Crisi marittima in Turchia: “Suona la campana a morto del Mar di Marmara”

[ad_1]

Da dieci anni il biologo marino Nur Eda Topcu lavora per proteggere i fragili coralli vicino alla costa di Istanbul, che secondo gli ambientalisti sono minacciati dallo scarico di rifiuti industriali, carburante e liquami.

Ora è preoccupata che nuove minacce possano accelerare la fine delle barriere coralline nel Mar di Marmara. Negli ultimi mesi, una sostanza colloidale comunemente nota come moccio di mare ha soffocato la vita acquatica, ostacolato le attività di pesca e scoraggiato i bagnanti.

A fine luglio, sul fiume Marmara si possono ancora vedere lunghe strisce marroni di muco marino, mentre la schiuma appiccicosa affonda sotto la superficie del mare e si deposita su rari coralli. Gli scienziati avvertono che le correnti oceaniche miste del Mediterraneo e del Mar Nero generano coralli che di solito si trovano a profondità più profonde e che anche questa stessa area marina è a rischio.

“La campana a morto di Marmara sta suonando”, ha detto Topku dopo essere riemerso dopo una recente immersione, ripulendo il muco che di solito è coperto di corallo viola sulle isole di Istanbul. “Non possiamo fermare il muco. Soffoca la gorgonia [and] Infettali con batteri nocivi. “Aveva paura della maggior parte del morbido rosso di Marmara paramecioLe specie di corallo classificate come fragili moriranno quest’anno.

Nur Eda Topcu (a destra) e Serco Eksiyan del Marine Life Conservation Center durante le immersioni di ricerca © Bradley Secker/FT

La superficie del Mar di Marmara è ricoperta da uno spesso strato di muco marino, chiamato anche

Il mare è ricoperto da uno spesso strato di muco marino © Bradley Secker/FT

Secondo le statistiche ufficiali, la quantità di acque reflue scaricate dalle fabbriche nelle acque turche è quasi raddoppiata negli ultimi anni. Secondo un monitor municipale, ogni anno 50.000 petroliere che attraversano il fiume Marmara scaricano illegalmente rifiuti e carburante. Quasi i due terzi delle industrie del paese, comprese raffinerie di petrolio, case automobilistiche, impianti chimici e centrali elettriche, sono concentrati in quest’area.

La maggior parte delle acque reflue di Istanbul, la città più grande della Turchia, viene trattata solo per rimuovere i solidi e quindi pompata sul fondo del mare. “Lo usiamo come la nostra dolina”, ha detto Levent Artuz, biologo acquatico presso il Marmara Environmental Monitoring Project e autore di un nuovo libro Storia moderna dell’inquinamento nel Mar di Marmara.

Ha detto che dall’inizio di questo secolo la temperatura del mare a Marmara è aumentata in media di 2 gradi Celsius a causa dell’inquinamento che intrappola il calore, ma questo non aiuta. Il progetto nazionale dello scorso anno per trasferire uno dei corsi d’acqua più tossici d’Europa dal fiume Elgin a Marmara è stato un “punto di svolta”.

“Il problema chiave non è il muco. Questo è solo un anello di una catena di decenni di degrado”, ha detto Artuz. “La nostra possibilità di ripristinare il Mar di Marmara è zero. Quello che dobbiamo fare ora è trovare un modo per impedire al popolo di Marmara di farci del male”.

Il moccio marino e l'inquinamento possono essere visti nel Mar di Marmara

Lunghe strisce marroni di muco marino viste nel Mar di Marmara a fine luglio © Bradley Secker/FT

Il confine del Mar di Marmara gravemente colpito dal

Scienziati e pescatori affermano che l’attuale epidemia non ha precedenti © Bradley Secker/FT

Negli ultimi anni, gli organismi marini sono morti in eventi di morte su larga scala e si è verificato un fenomeno di un gran numero di meduse e alghe, come le maree rosse e il muco.

Ma scienziati e pescatori hanno affermato che l’attuale epidemia non ha precedenti. Il fitoplancton prospera grazie ai liquami ricchi di sostanze nutritive e ai fertilizzanti provenienti dal deflusso agricolo e la pesca eccessiva ha spazzato via le popolazioni di piccoli pesci e crostacei che consumano alghe.

Sono finiti gli sgombri, il tonno, il pesce spada e altri frutti di mare per cui Istanbul è famosa. Secondo Erdogan Kartal, il capo della cooperativa di pesca di Istanbul, le catture quest’anno sono inferiori del 90% rispetto al 2020 a causa dell’ostruzione del muco e del trascinamento fuori dalla rete. “Anche se possiamo rifornire il mercato del pesce, i clienti non compreranno a causa del disgusto”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha promesso di combattere gli inquinatori e “salvare i nostri oceani da questo muco”. Il ministro dell’ambiente del paese ha affermato che sono stati fumati migliaia di metri cubi di tabacco da fiuto. All’inizio di luglio, ha annunciato che Marmara era “più pulita e più blu” di prima.

La Turchia è l’unico paese del G20 che non ha ancora ratificato l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e le campagne di base per proteggere l’ambiente sono spesso viste dal governo come un provocatore.

Le autorità si sono rifiutate di registrare un nuovo partito dei Verdi desideroso di affrontare il cambiamento climatico. Gli scienziati hanno anche affermato che un canale di navigazione pianificato dal Mar Nero a Marmara potrebbe esaurire l’ossigeno di Marmara e promuovere la produzione di gas di zolfo, riempiendo Istanbul del fetore di uova marce. Il ministro dei trasporti di Erdogan ritiene che l’acqua più pulita del Mar Nero migliorerà la qualità del fiume Marmara.

Nel processo, Topcu e i membri della Istanbul Marine Conservation Society (MLCS) hanno raggiunto il successo. Nell’aprile di quest’anno hanno ottenuto lo status di protezione per il piccolo affioramento di Neandros, impedendo alle barche di ancorarsi o di pescare vicino ai coralli. Hanno trascorso due estati trapiantando la frusta gialla a forma di ventaglio in una vicina colonia di alghe dorate. eucalipto Sepolto tra le macerie dei progetti di costruzione del governo.

Serco Eskiyan di MLCS ha dichiarato: “Li trasportiamo come un trapianto di cuore o di reni e li mettiamo in acqua fredda e al buio per prevenire lo shock.” Ci sono volute più di 100 immersioni per raccogliere e ripiantare 300 coralli a una profondità di 30 metri.

Eda Eryalçın Topçu (a sinistra), biologa marina dell'Università di Istanbul, prepara la sua attrezzatura prima di condurre immersioni di ricerca vicino a Tavsan Adasi

Topku (a sinistra) prepara l’attrezzatura di ricerca prima di immergersi nel Mar di Marmara © Bradley Secker/FT

Eda Eryalçın Topçu, biologa marina dell'Università di Istanbul, ha mostrato una foto di un'immersione di ricerca. La foto è venuta da vicino a Tavsan Adasi nel Mar di Marmara, nel sud di Istanbul. Dopo ripetute applicazioni di batteri benefici sui coralli, l'ecosistema dei fondali marini di Snot

Una foto di immersioni. Il moccio di mare continua a uccidere l’ecosistema sottomarino e a intasare i coralli © Bradley Secker/FT

Ma Eskiyan si è immerso nelle acque vicino all’isola dagli anni ’70 e sapeva che l’area era “come la mia stanza”, ma l’innesto non è stato trovato a luglio perché il naso del mare ha ridotto la visibilità a uno o due metri. “Sembra un pianeta diverso”, ha detto Topku.

Una generazione fa, la ricca fauna di Marmara, tra cui cavallucci marini, scorfani velenosi e grandi squali bianchi, è scomparsa, anche se Eskiyan incontra ancora occasionalmente “reti fantasma” scartate dai pescherecci industriali.Una specie rara di spinarolo. Dal 2015 MLCS ha raccolto 32.000 metri quadrati di reti.

“Credo che l’oceano abbia la capacità di rinnovarsi dalla distruzione causata dagli umani. Ma ora dubito per quanto tempo possa contrattaccare”, ha detto Topku.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *