Disperati, gli Stati Uniti cercano paesi disposti ad accogliere rifugiati afghani Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: la bandiera degli Stati Uniti si riflette sulla finestra dell’ambasciata degli Stati Uniti a Kabul, Afghanistan, 30 luglio 2021. REUTERS/Stringer

Autori: Idrees Ali, Humeyra Pamuk e Jonathan Landay

Washington (Reuters)-Quattro funzionari degli Stati Uniti hanno detto a Reuters che l’amministrazione del presidente Joe Biden ha condotto colloqui segreti con più paesi di quelli precedentemente noti al fine di ottenere una soluzione temporanea per l’accordo del governo degli Stati Uniti per i lavoratori afghani in pericolo.

Discussioni precedentemente non segnalate con paesi come il Kosovo e l’Albania hanno evidenziato il desiderio del governo di completare in sicurezza il processo di approvazione del visto statunitense, proteggendo al contempo gli afghani associati agli Stati Uniti dalle ritorsioni dei talebani.

Mentre i talebani rafforzano il loro controllo sull’Afghanistan https://www.reuters.com/world/asia-pacific/embassies-get-staff-out-afghanistan-taliban-claim-two-big-cities-2021-08-13 At un tasso allarmante in Afghanistan, gli Stati Uniti hanno annunciato giovedì che invieranno 1.000 dipendenti in Qatar per accelerare l’elaborazione delle domande di visto speciale per immigrati (SIV).

Gli afgani che hanno prestato servizio come interpreti del governo degli Stati Uniti e altri lavori hanno il diritto di fare domanda per il programma SIV.

Finora, circa 1.200 afgani sono stati evacuati negli Stati Uniti. Nelle prossime settimane, nell’ambito dell’operazione Ally Asylum, questo numero aumenterà a 3.500, alcuni dei quali andranno alle forze armate statunitensi in Virginia. La base completa le loro pratiche burocratiche, mentre altri vanno direttamente all’host americano.

Temendo che i progressi dei talebani rappresentino una minaccia per i richiedenti SIV che stanno ancora aspettando di essere processati, Washington sta cercando un paese terzo che li ospiti fino a quando non saranno completati i loro documenti e potranno volare negli Stati Uniti.

“È profondamente inquietante che non ci siano piani specifici per evacuare gli alleati che sono stati chiaramente danneggiati”, ha detto Krish O’Mara, presidente dell’Organizzazione luterana per il reinsediamento del servizio di immigrazione e rifugiati Vignarajah).

“È confuso il motivo per cui il governo abbia impiegato così tanto tempo per garantire questi accordi”, ha detto.

I paesi esitano

Due funzionari degli Stati Uniti, che hanno chiesto di non essere nominati, hanno affermato che i paesi esitano ad ammettere gli afgani a causa delle preoccupazioni sulla qualità delle revisioni di sicurezza e dei controlli sanitari COVID-19 prima di consentire loro di volare.

Il governo Biden sta esplorando modi per consentire a Kazakistan, Tagikistan e Uzbekistan di accettare migliaia di candidati, ma questo sforzo ha avuto scarso effetto.

“Potresti essere preoccupato: ‘Chi sono queste persone? Come conosci queste persone? Puoi garantire che queste persone possono ottenere i visti per gli Stati Uniti? Chi si prenderà cura e sosterrà queste persone. E se queste persone vagano in giro? Lascia questo struttura, li hai fatti entrare?” ha detto un alto funzionario del Dipartimento di Stato.

Il funzionario ha rifiutato di confermare il paese che sta negoziando con gli Stati Uniti.

Un altro funzionario degli Stati Uniti e un’altra persona che ha familiarità con la questione hanno affermato che l’accordo per ospitare circa 8.000 afgani in Qatar, che ha una grande base militare americana, è stato completato da diverse settimane, ma non è stato ancora annunciato un accordo formale.

I funzionari hanno avvertito che i rapidi cambiamenti nella situazione in Afghanistan potrebbero ostacolare il progresso di qualsiasi potenziale accordo.

I funzionari hanno affermato che la riluttanza di alcuni paesi a spingere il governo a fare appello ad altri paesi, se Washington fornisce assistenza, questi paesi potrebbero essere disposti ad aiutare.

Secondo fonti, gli Stati Uniti hanno offerto concessioni economiche e politiche al Kosovo per aver accettato migliaia di afgani, ma Washington ha espresso preoccupazione per la sua capacità di accogliere gli afgani.

Il ministero degli Esteri del Kosovo non ha risposto a una richiesta di commento. Le ambasciate di Albania, Kazakistan, Tagikistan e Uzbekistan non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

“Non posso andarmene”

I 1.200 afghani che sono stati evacuati sono solo una piccola parte delle 21.000 persone in attesa di candidatura al SIV e l’amministrazione Biden sta ancora lavorando duramente per trovare rifugi temporanei per gli sfollati.

I sostenitori stimano che il numero totale di persone evacuate nell’ambito del piano SIV, compresi i familiari, sia compreso tra 50.000 e 80.000.

James Miervaldis, presidente del consiglio di amministrazione di No One Left Behind, un’organizzazione che aiuta i richiedenti SIV ad arrivare negli Stati Uniti, ha affermato che sembra improbabile che la maggior parte dei richiedenti SIV venga ritirata.

Milvardis, un sottufficiale della riserva dell’esercito che ha prestato servizio in Iraq e in Afghanistan, ha dichiarato: “La matematica e il calendario non tornano… Queste persone non potranno andarsene”.

Questo problema è stato seguito da vicino dai membri del Congresso, inclusi gli alleati di Biden.

“Dobbiamo mantenere la nostra promessa alle migliaia di afgani che hanno rischiato la vita per aiutarci. Ora è il momento per Biden (il governo) di ridurre la burocrazia e finire il lavoro”, afferma la rappresentante democratica Sara Jacobs.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *