Dopo che la restrizione Covid è stata revocata, il Regno Unito ha ripreso a indossare le mascherine

[ad_1]

Dopo che le restanti restrizioni sul coronavirus sono state revocate il 19 luglio, il Regno Unito è regredito in termini di utilizzo delle mascherine.Un alto ministro ha affermato che poiché il numero di casi continua a crescere bruscamente, le mascherine dovrebbero ancora essere indossate al chiuso.

Boris Johnson una volta ha affermato che indossare maschere in Inghilterra sarà una “scelta personale” e che il governo porrà fine all'”obbligo legale di indossare maschere”. Mercoledì, anche il primo ministro è stato fotografato senza mascherina in macchina al ritorno dalla partita di calcio di Euro 2020.

Con la variante Delta che sta dilagando nel Paese, la posizione del governo sulle mascherine è stata criticata da scienziati e politici dell’opposizione. Sabato sono stati registrati 32.367 nuovi risultati positivi.

Domenica, il ministro dei vaccini Nadhim Zahawi (Nadhim Zahawi) e Johnson hanno preso posizioni diverse, sottintendendo che il governo consiglierebbe alle persone di procedere con maggiore cautela. Ha detto a Sky News che il governo potrebbe ancora raccomandare maschere dopo la fine dell’obbligo legale.

“È importante rimanere cauti e cauti. Le linee guida che svilupperemo domani lo dimostreranno, comprese le linee guida che richiedono alle persone di indossare maschere in spazi chiusi e, naturalmente, di tenere le mani e il viso vigili”, ha affermato.

Zahavi ha anche detto alla BBC che Johnson avrebbe sottolineato la cautela nell’annunciare che le restrizioni finali scadranno il 19 luglio. “Le linee guida saranno molto chiare, come indossare maschere, al chiuso, luoghi affollati e trasporti pubblici”.

Il partito laburista dell’opposizione ha chiesto l’obbligo di indossare le mascherine sui mezzi pubblici. Il ministro dell’Istruzione ombra Kate Green ha descritto la politica del governo domenica come “il segreto della confusione”.

Il ministro della Sanità Sajid Javid ha ribadito la decisione di Johnson di continuare ad allentare le restrizioni di blocco a causa del rapido aumento del numero di casi e ricoveri e ha affermato che a causa dell’ulteriore pressione sul SSN, la lista d’attesa dell’ospedale potrebbe aumentare a 13 milioni.

Javid ha dichiarato al Sunday Telegraph di essere “fiducioso” che la politica di allentamento del 19 luglio continuerà, ma è “scioccato” che la lista d’attesa possa aumentare notevolmente.

“La cosa che mi ha scioccato di più è che prima che mi dicessero che la lista d’attesa sarebbe peggiorata, sarebbe migliorata”, ha detto. “Sentendo il numero di 13 milioni, ero completamente concentrato. Questo sarà uno dei miei primi compiti, perché non possiamo averlo”.

Javid ha dichiarato che l’elaborazione dell’attuale arretrato di circa 5,3 milioni di ordini è una priorità assoluta e ha promesso di eliminare l’arretrato “il prima possibile”. Ma ha avvertito che ci vorrà “una notevole quantità di tempo per ripulire”.

Allo stesso tempo, Zahavi ha minimizzato i rapporti secondo cui Downing Street sta cercando di ridurre il divario tra la prima e la seconda dose di vaccino da otto settimane a quattro settimane.

Il Sunday Times ha riferito che a causa del calo della domanda per la prima iniezione, No. 10 richiede un comitato congiunto indipendente di vaccinazione e immunizzazione per ridurre l’intervallo tra le ispezioni. Il governo dovrebbe lanciare un blitz pubblicitario per incoraggiare più persone di età compresa tra 18 e 24 anni a farsi vaccinare.

Ma Zahawi ha affermato che ciò è improbabile e ha sottolineato che l’intervallo di otto settimane fornisce una protezione “migliore” per Covid-19. Un funzionario del governo ha dichiarato: “È improbabile che ciò accada”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *