Deboli i dati sull’occupazione e il Dow in calo, suscitando dubbi sulla riduzione da parte della Fed dei tempi di acquisto del debito

[ad_1]

Dopo che il rapporto mensile sull’occupazione pubblicato dal Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti è stato molto più debole del previsto, la maggior parte degli indici azionari statunitensi è scesa leggermente a mezzogiorno di venerdì, innescando nuove varianti della ripresa del mercato del lavoro dalla pandemia di COVID-19 durante il delta spread.

Dow Jones Industrial Average
giù,
-0,27%

Il minimo di chiusura è stato di circa 35.351 punti, in calo di 90 punti o dello 0,3%.

Indice Standard & Poor’s 500
Arpione,
-0,10%

Dopo aver toccato un minimo intraday di 4.521,30, è sceso di 5 punti o 0,1% a 4.531.

Indice composito Nasdaq
Confrontare,
+0.13%

È aumentato di 17 punti o 0,1% a circa 15.348 punti.

Il Dow è aumentato di 131,29 punti per chiudere giovedì a 35.443,82, mentre l’S&P 500 e il Nasdaq Composite hanno entrambi stabilito nuovi massimi, salendo rispettivamente dello 0,3% a 4.536,95 e dello 0,1% a 15.331,18.

Cosa sta guidando il mercato?

La creazione di posti di lavoro ad agosto si è notevolmente indebolita e il sentimento a Wall Street è un po’ deprimente per i rialzisti del mercato azionario.

Secondo i dati del Ministero del Lavoro, L’economia degli Stati Uniti ha aggiunto 235.000 posti di lavoro ad agosto, Molto al di sotto delle 720.000 persone previste, ma il tasso di disoccupazione è sceso dal 5,4% al 5,2% e ha raggiunto un nuovo minimo pandemico.

“Il numero principale è chiaramente deludente, ben al di sotto delle aspettative, e il mercato reagirà. Ma la domanda interessante è perché questo numero è così basso”, ha dichiarato Brad McMillan, chief investment officer di Commonwealth Financial Network, in un rapporto quotidiano. “La conclusione qui è che la maggior parte della debolezza deriva dall’aumento dei rischi medici, piuttosto che da un rallentamento generale dell’economia, che è anche in linea con i dati deboli sulla fiducia dei consumatori”.

Sebbene i dati complessivi siano stati più deboli del previsto, i dati dei primi due mesi sono stati rivisti al rialzo. Il numero di occupati è aumentato da 938.000 a 962.000 a giugno e il numero di occupati è aumentato da 943.000 a 1,05 milioni a luglio.

La cosa più importante è che quel mese c’è stato un aumento degli stipendi. Le retribuzioni orarie medie sono aumentate dello 0,6% su base mensile, rispetto alle aspettative di luglio dello 0,3% e dello 0,4%, e le retribuzioni sono aumentate del 4,3% su base annua, rispetto alle aspettative del mese precedente del 3,9% e 4,0%.

“Il rapporto sull’occupazione di venerdì ha mostrato un significativo rallentamento delle assunzioni, ma un aumento della crescita dei salari, che è una combinazione preoccupante per l’economia”, ha affermato l’amministratore delegato di ZEGA Financial, una società di investimenti da 600 milioni di dollari a West Palm Beach, in Florida. Jay Scrisse Pestrichelli. “La lenta crescita economica e l’aumento dell’inflazione sono gli scenari peggiori per l’economia”, ha scritto in un commento via e-mail.

Tuttavia, il rapporto complessivo potrebbe sollevare dubbi sul fatto che la Fed rinvii il suo tanto atteso piano per iniziare a ridurre gli acquisti di asset e altre politiche considerate accomodanti.

Il presidente della Fed Jerome Powell (Jerome Powell) ha affermato che la Fed utilizzerà l’occupazione come indicatore chiave quando prenderà in considerazione misure per porre fine alla pandemia per aumentare la liquidità del mercato.

Seema Shah, chief strategist di Principal Global Investors, ha scritto in un commento via e-mail: “Dopo aver accennato a un possibile ridimensionamento nei prossimi mesi, i dati sull’occupazione di agosto potrebbero gettare nel caos”.

Lo stratega ha scritto: “Naturalmente, l’inflazione ha raggiunto un livello elevato per decenni e ha chiaramente superato la prova di ‘sostanziali ulteriori progressi’, ma questo non sembra aver lasciato un’impressione sufficiente sulla Fed”.

Il presidente Joe Biden ha attribuito i numeri dei titoli inferiori alle attese alla mutazione delta del coronavirus nel rapporto sull’occupazione in una conferenza stampa venerdì, ma ha affermato che il tasso di creazione di posti di lavoro rappresenta ancora una crescita.

“Alcune persone vogliono vedere più numeri oggi, e anche io”, ha detto Biden.

“Ma quello che stiamo vedendo è una crescita continua mese dopo mese. Abbiamo aggiunto posti di lavoro in ciascuno dei miei primi sette rapporti di lavoro”, ha detto il presidente. “Questo tipo di crescita rende la nostra economia più forte. Progresso continuo, non prosperità o depressione”.

Il rapporto sull’occupazione dell’ADP di mercoledì, per alcuni aspetti, è stato il commento di apertura dei titoli del fine settimana. Molto più basso del previsto, Indicando che l’economia ha ancora margini di manovra.

“In effetti, poiché credono fermamente che l’inflazione alla fine si dimostrerà temporanea, la Fed sta ora prestando maggiore attenzione alla ripresa dell’occupazione, il che significa che i dati molto deboli di oggi potrebbero influenzare il ridimensionamento della Fed a novembre, se non più tardi”, ha scritto Shah.

Tra gli altri dati, l’interpretazione delle attività del settore dei servizi da parte dell’Institute of Supply Management, Indagine sui servizi ISM, Da un record del 64,1% al 61,7% di agosto.

Altrove, dopo che il primo ministro giapponese Yoshihide Suga è stato preso di mira per aver risposto all’epidemia, le azioni giapponesi hanno superato di gran lunga le azioni asiatiche. Ha detto che si sarebbe dimesso prima delle elezioni nazionali di quest’anno.

Russ Mold, analista del broker AJ Bell. Un’altra grande notizia nel mercato è che l’indice Nikkei è salito del 2%. Nikkei 225
Una generazione,
+2,05%

I dati di FactSet mostrano che la chiusura di venerdì è aumentata del 2,1% e un aumento settimanale del 5,4%, il più grande aumento settimanale dalla fine del 6 novembre 2020.

“La reazione del mercato al suo annuncio mostra che gli investitori sono ottimisti sul fatto che il paese troverà un leader più forte. I titoli minerari, sanitari, immobiliari e tecnologici stanno tutti facendo salire i principali indici giapponesi”, ha osservato Mold.

Allo stesso tempo, a causa dei dati economici deboli dell’indice dei responsabili degli acquisti (PMI) del settore dei servizi ad agosto, il mercato azionario cinese è stato schiacciato: l’indice è stato di 46,7, inferiore al 52,0 previsto, ed è sceso da 54,9 a luglio.

Quali aziende sono al centro?

Azioni Uber Technology Corporation UberÈ sceso dell’1,4%.Venerdì, poiché la società di ride sharing beneficerà di potenziali investimenti in concorrenti cinesi Didi Global. DIDI Secondo l’analista di Gordon Haskett Robert Molins, fornito dal governo cinese. La quotazione dell’azione Didi è salita del 2,1%.

Kraft Heinz. diverso Venerdì è stato reso noto che pagherà un’ammenda civile di 62 milioni di dollari per risolvere l’indagine della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti su politiche contabili, procedure e controlli interni. Il prezzo delle sue azioni è sceso dello 0,3%.

Azioni Mela. AAPL Dan Ives, un analista rialzista a lungo termine di Wedbush, ha affermato che prima del rilascio dell’ultima versione, il prezzo delle azioni è aumentato leggermente dello 0,2% dopo che la domanda potenziale per l’iPhone sembrava continuare a essere forte.

Come stanno andando gli altri asset?

Rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni
TMUBMUSD10Y,
1,325%

1,32%, in aumento di quasi 3 punti base intraday.

Indice del dollaro ICE
DXY,
-0,18%

È sceso dello 0,1% a 92.12. L’indice è sceso dello 0,6% ogni settimana.

In Asia, l’indice Shanghai Composite
Shanghai CommScope,
-0,43%

Questa settimana è sceso dello 0,3% ma è aumentato dell’1,7%, l’indice Hang Seng di Hong Kong
Indice Hang Seng,
-0,72%

È sceso dello 0,7% questa settimana, ma è aumentato dell’1,9%.

In Europa, Londra FTSE 100
UKX,
-0,36%

Venerdì l’indice paneuropeo Stoxx 600 ha chiuso in rialzo dello 0,4%
SXXP,
-0,56%

La chiusura è scesa dello 0,6%, spingendo l’indice al ribasso, con un calo settimanale dello 0,1%; CAC 40 a Parigi
PX1,
-1,08%

È sceso dell’1,1% durante la sessione, ma è aumentato dello 0,1% ogni settimana
Dax,
-0,37%

La settimana ha chiuso in calo dello 0,4% e in calo dello 0,5%.

Venerdì i prezzi del petrolio sono scesi invariati, il greggio Brent di riferimento
BRN00,
-0,38%

Il prezzo del greggio per la consegna di ottobre sul New York Mercantile Exchange è stato di 72,99 dollari al barile, quasi invariato.
CLV21,
-0,67%

È sceso dello 0,6% a 69,54 dollari USA al barile.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *