Crown Estate raccoglierà i frutti della rivoluzione dell’energia verde

[ad_1]

A causa del boom dell’energia eolica offshore, lo scorso anno Crown Properties ha aggiunto 1 miliardo di sterline al valore del suo portafoglio di investimenti: questo è di gran lunga il segno più chiaro che la società immobiliare del monarca trarrà grandi benefici dalla transizione verso l’energia verde del Regno Unito.

La proprietà gestisce i negozi nel centro di Londra, che è una delle più grandi combinazioni di terreni del paese e si trova anche sui fondali marini del Regno Unito per interesse pubblico.Tradizionalmente, la maggior parte del suo reddito proviene da proprietà nel centro di Londra, ma la pandemia e la crescente importanza dell’energia pulita sono combinate Riformula quel ruolo.

Come altri grandi proprietari come Hammerson, Land Securities e British Land, anche questa è stata gravemente colpita dal coronavirus: ha raccolto solo l’81% dell’affitto dovuto quell’anno e ha stanziato 54 milioni di sterline per sostenere gli inquilini gravemente colpiti dal disastro.

Le scarse prestazioni del negozio hanno ridotto il valore delle attività della tenuta a Londra e in altre aree di 1,1 miliardi di sterline e hanno contribuito a ridurre l’utile netto e l’utile a 269 milioni di sterline, un calo del 22% rispetto all’anno precedente.

Ma nonostante ciò, nell’anno conclusosi il 31 marzo 2021, il valore totale del portafoglio di Crown Estate è aumentato del 7,5% a 14,4 miliardi di sterline, poiché le risorse marine della società (compresi i fondali intorno a Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord) hanno più di raddoppiato il suo valore.

Uno Asta di febbraio Ha attirato offerte record da società tra cui BP e altri giganti del petrolio per lottare per i diritti sottomarini per sviluppare progetti di energia eolica offshore nelle acque del Regno Unito e del Galles, spingendo la valutazione sottomarina a salire da 2 miliardi di sterline a 4,1 miliardi di sterline.

Crown Properties è stata severamente criticata dalle organizzazioni di energia rinnovabile (come RenewableUK) all’epoca a causa della sua capacità e struttura relativamente modeste offerte nelle aste sottomarine. La competizione per i diritti è particolarmente agguerrita dato che i giganti petroliferi hanno promesso di spostare più spese verso tecnologie pulite come l’energia eolica offshore.

Questa asta è la prima volta in Europa che viene applicata una “canone di opzione” annuale, che lo sviluppatore vincitore paga entro tre-dieci anni, per poi essere sostituito da un “canone” del 2% del fatturato del parco eolico. Le aste precedenti prevedevano commissioni di opzione fisse annuali.

RenewableUK ha anche avvertito che condurre le aste in modo simile “significherebbe in definitiva costi più elevati per sviluppatori e consumatori”.

In totale, i costi dell’asta potrebbero aumentare fino a 8,8 miliardi di sterline per il Ministero delle Finanze entro 10 anni e la tenuta restituirà i profitti annuali al Ministero delle Finanze. Questo è anche un vantaggio per il monarca, e il Ministero delle Finanze distribuisce parte dei profitti al monarca attraverso “sovvenzioni sovrane”.

L’amministratore delegato della tenuta, Dan Labbad, ha insistito sul fatto che il ruolo di Crown nello sviluppo dell’industria eolica offshore nel Regno Unito è quello di “promuovere la costruzione di questo mercato, non solo per massimizzare i ritorni finanziari”.

Ma ha riconosciuto che, date le politiche di sostegno del governo e la necessità del paese di spostare la sua struttura energetica verso fonti di energia più pulite, la “valutazione dei portafogli di investimenti marittimi aumenterà ovviamente”.

Allo stesso tempo, Labard ha avvertito che la strada principale potrebbe portare più dolore. Il tasso di sfitto del portafoglio londinese della tenuta è passato dal 4,7% all’8,2%. “La mia ipotesi è che peggiorerà prima di migliorare”, ha detto Labard.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *