Dopo aver superato lo stress test, Bank of America è pronta a riacquistare ingenti somme di denaro

[ad_1]

La Fed ha ulteriormente allentato le restrizioni sui dividendi e sui riacquisti sulle maggiori banche statunitensi perché ha pubblicato un’analisi che mostra che queste banche potrebbero subire perdite di quasi 500 miliardi di dollari, ma possono comunque soddisfare facilmente i requisiti patrimoniali.

23 banche, tra cui JPMorgan Chase e Goldman Sachs, sono state sottoposte a uno “stress test” da parte della Federal Reserve, che ha simulato le perdite finanziarie causate da una serie di crisi finanziarie. Scena apocalitticaQuesti includono il crollo del mercato azionario statunitense, il forte calo della produzione economica e la grave situazione degli immobili commerciali.

I risultati annunciati giovedì saranno Riacquisti di azioni e dividendi multimiliardariQuesto è ciò che gli investitori bancari aspettavano con impazienza.

“Nell’ultimo anno, la Fed ha condotto tre stress test su diverse ipotetiche recessioni, che confermano la capacità del sistema bancario di sostenere una ripresa sostenuta”, afferma Randall Quarles, vicepresidente della supervisione della Fed.

Lo stress test annuale mostra che la più grande banca del paese può sopportare 474 miliardi di dollari di prestiti e altre perdite di posizione e ha ancora più del doppio del capitale Tier 1 (CET1) di azioni ordinarie di alta qualità richiesto per le sue attività ponderate per il rischio.

Tra le banche con sede negli Stati Uniti, i gruppi bancari di investimento Goldman Sachs e Morgan Stanley hanno sofferto di più nei loro coefficienti patrimoniali nello stress test, scendendo rispettivamente di 5,9 e 4,7 punti percentuali.

Al contrario, le 23 banche testate hanno perso in media 2,4 punti percentuali, comprese le filiali statunitensi di banche estere con importanti operazioni negli Stati Uniti.

Rispetto agli anni precedenti, il debito dei consumatori ha rappresentato una percentuale inferiore delle perdite totali, poiché la maggior parte dei clienti al dettaglio ha pagato carte di credito e altri prestiti durante la pandemia di Covid-19 nell’ultimo anno. Ma l’aumento delle perdite attese sui prestiti commerciali e industriali ha compensato questo calo. Quasi $ 160 miliardi di perdite provenivano da immobili commerciali e prestiti aziendali.

Riserva federale Limite di dividendo E quando è scoppiata la pandemia lo scorso anno, i riacquisti di azioni sono stati vietati. La banca centrale ha allentato alcune di queste restrizioni all’inizio del 2021, ma limita ancora la quantità di fondi che le banche possono restituire agli azionisti a non più degli utili cumulati dei quattro trimestri precedenti.

La Fed ha già dichiarato che lo farà Ritirarsi Queste restrizioni attendono inoltre i risultati dello stress test annuale pubblicato giovedì, che sono richiesti dai regolamenti finanziari Dodd-Frank introdotti dopo la crisi.

Le grandi banche sono supportate da misure di stimolo del governo e da forti entrate da transazioni e transazioni, e anche i loro livelli di capitale si sono gonfiati in parte a causa delle restrizioni sui dividendi degli azionisti.

Secondo alti funzionari della Fed, la Fed si aspetta che le banche aspettino fino a lunedì per analizzare i risultati dello stress test prima di annunciare nuovi piani di dividendi per gli azionisti.

Gli analisti di Barclays stimano che tra le 20 istituzioni correlate che copre, la banca mediana restituirà più del 100% dei suoi guadagni agli azionisti il ​​prossimo anno e restituirà capitale agli investitori vicino a 200 miliardi di dollari.

Secondo il test, la Fed stipulerà anche un capitale CET1 superiore al minimo regolamentare per ciascuna banca, che devono mantenere attraverso il cosiddetto buffer di capitale di pressione. Il coefficiente CET1 misurato dalle attività ponderate per il rischio è un importante parametro di riferimento per la stabilità finanziaria.

Le banche di solito mirano a mantenere il capitale al di sopra dei minimi regolamentari.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *