suo proprietario è stato “tentato dalla frode” a fornire queste garanzie.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *