Dopo aver perso la Coppa dei Campioni nel 2020, i giocatori inglesi neri affrontano il razzismo Reuters

[ad_1]

© Reuters.Calcio-Finale Euro 2020-Italia vs. Inghilterra-Wembley Stadium, Londra, Inghilterra-11 luglio 2021 Marcus Rashford e Jaden Sancho dell’Inghilterra si preparano a passare Reuters/Carl Resin ha giocato come sostituto

Autore: Michael Holden e Mitch Phillips

LONDRA (Reuters)-I giocatori di colore della squadra di calcio inglese hanno subito una tempesta di abusi razzisti online dopo aver perso la finale di Euro 2020, che ha suscitato una diffusa popolarità tra capitani delle squadre, dirigenti, reali, leader religiosi e politici condannati.

Il 23enne Marcus Rashford, il 21enne Jaden Sancho e il 19enne Bucayo Saka sono stati oggetto di abusi dopo aver sbagliato un rigore ai calci di rigore con l’Italia. 1 pareggio nella finale di domenica.

Questi commenti hanno innescato indagini della polizia e una condanna diffusa, anche se i critici hanno accusato alcuni ministri di ipocrisia perché si sono rifiutati di sostenere la posizione antirazzista di alto profilo dei giocatori durante la partita.

Il capitano dell’Inghilterra Harry Kane ha scritto su Twitter: “I tre ragazzi che si sono comportati bene per tutta l’estate hanno il coraggio di alzarsi e prendere penne quando la posta in gioco è alta”.

“Meritano supporto e sostegno, non i vili abusi razzisti che hanno subito dalla scorsa notte. Se abusi di qualcuno sui social media, non sei un fan di @England e non ti vogliamo”.

L’allenatore dell’Inghilterra Gareth Southgate ha definito l’abuso “imperdonabile”.

Ha detto in conferenza stampa: “So che molti di loro vengono dall’estero. Le persone che seguono queste cose possono spiegarlo, ma non tutte”.

La squadra inglese ha ottenuto elogi per la sua posizione antirazzista e molti giocatori hanno anche fatto una campagna per altre cause sociali. La composizione multirazziale della squadra è salutata come il riflesso di una Gran Bretagna moderna più diversificata.

La squadra si è inginocchiata prima di tutte le partite per evidenziare la questione del razzismo: il quarterback del football americano Colin Kaepernick ha protestato e l’anno scorso è stato un movimento di vita per i neri, definendolo una semplice manifestazione di solidarietà contro la discriminazione razziale. .

Tuttavia, alcuni fan hanno deriso questo gesto e i critici lo hanno visto come un’espressione di simpatia per la politicizzazione dello sport e della politica di estrema sinistra.

Alcuni ministri sono stati accusati di ipocrisia come atto per prevenire l’ingiustizia razziale e sociale per aver rifiutato di criticare quei fischi e averli usati come parte di una più ampia “guerra culturale”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha scritto su Twitter: “Questa squadra inglese dovrebbe essere elogiata come un eroe, non discriminata dal punto di vista razziale sui social media”. “I responsabili di questo spaventoso abuso dovrebbero vergognarsi di se stessi. .”

Sebbene lo stesso Johnson abbia affermato che la squadra non dovrebbe essere fischiata, il suo stesso portavoce inizialmente si è rifiutato di criticare i fan su questo tema quando gli è stato chiesto il mese scorso.

‘Accendere il fuoco’

Il ministro dell’Interno Priti Patel ha anche affermato di non supportare i giocatori in ginocchio perché questa è “politica gestuale” e i fan possono scegliere se fischiare i giocatori. Lunedì si è unita alla condanna degli abusi, ma è stata criticata dal difensore dell’Inghilterra Tyrone Mins.

“Non puoi etichettare i nostri messaggi contro il razzismo come ‘politica del gesto’ all’inizio del gioco, e poi fingere di essere disgustato quando accade qualcosa contro cui facciamo campagna”, ha scritto nel post. Twitter.

Il partito laburista dell’opposizione ha affermato che Johnson e Patel erano colpevoli di ipocrisia.

Il leader del partito laburista, Keir Starmer, ha dichiarato: “Il primo ministro non ha fischiato, quindi quello che ha detto oggi suona vuoto”.

Sebbene anche i feed dei social media dei giocatori abbiano mostrato un grande supporto, l’abuso ha mascherato il messaggio positivo.

L’arcivescovo di Canterbury Justin Welby ha affermato che coloro che hanno abusato dei giocatori devono essere ritenuti responsabili. Il presidente della British Football Association, il principe William, ha dichiarato di essere malato. -racist-abuse-england-players-2021-07-12.

Il nipote della regina Elisabetta ha dichiarato: “È totalmente inaccettabile che i giocatori debbano sopportare questo comportamento abominevole”.

Il sette volte campione del mondo di Formula 1 Lewis Hamilton ha espresso sostegno per https://www.reuters.com/lifestyle/sports/f1-world-champion-hamilton-condemns-racist-abuse-england-players-2021-07-12 giocatore.

La Federcalcio ha dichiarato che non avrebbe accolto i tifosi che hanno mostrato un tale “comportamento disgustoso”, e anche l’organo di governo del calcio europeo UEFA ha chiesto la punizione più severa.

La polizia di Londra ha dichiarato che gli agenti erano venuti a conoscenza di questi commenti offensivi e razzisti e avrebbero preso provvedimenti. Anche un murale a Rashford è stato abusato e ha fatto una campagna per un maggiore sostegno ai bambini svantaggiati durante la pandemia.

Anche un membro del Partito Conservatore del Primo Ministro Johnson si è scusato in un messaggio privato, suggerendo che Rashford dovrebbe dedicare più tempo a perfezionare il suo gioco invece di “giocare con la politica” per essere reso pubblico.

Il problema dell’abuso dei giocatori online ha portato le autorità calcistiche britanniche a boicottare brevemente le piattaforme di social media prima della partita e il Regno Unito sta pianificando una legislazione per costringere le aziende tecnologiche a fare di più.

Un tipo Azienda Twitter (NYSE:) Un portavoce ha dichiarato di aver cancellato più di 1.000 tweet e sospeso più account in modo permanente. Facebook (Nasdaq:) ha detto che ha anche cancellato rapidamente i commenti offensivi.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *