Dopo aver esercitato pressioni sulle società di telecomunicazioni, il governo militare del Myanmar vieta ai dirigenti di andarsene Da Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: il 15 febbraio 2021, a Yangon, in Myanmar, i soldati stanno accanto ai veicoli militari mentre le persone si riuniscono per protestare contro il colpo di stato militare. REUTERS/Stringer/Foto d’archivio

2/2

Fanny Potkin

Singapore (Reuters)-Una persona a conoscenza diretta della questione ha affermato che il governo militare del Myanmar ha detto ai dirigenti stranieri delle principali società di telecomunicazioni del Myanmar di non lasciare il Paese senza permesso.

La persona a conoscenza della questione ha affermato che un ordine riservato emesso dal Ministero delle poste e delle telecomunicazioni (PTD) del Myanmar a metà giugno affermava che gli stranieri e gli alti dirigenti dei cittadini del Myanmar devono richiedere un’autorizzazione speciale per lasciare il paese.

Una settimana dopo, la società di telecomunicazioni ha ricevuto una seconda lettera in cui si informava che dovevano implementare completamente la tecnologia di intercettazione entro lunedì 5 luglio. In precedenza era stato loro richiesto di installarla in modo che le autorità potessero monitorare le telefonate, i messaggi e il traffico di rete, e monitorare gli utenti stessi. La fonte ha detto. Reuters deve ancora vedere l’ordine.

Queste istruzioni sono state impartite dopo che il governo militare ha esercitato pressioni su queste società, che ogni giorno affronta le proteste degli oppositori e sempre più ribelli vogliono attivare la tecnologia spyware.

Il portavoce militare non ha risposto alle molteplici richieste di commento. Il governo militare non ha mai commentato la sorveglianza elettronica, ma poco dopo il suo insediamento ha annunciato che il suo obiettivo era quello di approvare una legge sulla sicurezza informatica che richiederebbe ai fornitori di telecomunicazioni di fornire dati quando richiesto e di eliminare o prevenire qualsiasi cosa ritenuta sabotata” Unity, stabilità e stabilità”. Pace”. Ha inoltre rivisto la legge sulla privacy per liberare le forze di sicurezza per intercettare le comunicazioni.

Il divieto di viaggio è stato attuato dopo che i funzionari militari hanno esercitato pressioni sull’implementazione delle apparecchiature di sorveglianza. La fonte, che ha chiesto l’anonimato per paura di ritorsioni, ha affermato che il divieto aveva lo scopo di costringere le società di telecomunicazioni a completare l’attivazione della tecnologia spyware, sebbene l’ordine stesso non ne spiegasse il motivo.

Altre tre fonti di telecomunicazioni, che non hanno voluto essere nominate, hanno affermato che le autorità hanno aumentato la pressione per intercettare queste società, ma hanno rifiutato di approfondire. Due fonti hanno affermato che i funzionari militari hanno ripetutamente avvertito l’azienda di non parlare pubblicamente o con i media durante l’intercettazione.

Telenor ha rifiutato di commentare. Non c’è stata risposta immediata alle richieste di commento di Ooredoo, MPT di proprietà statale e Mytel (una joint venture tra Viettel del Vietnam e un conglomerato di proprietà dell’esercito del Myanmar).

Secondo un rapporto di Reuters a maggio, pochi mesi prima del golpe del 1 febbraio, ai fornitori di servizi di telecomunicazioni e Internet è stato ordinato di installare spyware di intercettazione per consentire ai militari di intercettare le comunicazioni dei cittadini.

Reuters non è stata in grado di determinare l’ambito di installazione e implementazione della tecnologia di sorveglianza, ma quattro fonti hanno affermato che la Norvegia Telecom norvegese ASA (OTC:) e Ooredoo QPSC del Qatar non hanno ancora pienamente rispettato.

La prima azione dei militari il 1° febbraio è stata quella di tagliare l’accesso a Internet, ma non è stato completamente ripristinato: la società di telecomunicazioni elenca regolarmente i siti web da bloccare e i numeri di telefono dei militanti.

Queste misure hanno reso incerto il futuro dell’industria delle telecomunicazioni del Myanmar, che è stata una delle industrie in più rapida crescita al mondo. Telenor ha detto venerdì che sta valutando il futuro delle sue operazioni nel paese e una fonte ha detto a Reuters che sta considerando di vendere la sua unità in Myanmar.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati facendo affidamento su dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

1 commento su “Dopo aver esercitato pressioni sulle società di telecomunicazioni, il governo militare del Myanmar vieta ai dirigenti di andarsene Da Reuters

    gabriele

    (5 Luglio 2021 - 11:41)

    Sono completamente matti! In ogni caso non è corretto parlare di “governo militare”: di fatto non c’è nessun governo al momento e l’esercito non ha ottenuto alcuna legittimazione internazionale. Si dovrebbe parlare solamente di “giunta militare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *